imposte

Chi deve versare l’IVA?

È in scadenza l’ultimo versamento IVA per l’anno 2016. La data è il 27 dicembre prossimo e sono tenuti ad ottemperare tutti i contribuenti (imprese e lavoratori autonomi), esclusi quelli che hanno adottato il regime forfettario o quello dei minimi.

Inoltre, se l’importo dovuto è inferiore a 103,29 euro, non è dovuto alcun versamento di imposta.

Sono diversi i metodi con cui adempiere al pagamento dell’imposta indiretta. Vediamoli insieme.

Il metodo storico


Primo fra tutti è il metodo storico, che consiste nel saldo del debito residuale del 12%. L’acconto IVA è infatti dell’88%. Ciò che cambia è l’arco temporale e contributivo di riferimento, che varia a seconda della periodicità di liquidazione del contribuente. La base di riferimento sarà quindi individuata nella liquidazione a debito relativa:

  • Al mese di dicembre 2015, per i contribuenti mensili e mensili posticipati;
  • Al quarto trimestre 2015, per i contribuenti trimestrali speciali ex articolo 74, comma 4, del D.P.R. 633/1972;
  • A ciò che risulterà dalla dichiarazione IVA relativa all’anno 2015, per i contribuenti trimestrali per opzione.
Regimi speciali IVA

Regimi speciali IVA

Salvatore Giordano - Salvatore Dammaco - Caterina Dell’Erba - Ennio Vial, 2015, Maggioli Editore

Questo nuovissimo volume fornisce il quadro completo della disciplina IVA nei settori con regime speciale che sono oggetto di continui aggiornamenti legislativi: agenzie di viaggi e turismo, rottami beni usati e rifiuti, spettacoli e intrattenimenti, editoria, agricoltura, regime del...



Il metodo previsionale

Viene poi il metodo previsionale, suscettibile di rischiosi errori di calcolo, che potrebbero costare al contribuente il pagamento di sanzioni.

Basandosi sul dato previsionale del 2016, si calcola l’acconto: si prendono, dunque, a riferimento, le operazioni che verranno effettuate nel mese di dicembre, o nel quarto trimestre o nella dichiarazione annuale del 2016 (a seconda della categoria dei contribuenti), quindi dell’anno in corso. L’acconto versato dovrà essere almeno l’88% della somma effettivamente dovuta in base al periodo di riferimento.

Il metodo delle operazioni effettuate entro il 20 dicembre 2016

Infine, il metodo delle operazioni effettuate entro il 20 dicembre 2016: per il calcolo si tengono in considerazioni le operazioni effettuate con un’IVA in acconto pari al 100% dell’importo. L’importo a debito dovrà essere interamente versato. Si considereranno tutte le operazioni effettuate dal 1° dicembre al 20 dicembre per i contribuenti mensili; dal 1° ottobre al 20 dicembre per i contribuenti trimestrali.

Il pagamento deve essere effettuato tramite il Modello F24 a favore della Agenzia delle Entrate.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteDetrazioni fiscali Ristrutturazioni 2017, Ecobonus, Bonus mobili: la guida
Articolo successivoOpzione donna 2017: quando e a chi conviene la pensione anticipata

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here