agevolazioni prima casa 2016

Le agevolazioni sulla prima casa si possono ottenere anche quando solo uno dei due coniugi è residente nel Comune dove l’abitazione è ubicata. Lo conferma la Corte di Cassazione con la sentenza n. 13334 del 28 giugno 2016, che accoglie il ricorso di una coppia che si era precedentemente vista revocare i benefici sull’immobile dalla Commissione Tributaria.

Per approfondire si consiglia lo speciale su BONUS MOBILI 2016

Agevolazioni prima casa: cosa dice la legge

Trovi tutto nel seguente volume

Le nuove detrazioni e agevolazioni sugli immobili

Le nuove detrazioni e agevolazioni sugli immobili

Antonio Cantalupo - Claudio Bentivegna, 2016, Maggioli Editore

La Legge di stabilità per il 2016 (Legge 28 dicembre 2015, n. 208) ha previsto una serie di misure dedicate alla casa ed agli immobili, tra le quali spiccano quelle di natura agevolativa: si tratta di norme di grande attualità e interesse, non solo per gli operatori del settore...



Fino al primo gennaio 2016 poteva usufruire delle agevolazioni sulla prima casa chi comprava una nuova abitazione e al momento del rogito non possedeva un altro immobile acquistato con agevolazioni in tutto il territorio nazionale. L’acquirente non doveva inoltre essere proprietario (anche solo insieme al coniuge) di alcuna altra abitazione nello stesso Comune nel quale si accingeva a comprare una nuova casa, e doveva infine avere residenza in tale Comune o dichiarare di volerla stabilire entro i suoi confini non oltre diciotto mesi dalla data d’acquisto.

Il comma 55 dell’articolo 1 della Legge di stabilità 2016, entrato in vigore il primo gennaio 2016, ha parzialmente modificato le condizioni di ottenimento delle agevolazioni stabilendo che il cittadino può usufruire dei benefici sulla prima casa anche se al momento dell’acquisto possiede già un’abitazione acquistata con agevolazioni, a patto che la venda entro un anno. Le agevolazioni, nello specifico, consistono nella riduzione dell’IVA dal 20% al 4% se si acquista l’immobile da un’impresa e dell’imposta di registro dal 9% al 2% se lo si acquista da un proprietario privato.

Quando sono due coniugi ad accingersi a comprare la prima casa, la legge prevede che le agevolazioni debbano essere concesse nel caso in cui l’acquisto sia compiuto in regime di comunione legale dei beni e quando la famiglia abbia la sua residenza nel Comune. Il problema portato all’attenzione della Corte di Cassazione riguardava proprio un caso simile, nel quale però uno dei due coniugi (il marito) non aveva trasferito la sua residenza nel Comune dove si trovava l’abitazione entro i diciotto mesi stabiliti. La Commissione Tributaria della regione Lazio aveva pertanto stabilito la revoca dei benefici sulla prima casa, affermando che l’agevolazione spettava solo in riferimento alla quota della moglie.

Potrebbe interessarti anche lo speciale su BONUS RISTRUTTURAZIONI 2016

Conta la residenza di famiglia e non quella dei singoli coniugi

Potrebbe interessarti anche il seguente eBook:

Le nuove detrazioni e agevolazioni sugli immobili

Le nuove detrazioni e agevolazioni sugli immobili

Antonio Cantalupo - Claudio Bentivegna, 2016, Maggioli Editore

La Legge di stabilità per il 2016 (Legge 28 dicembre 2015, n. 208) ha previsto una serie di misure dedicate alla casa ed agli immobili, tra le quali spiccano quelle di natura agevolativa: si tratta di norme di grande attualità e interesse, non solo per gli operatori del settore...



La Corte di Cassazione ha accolto il ricorso della coppia “in considerazione del fatto che i coniugi non sono tenuti ad una comune residenza anagrafica, ma reciprocamente alla coabitazione”. È importante, in sostanza, che la “famiglia” nel suo complesso, e non i singoli coniugi, abbia la sua residenza nell’immobile comprato usufruendo delle agevolazioni prima casa. La decisione della Cassazione, che va a confermare quanto similmente espresso nelle sentenze n. 13085/2003, 2109/2009 e 15426/2009, pone le basi per un’interpretazione della legge sui benefici fiscali estensiva e inclusiva e sottolinea l’importanza a livello tributario di un concetto di “famiglia” indipendente rispetto ai coniugi.

 

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteConcorso per 3 Psicologi – Scadenza: 25 Luglio 2016
Articolo successivoCome cambia da oggi Equitalia. In arrivo 300mila cartelle amiche, di cosa si tratta?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here