E’ stata pubblicata ieri la prima graduatoria nazionale del Test di Medicina 2015. Ma quali sono ora i passi da seguire dopo la pubblicazione?

PROCEDURE E SCADENZE

In base al risultato ottenuto nella graduatoria nazionale ci sono precise procedure e scadenze da rispettare. Innanzitutto, se il candidato risulta ASSEGNATO avrà a disposizione 4 giorni di tempo per perfezionare la rispettiva immatricolazione.


Nel caso, invece, risulti PRENOTATO, il candidato dovrà decidere se procedere all’immediata immatricolazione alla Facoltà a cui risulta assegnato (rispettando sempre il termine fisso dei 4 giorni) oppure attendere gli scorrimenti della graduatoria che, periodicamente, verranno pubblicati sul portale di Univeritaly (il primo degli scorrimenti è previsto il 14 ottobre e, a seguire, uno ogni 5 giorni lavorativi), per poter eventualmente essere assegnato ad una sede giudicata più consona. In quest’ultimo caso è comunque necessario confermare entro 5 giorni il rispettivo interesse all’immatricolazione.

Leggi anche:   Test Medicina, Veterinaria, Architettura: pubblicata la 1°graduatoria, le novità

Nel caso di risultato IDONEO, il candidato può sperare negli scorrimenti della graduatoria in attesa che si verifichino delle rinunce in modo tale da liberare posti per l’immatricolazione, potendo così salire in graduatoria. Si richiede anche qui la conferma dell’interesse all’immatricolazione entro 5 giorni dalla pubblicazione della graduatoria nazionale, pena l’esclusione.

Qualora il candidato risulti, infine, NON IDONEO la soluzione che rimane a sua disposizione, se si desidera continuare ad aspirare al camice bianco, è quella di attendere il Test di Medicina del prossimo anno.

RICORSI

Resta, tuttavia, la possibilità ai “non idonei” di impegnarsi in uno dei tanti ricorsi annunciati al Tar con l’auspicio di un’ammissione d’ufficio, così come accaduto già nel 2014 a migliaia di candidati inizialmente esclusi.


CONDIVIDI
Articolo precedenteConcorso scuola: quando ci sarà il bando?
Articolo successivoIl Comune non può ricorrere a un incarico esterno per garantire il funzionamento dell’ufficio tecnico

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here