A seguito della posticipazione al 9 febbraio 2016 del termine per la trasmissione dei dati relativi alle spese sanitarie al Sistema Tessera Sanitaria, l’Agenzia delle Entrate ha rivisto, modificandolo, il precedente provvedimento del 31 luglio 2015 stabilendo come, per il 2016, dal 10 febbraio 2016 al 9 marzo 2016 i contribuenti possano esercitare la propria opposizione all’invio dei dati al Sistema, in riferimento ad ogni singola voce.

Come inviare i dati sanitari? Ecco i nostri Software

SPESE SANITARIE E RIMBORSI: TEMPI E MODALITA’


Il Sistema Tessera Sanitaria, dal 10 marzo 2016, metterà a disposizione delle Entrate i dati sulle spese sanitarie e quelli riguardanti i rimborsi per cui non è stata esercitata l’opposizione da parte degli assistiti.

Le modalità operative concernenti la trasmissione telematica delle spese sanitarie al Sistema Tessera Sanitaria, da rendere disponibili all’Agenzia delle Entrate per la dichiarazione dei redditi precompilata, sono state precedentemente definite con il D.M. 31 luglio 2015. Tramite quest’ultimo, inoltre, è stato previsto che la trasmissione dei dati di cui sopra debba essere effettuata entro e non oltre il 31 gennaio dell’anno successivo a quello della spesa compiuta dall’assistito.

L’Agenzia delle Entrate, nei giorni scorsi, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, valutando le esigenze espresse dai soggetti tenuti alla trasmissione dei dati, tenendo in considerazione parimenti  la necessità di garantire l’invio di informazioni il più possibile complete e corrette ai fini della predisposizione della dichiarazione precompilata, e visto che si tratta del primo anno in cui si prevede la trasmissione dei dati relativi alle spese sanitarie, ha deciso di rinviare al 9 febbraio 2016 la scadenza entro cui effettuare la trasmissione delle suddette spese riferite all’anno 2015.

Il posticipo, tuttavia, sembra non avrà ripercussioni sul calendario della campagna dichiarativa 2016.

VAI ALLO SPECIALE SU MODELLO 730 PRECOMPILATO 2016

OPPOSIZIONE ALL’UTILIZZO DELLE SPESE SANITARIE: COME FARE?

LEGGI ANCHE: 730 precompilato: proroga per spese mediche. Scadenze e invio

Per non alterare il sistema tutelante la privacy, slitta quindi al 9 marzo 2016 anche il termine entro cui i contribuenti potranno comunicare la propria opposizione all’utilizzo delle spese sanitarie sostenute nell’anno 2015 ai fini dell’elaborazione della dichiarazione precompilata. Questo potrà essere fatto accedendo direttamente all’area autenticata del sito web del Sistema Tessera Sanitaria.

Proprio per questo motivo, il precedente provvedimento direttoriale del 31 luglio 2015 è stato modificato dalle Entrate con il provvedimento n. 164464 del 26 gennaio 2016, stabilendo come, per l’anno 2016, gli assistiti abbiano la possibilità di esercitare la propria opposizione all’invio dei dati da parte del Sistema Tessera Sanitaria all’Agenzia delle Entrate, in relazione ad ogni singola voce, nel periodo intercorrente tra il 10 febbraio 2016 e il 9 marzo 2016.

Si ricorda che l’opposizione all’utilizzo dei dati riguardanti la spesa sanitaria implica la cancellazione degli stessi e l’automatica esclusione anche dei connessi rimborsi.

OPPOSIZIONE ALL’UTILIZZO DELLE SPESE SANITARIE: COSA CAMBIA NEL 2017?

Dal 2017, invece, l’opposizione potrà essere effettuata, sempre in riferimento ad ogni singola voce, dal 1° al 28 febbraio dell’anno consecutivo al periodo d’imposta di riferimento.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI SCARICA LA CIRCOLARE GRATUITA “Invio dati spese sanitarie 2015 entro il 9 febbraio”


CONDIVIDI
Articolo precedenteIncidente stradale, il danno da fermo tecnico deve essere, anche in via presunta, allegato e comprovato.
Articolo successivoFord punta sui Suv, ne lancerà quattro nei prossimi anni riesumando forse anche il mitico Bronco

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here