Home Professioni Avvocati Avvocati: come cambia la laurea in giurisprudenza

Avvocati: come cambia la laurea in giurisprudenza

Grandi cambiamenti si annunciano per i futuri avvocati. Per chi, infatti, aspira ad intraprendere tale professione non si prospetta più il tradizionale iter accademico, bensì corsi di laurea profondamente mutati. A prevedere le modifiche è intervenuto lo stesso Miur che nella bozza di decreto ha stabilito che gli aspiranti avvocati nella rispettiva carriera universitaria non avranno più a disposizione un ciclo unico, potendo invece scegliere di seguire il percorso 4+1, o diversamente il 3+2.

Queste, in sintesi, le variazioni principali attorno alle quali si delinea il profilo dei futuri corsi di laurea in giurisprudenza, anticipato dalla bozza predisposta dal Miur e già condivisa dalla comunità scientifica.

Leggi anche:  Avvocati, specializzazioni: ANF impugna il regolamento, troppe criticità

Può dirsi così così addio al ciclo unico a favore, sostanzialmente, di due corsi. Da un lato, si prospetta il 3+2 che offre meno crediti formativi “vincolati” a favore invece di quelli “liberi”, oltre a più numerosi ambiti interni per poter costruire il proprio personale percorso di studi e un biennio specialistico che prevede nuove discipline a vocazione “territoriale”, più affini alle concrete esigenze di mercato.

Dall’altro lato, il corso 4+1 per chi, al contrario, vuole intraprendere la carriera di avvocato o notaio, avente numero “chiuso” per l’ultimo anno, ossia l’anno della specializzazione al termine dei 4 precedenti, oltre alla possibilità di effettuare 6 dei 18 mesi di pratica richiesti durante il corso di studi, come stabilito dalla legge professionale forense (L. 247/2012).


Ciò che accomunerà i due percorsi sarà il livello più elevato di specializzazione. A discapito, quindi, di un’impostazione formativa più teorica e generalista come quella attuale, si vuole introdurre un’offerta maggiormente specifica che sia più conforme alle esigenze reali del mercato del lavoro, e allo stesso modo che possa garantire maggiori opportunità in termini di internazionalizzazione e scambi culturali, in particolar modo quelli in ambito comunitario.

Approderà a breve il provvedimento sul tavolo del Miur; per diventare operativo dovrà poi essere esaminato e condiviso anche dal ministero della Giustizia.

 

La parcella dell'avvocato

La parcella dell'avvocato

LA PARCELLA DELL'AVVOCATO: CALCOLO CON I NUOVI PARAMETRI è aggiornato al D.M. 10 marzo 2014, n. 55 pubblicato in G.U. n.77 del 2 aprile 2014. Si tratta di un software ideato per tutti gli utenti che desiderano effettuare con pochi click sul computer la nota spese, la proforma e la fattura. Per rendere il prodotto di facile utilizzo è stata scelta una grafica semplice e un linguaggio simbolico per ogni videata al fine di ottimizzare i tempi operativi dell'utente. In ANAGRAFICA GENERALE inseriamo i dati del cliente che poi possiamo richiamare automaticamente in parcella, in GESTIONE FASCICOLI inseriamo i dati indispensabili della pratica. Con EMISSIONE NOTA SPESE si compila una nota spese individuando il destinatario e la pratica. La nota spese può essere aggiornata ad ogni nuova operazione per il fascicolo. Quando poi si vuole fatturare si apre EMISSIONE FATTURA e si può richiamare in automatico la nota spese oppure creare una fattura ex novo. La durata della licenza è di 365 giorni dalla data di attivazione presso il nostro centro servizi, in questo periodo l'utente ha diritto all'AGGIORNAMENTO GRATUTITO delle tabelle e del software, pubblicati on-line.

Requisiti hardware e software
Sistema operativo Windows 98/Me. Windows 2000.
Windows Vista (Per l'installazione lanciare il programma "SETUP" da Cd-Rom) Il Cd-Rom fornisce Acrobat Reader, per la visualizzazione del manuale d'uso in formato PDF

Gestlex, 2014, Maggioli Editore
39.00 € 37.05 €



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome