Alla manifestazione indetta per domani, martedì  15 settembre, davanti alla sede del Ministero dell’Economia e delle Finanze per contestare il blocco voluto dai tecnici della Ragioneria dello Stato alla settima salvaguardia e all’Opzione Donna mancano ormai poche ore.  Al presidio, oltre ad esodati ed iscritte al Comitato Opzione Donna, parteciperanno anche i lavoratori precoci e le iscritte al gruppo “Opzione Donna proroga al 2018”. In rete, in particolare tra i gruppi creati su Facebook, tra chi è prossimo alla pensione sembra delinearsi una vera e propria volontà di aggregazione. Gli stessi ‘pensionandi’, difatti, nonostante le diverse categorie di appartenenza dalle quali scaturiscono le diverse rivendicazioni, hanno deciso di battersi all’unisono dietro l’esortazione comune: “E’ora di muoversi”.

Alla base di questa decisione comunitaria, l’intento di unire le forze per farsi sentire ed ottenere giustizia. Sono tante infatti, da fronti politici e non, le voci che si alzano a favore di una forte manifestazione di piazza contro la motivazione del Mef che lo scorso 9 settembre ha di fatto bocciato sia l’Opzione Donna che la settima salvaguardia per gli esodati, sostenendo come le eventuali risorse siano andate in economia e non siano dunque più recuperabili. La Rete dei Comitati Esodati chiede invece che i soldi “scippati” dallo Stato, vale a dire le risorse del fondo esodati, “non abbiano altre destinazioni se non per il completamento delle salvaguardie”. Il presidio di domani non è stato e non sarà di certo l’unico in programma davanti al Ministero. Tutti gli esodati, infatti, sono stati invitati dai comitati ad una mobilitazione permanente volta a superare l’alt posto dalla Ragioneria e a rispettare le leggi che li vedono coinvolti in prima persona.

Questi gli obiettivi della manifestazione indetta per domani che rinnova ancora una volta l’evidente sensibilizzazione da parte di tutte le forze politiche e sociali su questa delicata tematica. In molti quelli pronti anche ad intraprendere azioni legali, civili e penali, nazionali e comunitarie, a tutela dei danneggiati, contro quello che viene considerato come un esproprio illegale di fondi. Al loro fianco, si schiera anche il presidente della commissione lavoro della Camera, Cesare Damiano, oltre all’ex capogruppo dem Roberto Speranza. Non mancano poi le critiche prese di posizione da parte dei vari partiti: Movimento 5 Stelle, Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d’Italia accusano tutti il governo di voler finanziare interventi previsti nella Legge di Stabilità.


CONDIVIDI
Articolo precedenteDomanda disoccupazione: ecco il decreto che cambia tutto
Articolo successivoGuida in stato di ebbrezza, si applica a prescindere dall’uso di farmaci o eccesso di alcool.

1 COOMENTO

  1. Giovani disoccupati,over 50 senza lavoro con figli a carico,esodati,lavoratori precoci ,gente che ha lavorato per tanti anni e tutti i disperati di questa…..Bellissima Nazione; uniamoci in una sola lotta pacifica e democratica contro coloro che non conoscono il sacrificio ed il sudore di tanti anni di lavoro per fargli capire che la maggioranza siamo noi.Magari formiamo un grande partito politico con qualche altro che vuole sostenerci.Svegliamoci….prima che ci fanno altri torti.questi poveracci morti di fame.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here