Mancano pochissimi giorni alla scadenza dei termini di presentazione delle domande per l’inserimento nella Graduatorie di Istituto di seconda e terza fascia del personale docente: c’è tempo fino a sabato 24 giugno. Un appuntamento particolarmente importante per tutti gli aspiranti insegnanti, se si pensa che le Graduatorie saranno valide per tutto il triennio 2017/2018, 2018/2019 e 2019/2020.

Vediamo allora cosa bisogna fare per essere inseriti in seconda e terza fascia e quali moduli è necessario inviare.

Per approfondire, visita la nostra sezione dedicata alla Scuola.

 

Graduatorie di Istituto, confermata la scadenza del 24 giugno

Partiamo con la conferma della data di scadenza per tutti fissata a sabato 24 giugno. Nonostante sempre più scuole in tutta Italia stiano iniziando ad adottare l’orario europeo, con alcune lezioni pomeridiane durante la settimana e chiusura di sabato, il termine per la presentazione delle domande non subirà variazioni di sorta. Le segreterie degli istituti resteranno aperte in ogni caso anche sabato 24: tutti i candidati, in altre parole, avranno lo stesso numero di giorni a disposizione.

Quali modelli bisogna compilare?

Ricordiamo che la domanda di inserimento o aggiornamento della Graduatoria dovrà essere presentata servendosi dei modelli A1, A2, A2 bis e B. I modelli A1, A2 e A2 bis sono cartacei e possono essere consegnati nelle scuole tramite raccomandata a/r o recandosi materialmente presso le segreterie degli istituti. Nel caso di invio via posta, la domanda dovrà essere spedita entro il 24 giugno: a far fede sarà il timbro postale.

Il modello A1 è riservato ai docenti che richiedono l’inserimento o l’aggiornamento nelle graduatorie di seconda fascia; i modelli A2 e A2 bis sono invece relativi all’inserimento in terza fascia. In particolare, il modello A2 serve ai docenti che presentano domanda esclusivamente per insegnamenti in cui erano già presenti in graduatoria e il modello A2 bis è riservato a chi presenta domanda anche per nuovi insegnamenti.

Il modello B è comune invece a tutti i richiedenti, deve essere inviato con modalità telematiche e serve a indicare la scelta delle scuole dove si vuole insegnare.

Seconda e terza fascia, quali titoli bisogna possedere?

Ma di quali titoli bisogna essere in possesso per rientrare nella seconda e nella terza fascia delle nuove Graduatorie di Istituto 2017-2020?

Per legge, possono essere inclusi in seconda fascia i docenti che sono in possesso di specifica abilitazione all’insegnamento conseguita a seguito di concorsi per titoli ed esami, laurea in scienze della formazione, diploma quadriennale di didattica della musica o abilitazione all’insegnamento rilasciato da uno degli Stati dell’Unione Europea. Sono inoltre inclusi i docenti della scuola dell’infazia e della scuola primaria in possesso del diploma di maturità magistrale o del diploma triennale di scuola magistrale conseguiti entro l’anno scolastico 2001/2002. Possono invece accedere alla terza fascia tutti i docenti che sono in possesso del titolo di studio valido per l’accesso all’insegnamento.

Ma attenzione: tutti i requisiti sopraelencati devono essere già posseduti alla data del 24 giugno 2017. Non sono previste inclusioni nelle Graduatorie con riserva, e quindi chi conseguirà il titolo di studio richiesto a luglio o agosto non sarà incluso.

 

Volume consigliato:

Sostegno nelle scuole di ogni ordine e grado

Sostegno nelle scuole di ogni ordine e grado

Pietro Boccia, 2017, Maggioli Editore

L’opera è un utilissimo strumento per futuri insegnanti impegnati in prove concorsuali e per l’aggiornamento professionale di quanti già esercitano la professione nelle scuole di ogni ordine e grado. In un unico testo di immediata consultazione si è...




CONDIVIDI
Articolo precedenteEsistenza digitale: le sfide del giurista contemporaneo
Articolo successivoElenco delle spese deducibili e detraibili

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here