rimborso

Secondo CGIL, CISL e UIL è a rischio la rivalutazione relativa alle pensioni del biennio 2012-2013: a causa dello scattare della prescrizione del diritto, infatti, verrebbe impedito ai pensionati di beneficiare del rimborso totale della mancata rivalutazione monetaria.

Ma procediamo con ordine a far luce sulla vicenda.

Per approfondire, speciale RIFORMA PENSIONI

Cosa rischio se si prescrive il mio diritto al rimborso?


Il Governo Renzi, con il D.L. 20 marzo 2014, n. 34, c.d. “Decreto Poletti”, ha stabilito la rimborsabilità solo parziale di alcune somme relative ai trattamenti pensionistici: sulle stesse voci (tutte quelle superiori a tre volte il minimo) già nel 2011 era intervenuta una Riforma che bloccava l’ipotesi di una loro rivalutazione.

La Corte Costituzionale fu interpellata rispetto alla legittimità della suddetta riforma, e si espresse in senso negativo, con sent. n° 70/2015. A seguito dell’emanazione del decreto legge, poi, è stata sollevata una nuova questione di legittimità rispetto alla parzialità del rimborso che lo stesso vorrebbe riconoscere ai pensionati.

SPECIALE PENSIONI: scopri qui l’eBook di 82 pagine in formato PDF con 1 anno di aggiornamenti inclusi inviati direttamente tramite email!

Come posso evitare la prescrizione del diritto al rimborso?

Ad oggi la questione è al vaglio della Consulta, che deve ancora esprimersi. Tuttavia, i sindacati si dicono preoccupati perché, anche nell’ipotesi in cui la Corte consideri illegittimo il Decreto Poletti, probabilmente l’Inps potrebbe rigettare la richiesta di rimborso dei pensionati perché ne risulterebbe prescritto il diritto: la prescrizione relativa ai ratei pensionistici è quinquennale (ex l.98/2011). Di conseguenza, il rischio di diniego è tangibile, visto che tali presunti crediti risalgono al 2012.

L’unico modo per ovviare a tale inconveniente è quello prospettato da CGIL, CISL e UIL: inviare, a mezzo raccomandata, una richiesta all’Inps che interrompa i termini di prescrizione entro e non oltre il 31 dicembre 2016.

Sui siti web dei sindacati, per i pensionati, è possibile reperire un modulo di istanza già redatto.

Potrebbe interessarti anche lo speciale sul JOBS ACT


CONDIVIDI
Articolo precedenteIva 2016: scaduto termine per pagare acconto. Nuove sanzioni 2017
Articolo successivoLegge privacy: cosa cambia per diritto all’oblio, accesso ai cedolini e fecondazione assistita

3 COMMENTI

  1. I presagi, a mio avviso, si tramuterà nella continuazione sine die del blocco totale. Non ci soino risorse (24 miliardi circa) che, lo Stato in bancoratta, non è in grado di farvi fronte. Anzi, è molto probabile, che, dopo le elezioni, si aprirà la via di traformare il retributivo a contributivo. E’ il pezzo forte di Boeri, di tutto si preoccupa, trannde dell’ immenso patrimonio che l’ INPS, che sarei curioso di controllare la gestione.

  2. Le leggi vanno rispettate…prima dai governanti e poi dai cittadini, perciò i soldi c’è li devono dare volenti o nolenti.le leggi non vanno interpretate a modo loro,altrimenti qui in Italia siamo e saremo inguaiati per sempre

  3. ricalcolare tutte le pensioni con il contributivo. solo cosi’ i sindacati salverebbero la faccia

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here