Mancano davvero poche settimane e il finalmente il 1° dicembre il Miur pubblicherà il bando di concorso riservato ad 80.000 abilitati con validità triennale. L’obiettivo, riferisce il Miur, è quello di ridurre il precariato sebbene dagli stessi gruppi di lavoro nasce la perplessità sull’accesso indistinto di tutte le classi di concorso.

Le problematiche principali che imporrebbero tali selezioni riguardano i moltissimi docenti soprannumerari unitamente alla mancanza di posti vacanti in diverse classi di concorso, e ciò rende del tutto illogico accettare la candidatura di molti insegnanti dal momento in cui non avranno alcuna possibilità nei tre anni successivi di passare di ruolo.

Sono circa 6 mila i docenti senza titolarità. Facendo una ricerca più approfondita, per esempio, la classe di concorso A019 (discipline giuridiche ed economiche) dell’Abruzzo presenta 19 insegnanti soprannumerari solo nella provincia di Chieti. E’ stato precisato, però, che la possibile esclusione dovrebbe riguardare soltanto i docenti delle scuole medie superiori di secondo grado risparmiando i docenti della scuola dell’infanzia e primaria che non presentano queste problematiche e non vi sono, dunque,docenti privi di titolarità.


LEGGI ANCHE: Concorso dirigenti scolastici: ridotti i posti disponibili, perchè?

La riflessione più amara rimane quella che la possibile riduzione di una cinquantina di classi di concorso avrebbe potuto permettere anche a molti altri precari di partecipare ugualmente, proprio in virtù dell’allargamento ad altre discipline. Purtroppo, però, non solo questa revisione delle classi di concorso si sarebbe dovuta definire prima dell’uscita del bando, ma è anche risaputo che la macchina legislativa statale ha spesso delle lunghe tempistiche; mancherebbe infatti non solo l’approvazione da parte della Camera e del Senato ma anche l’approvazione da parte della Camera dei Ministri. E’ piuttosto evidente, quindi, che un mese risulta essere troppo poco e che ancora una volta le decisioni prese non rispecchiano le reali esigenze della vera scuola.


CONDIVIDI
Articolo precedenteBonus mobili, ecobonus, ristrutturazioni edilizie: ok alla proroga per il 2016
Articolo successivoStabilità, pensioni: 7° salvaguardia esodati, quali esclusi?

1 COOMENTO

  1. I non abilitati vecchio ordinamento ISEF che sono molti perche’non vengono abilitati come i diplomati magistrali vecchio ordinamento .E dire che gli ISEF sono laureati per la propria classe a030-a029 hanno dato 36 esami prima di prendere il diploma di laurea .Idonei per l’insegnamento ma non per il concorso a cattedra 2015-2016 .Nel 2012 era il contrario .ma chi fa queste leggi si deve vergognare . La prossima volta si spera che l’elettorato li mandi tutti a casa come loro fanno con noi .ci vorrebbe la rivoluzione per queste persone ,che guardano soltanto ai propri interessi e bustarelle . Ma dove l’anno la dignita io credo in fondo ai piedi ( vergogna,,,,,,,vergogna lo dobbiamo gridare ad alta voce tutti insieme se ci tenete a questo grosso problema.)

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here