Pensione Anticipata e Legge 104

L’Ape sociale introdotta dalla Legge di Stabilità 2017 e in vigore a partire dal prossimo 1° maggio prevede la pensione anticipata a 63 anni senza penalizzazioni per i lavoratori che assistono da almeno 6 mesi il parente convivente con handicap grave. Tale misura potrebbe costituire un’ottima soluzione per migliaia di lavoratori in una simile condizione esclusi dalla riforma Fornero e dalle successive salvaguardie esodati.

In che modo? Vediamo di quali benefici potrebbero usufruire con l’Ape i parenti di persone con disabilità grave.

Come funziona l’Ape sociale 2017?

L’Ape sociale è la tipologia di anticipo pensionistico che consente a determinate categorie di lavoratori in situazione di difficoltà di andare in pensione a 63 anni (quindi fino a 3 anni e 7 mesi prima del previsto) senza dover ricorrere a prestiti bancari e dunque senza dover restituire alcuna rata. L’intero processo è, in altre parole, a carico dello Stato.


Solo determinate categorie di lavoratori, tuttavia, hanno diritto all’Ape sociale a costo zero. Possono infatti usufruire del beneficio i disoccupati che non percepiscono le prestazione per la disoccupazione da almeno 3 mesi, gli invalidi civili con invalidità uguale o superiore al 74%, i lavoratori dipendenti che svolgono mansioni gravose da almeno 6 anni e, per l’appunto, i lavoratori che assistono da almeno 6 mesi un parente convivente con handicap grave.

La condizione di handicap grave è regolamentata dall’Art. 3, comma 3, della Legge 104/1992.

Ape sociale: contano i contributi figurativi?

La Legge di Stabilità 2017 stabilisce che per accedere all’Ape sociale i lavoratori che convivono con un parente di primo grado in condizione di handicap grave devono aver maturato 30 anni di contribuzione.

Per averne la certezza bisognerà aspettare la pubblicazione dei decreti attuativi dell’Ape, ma sembra che nei 30 anni di contribuzione necessari potranno essere calcolati anche i contributi figurativi.

Si ricorda, in ogni caso, che l’Ape sociale non può superare i 1.500 euro mensili.

Vai allo speciale Pensione Anticipata: quando e per chi nel 2017

Il congedo Legge 104 di due anni

Diverso il funzionamento del congedo straordinario di 2 anni per assistenza ai familiari handicappati.

Il congedo, previsto dalla Legge n. 53/2000 e dal D.Lgs n. 151/2001, dà diritto a una sospensione dell’attività lavorativa, che può anche essere frazionata, fino a un massimo di 2 anni. Il lavoratore che assiste il familiare convivente e portatore di handicap ha diritto a un’indennità corrispondente all’ultima retribuzione e l’intero periodo è coperto da contribuzione figurativa.

Il periodo dunque, salvo sorprese, dovrebbe rientrare nei 30 anni di contribuzione previsti per l’accesso all’Ape sociale a 63 anni.

L’Ape sociale per gli esodati Fornero

L’Ape sociale potrebbe dunque costituire un’ancora di salvezza per i lavoratori che hanno usufruito del congedo straordinario per assistere i parenti disabili e che sono stati in seguito penalizzati dalla riforma Fornero.

La riforma del 2012, infatti, alzando i paletti per la pensione anticipata, aveva provocato casi di esodati tra i parenti di persone con handicap grave che avevano usufruito del congedo contando poi di “agganciarsi” alla pensione. Le successive salvaguardie hanno poi tutelato i genitori di figli con disabilità grave, ma non tutti gli altri parenti di primo grado. L’Ape sociale potrebbe adesso cambiare le cose.


CONDIVIDI
Articolo precedenteChe direzione ha preso la tua routine? Un modo semplice per capirlo e correggere il tiro.
Articolo successivoComunicazione Beni in Godimento ai Soci: abolita dal Milleproroghe

4 COMMENTI

  1. Sono del 1958, ho 32 anni di contributi più 5 in Francia. Seguo mia madre che Ha il100x100 di invalidità (legge 104).Quando posso andare in pensione? Grazie!!

  2. Sono una insegnante di scuola secondaria di I grado. Ho 65 anni compiuti ad agosto. Sono portatrice di handicap grave legge 104 art. 3 comma 3. Desidererei sapere se rientrero’ nella categoria che potra’ usufruire dell’ APE SOCIALE 2017. Attendo una cortese risposta. Grazie

  3. sono un dipendente civile dello stato,compiro’ 64 anni e 37 di contributi ;il 28-03-2017 (anno di nascita 1953);attualmemnte in busta paga € – 1400.00.Per noi esisterebbe l’ape social sensa pagare su quel po’ che ci daranno come pensione?

  4. buongiorno maturo 41 il 31/12/2017 ho 58 anni ho iniziato a lavorare il 1/07/1975 a quale forma pensionistica posso usufruire faccio parte alle mansioni gravose la mia mansione autista raccoglitore porta porta posso avere una risposta buona giornata nero sabino

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here