Concorso dell’Amministrazione giudiziaria.

Lunedì 21 novembre sarà pubblicato il bando per le 1.000 nuove assunzioni per il Concorso dell’Amministrazione giudiziaria, a confermarlo è il Decreto del Ministero della Giustizia. Il Decreto specifica tutti i criteri e le priorità di assunzione dei nuovi cancellieri giudiziari.

Se sei interessato ai concorsi pubblici 2016 si consiglia: SPECIALE SU CONCORSI: TUTTI I BANDI DEL 2016

Ecco cosa sapere del nuovo bando di concorso 2016

Il 20 ottobre il Decreto del Ministero della Giustizia ha sancito il bando di concorso per le 1.000 assunzioni a tempo interminato all’interno dell’Amministrazione giudiziaria. Dei 1.000 posti, 800 saranno riservati per i vincitori di concorso e i restanti 200 saranno destinati agli idonei delle graduatorie in corso di validità degli altri concorsi delle amministrazioni pubbliche.

I vincitori di concorso andranno ad occupare le carenze di organico degli uffici giudiziari e il nuovo piano di assunzioni prevede l’attuazione del nuovo processo telematico per sopperire all’inadeguatezze delle cancellerie ad affrontare le nuove regole.

I profili indicati nel nuovo bando di concorso 2016

Il nuovo bando di concorso 2016 che prevede l’assunzione di 800 persone per assistenti giudiziari. E 200 posti riservati allo scorrimento degli idonei che saranno divisi nel seguente modo:

  • 155 posti per assistente giudiziario (Area funzionale II);
  • 55 posti per funzionario informatico (Area funzionale III);
  • 30 posti per funzionario contabile (Area funzionale III).

Prove di selezione e requisiti del concorso per l’Amministrazione giudiziaria

Il Decreto del Ministero della Giustizia ha stabilito che le specifiche materie d’esame del concorso previsto per il prossimo 21 novembre. È prevista una prova preselettiva con quesiti a risposta multipla, mentre l’esame vero e proprio sarà una prova scritta, una orale e un colloquio in lingua straniera. Ulteriori specifiche saranno pubblicate nel bando ufficiale del 21 novembre.

I requisiti per la selezione prevedono una laurea in giurisprudenza, scienze sociali o economia e commercio. Sono richieste competenze informatiche di base, in particolare la conoscere del pacchetto Office ed è necessario sapere una o più lingue straniere.

Per i funzionari appartenenti all’Area III sono richieste capacità di assistenza nella gestione dei sistemi informatici e nella preparazione dei bilanci dei tribunali.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteOmicidio stradale, quale responsabilità in capo agli enti proprietari
Articolo successivoRottamazione cartelle esattoriali al via? Ecco come scaricare i modelli per fare domanda

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here