In merito alle nuove modalità di versamento del canone Rai, è stato chiarito dall’Agenzia delle Entrate a quali tipologie di apparecchiature si applicano.

VAI ALLO SPECIALE SU CANONE RAI 2016

Con il debutto nel 2016 dell’addebito del canone Rai nella bolletta dell’energia elettrica ecco l’elenco dettagliato contenente tutte apparecchiature per cui risulta dovuto il pagamento del canone tv.

VAI ALLO SPECIALE SU NOVITA’ DELLA LEGGE DI STABILITA’ 2016

CANONE RAI 2016: QUALI SONO GLI APPARECCHI PER CUI SI PAGA?

Stando a quanto precisato dalle Entrate, risultano assoggettabili al canone Rai gli apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni televisive (art. 1 del R.D.L. del 21/02/1938 n. 246), a prescindere dalla quantità di utilizzo (sentenza Corte Costituzionale 12/5/1988 n. 535 – sentenza Corte di Cassazione 3/8/1993 n.8549).

E’, poi, intervenuto il Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento per le Comunicazioni a specificare la dicitura relativa ad apparecchi “atti od adattabili alla ricezione delle radioaudizioni”. Si tratta, infatti,  di tutte le apparecchiature che sono dotate di disintonizzatore per la ricezione del segnale, sia terrestre che satellitare, di radiodiffusione dall’antenna radiotelevisiva, risultando di conseguenza soggetti al canone tv anche quegli apparecchi a cui è stato rimosso il sintonizzatore di cui erano invece originariamente provvisti.

Il versamento del canone Rai è inoltre dovuto anche qualora l’apparecchio televisivo sia riservato ad un utilizzo diverso dalla visione della televisione, come ad esempio per la trasmissione interna di nastri registrati precedentemente (DVD o videocassette) o per l’utilizzo di videogiochi come terminale o monitor, non essendo per questo esclusa la relativa adattabilità alla ricezione delle trasmissioni tv.

Il canone Rai deve essere versato una sola volta per le tipologie di apparecchi che sono presenti nei luoghi adibiti a propria residenza o dimora dallo stesso soggetto e dai soggetti che appartengono alla medesima famiglia anagrafica.

CANONE RAI 2016: QUALI SONO GLI APPARECCHI ESENTI?

Il canone Rai non risulta, invece, dovuto per i pc, anche collegati in rete (come digital signage o similari), e anche se permettono di vedere o ascoltare programmi radiotelevisivi via Internet, a condizione, però, che non lo facciano sfruttando la ricezione del segnale terrestre o satellitare.

Il canone tv non va versato anche se si detengono solamente apparecchi radio.

CANONE RAI 2016: GLI APPARECCHI TIPOLOGIA PER TIPOLOGIA

L’Agenzia delle Entrate ha specificato tutte le tipologie di apparecchi più significative al fine di facilitare gli utenti nel capire su cosa effettuare il pagamento del canone Rai e su cosa no. Di seguito si riporta l’elenco.

– Apparecchiature atte alla ricezione della Radiodiffusione:

1) ricevitori tv fissi;

2) ricevitori tv portatili;

3) ricevitori tv per mezzi mobili;

4) ricevitori radio fissi;

5) ricevitori radio portatili;

6) ricevitori radio per mezzi mobili;

7) terminale d’utente per telefonia mobile dotato di ricevitore radio/tv (ad esempio un cellulare DVB-H);

8) riproduttore multimediale dotato di ricevitore radio/tv (ad esempio, un lettore mp3 con radio FM integrata).

– Apparecchiature adattabili alla ricezione della Radiodiffusione:

1) videoregistratore munito di sintonizzatore TV;

2) chiavetta USB munita di sintonizzatore radio/TV;

3) scheda per computer munita di sintonizzatore radio/TV;

4) decoder per la tv digitale terrestre;

5) ricevitore radio/tv satellitare;

5) riproduttore multimediale, dotato di ricevitore radio/tv, senza trasduttori (ad esempio, Media Center provvisto di sintonizzatore radio/tv).

– Apparecchiature che non sono atte né adattabili alla ricezione della Radiodiffusione:

1) pc senza sintonizzatore tv;

2) monitor per computer;

3) casse acustiche;

4) videocitofoni.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


10 COMMENTI

  1. Non si parla mai dei videoproiettori
    Sono sprovvisti sia di decoder che di sintonizzatore
    Sono soggetti al pagamento dell’imposta?

  2. Salve,
    abito in un’abitazione singola a sè stante.
    Non ho provveduto ad installare l’antenna per la ricezione del segnale nè ho il decoder per il digitale terrestre.
    la tv la utilizzo solo per guarda film che ho su un mio hard disk.
    Sono tenuto al pagamento del canone? E nel caso non lo fossi, come comunico questa cosa?
    Grazie.
    Saluti.

  3. Non è molto chiaro il discorso Radio.
    Scrivete : “Il canone tv non va versato anche se si detengono solamente apparecchi radio.”
    ma successivamente elencate tutti gli apparecchi per ricezione radiofonica come passibili di pagamento del canone RAI.
    potreste chiarire?

  4. Chi possiede un TV del 2006, dotato di ricevitore analogico e quindi oggi impossibilitato alla ricezione di alcun segnale, utilizzato solo per videogiochi e connessione a pc, può chiedere l’esenzione dal pagamento del canone?
    Grazie

  5. Il sottoscritto vive con la moglie in un alloggio nel quale abbiamo la residenza,con contratto Enel intestato a mia moglie.Entrambi siamo cointestatari di un mini alloggio,quale seconda casa,con contratto Enel intestato al sottoscritto (marito)Ai fini dell’esenzione del canone TV per la seconda casa,cosa devo fare?

  6. Si aumentano gli stipendi e pensione da naba a ministri e senatori inutili.Abbassate gli stipendi ai signori di Montecitorio (20.000) al mese e coprite le spese dei poveri delPopolo. Renzi fa una legge per portare lo stipendio dei deputati a 3000 euro e forse mi ricrederò su di te

  7. io mi domando quanta gente non riesce ad arrivare al 10 di ogni mese per poter sopravvivere, e qui si sta facendo la lotta dei poveri, in quanto i signori ministri sanno le situazioni del popolo e fanno finta di niente, per l’ennesima volta le stangate è e sarà sempre per i più deboli mi vergogno di essere Italiano per come vanno le situazioni, intanto gli stipendi dei sig. ministri e quantaltro non si sono mai abbassati per aiutare il prossimo.

  8. Mia madre e’decedita nel mese di novembre la bolletta della luce e’ intestata a mia madre non ho disdetto il contratto.Devo pagare ugualmente il canone TV ?anche se la casa non è abitata?

  9. Ho letto il vostro articolo sul nuovo modo di pagare il canone tv. Vi è sfuggito, a quanto pare, un caso particolare.
    Io abito a Roma e la fornitura elettrica avviene attraverso ACEA ma ho una casa ed una utenza elettrica ENEL a Messina. Tutto intestato a me che sono residente a Roma.
    Mi toccherà pagare due canoni? Ho posto questo quesito alla Rai ma non mi ha ancora risposto. E’ un caso difficile? Se avete una risposta fatemela sapere. Grazie per la vostra disponibilità.

SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome