Rottamazione cartelle Equitalia vicina

Rottamazione Cartelle Equitalia. Ormai vicina la scadenza del 28 febbraio 2017, entro la quale Equitalia comunicherà a coloro che hanno aderito i debiti pendenti suscettibili di rottamazione. Per aderire, c’è ancora tempo fino al prossimo 31 marzo 2017, termine dopo il quale non sarà più possibile beneficiare dell’agevolazione agevolata.

Ti interessa l’argomento? Leggi questo ebook!

Calcolo Rottamazione Cartelle Equitalia: cosa si paga?

I contribuenti che aderiscono potranno usufruire del beneficio di non pagare anche le sanzioni e gli interessi di mora riconducibili ai ruoli di cui il pagamento non risulti ancora perfezionato. Per quanto concerne le multe stradali, invece, saranno escluse dal pagamento maggiorazioni e interessi di mora.

In particolare, possono essere rottamate tutte le cartelle emesse tra il 1° gennaio 2000 e la fine del 2016.

Tuttavia, i contribuenti dovranno comunque pagare gli altri importi. Nello specifico, sono in ogni caso dovuti, oltre alla somma di base:

  • gli interessi da ritardata iscrizione al ruolo;
  • le somme maturate a titolo di aggio, da calcolare però solo sul capitale e sugli interessi;
  • le spese per le procedure esecutive;
  • le spese di notifica della cartella.

Rottamazione Cartelle Equitalia: come aderire?

I contribuenti che possono aderire alla rottamazione delle cartelle dovranno compilare con i propri dati il modulo “DA1” di dichiarazione di adesione alla definizione agevolata, qui in allegato, entro il termine ultimo del 31 marzo 2017.

Scarica qui il Modulo di Adesione

I debitori potranno inoltre scegliere se procedere al pagamento in un’unica soluzione oppure a rate.

Le somme dovute a Equitalia, in particolare, possono essere pagate in cinque rate tra il 2017 e il 2018. I versamenti delle rate, tuttavia, dovranno coprire il 70% dell’importo totale nel 2017 e solo il 30% nel 2018. Nello specifico:

  • la prima rata (luglio 2017) dovrà coprire il 24% della somma;
  • la seconda rata (settembre 2017) dovrà coprire il 23% del dovuto;
  • la terza rata (novembre 2017) dovrà coprire il 23% del dovuto;
  • la quarta rata (aprile 2018) interesserà il 15% del dovuto;
  • la quinta rata (settembre 2018) dovrà coprire infine il restante 15% della somma.

Recentemente, Telefisco ha fornito chiarimenti in merito a questione rimaste dubbie tra i professionisti.

Per consultare tutte le FAQ più frequenti, leggi:

Rottamazione cartelle esattoriali 2017, tutti i chiarimenti di Telefisco

 

Come rottamare le cartelle di Equitalia

Come rottamare le cartelle di Equitalia

M. Villani - F. Attanasi, 2016, Maggioli Editore

Il seguente testo illustra come applicare la novella normativa che introduce la rottamazione delle cartelle esattoriali di Equitalia. Con un taglio operativo si analizzano le casistiche concrete e si delineano le caratteristiche specifiche per ogni tipologia di cartella. Oltre allo studio...




CONDIVIDI
Articolo precedenteLegge 104 e Milleproroghe 2017: Disabilità e Lavoro, cosa cambia?
Articolo successivoOttava Salvaguardia Esodati: scadenza vicina. Come fare domanda Inps

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here