Assunzioni negli enti locali, continua la lunga marcia dei dipendenti delle Province. Con l’entrata in vigore ormai prossima della riforma della pubblica amministrazione e, insieme, la conversione ultimata del decreto enti locali, si chiude un capitolo importante nella ricollocazione del personale dopo la legge di stabilità 2015.

La finanziaria cercava di sanare la situazione caotica dei dipendenti degli enti provinciali in via di dismissione, specie in quei settori che sarebbero dovuti passare a Regioni o Comuni – ma che tuttora rimangono in bilico tra un livello di governo e l’altro.

Ora, con il decreto 78 convertito finalmente vengono posti vincoli molto rigidi, che però portano la possibilità di turnover al cento per cento della spesa destinata ai nuovi rapporti di lavoro che possano essere convertiti da part time a full time limitatamente a 2015 e 2016. 


In generale, viene stabilito che possano essere riutilizzate le posizioni residue dagli anni precedenti per “riempire i buchi” ancora rimasti scoperti. A stabilire la possibilità è stata la Corte dei Conti in persona con la Deliberazione numero 26/2015 da parte della Sezione Autonomie.

Di contro, in riferimento a quei dipendenti in uscita tra gli anni 2014 e 2015, viene sancito l’obbligo per gli enti di destinare le risorse per ripescare finalmente i vincitori di concorsi e graduatorie in attesa così come allo spostamento dei lavoratori nell’ambiente di area vasta ma in stato di esubero.

In relazione ai piani di assunzione 2015 e 2016, non sarà dunque consentito trasformare tra quest’anno e il 2016, trasformare il rapporto di lavoro da tempo parziale a tempo pieno, procedere alla stabilizzazione del personale, attivare progressioni di carriera e avviare procedure di mobilità volontaria da altri enti.

Deroga per i concorsi. La nuova legge sulla pubblica amministrazione contenuta nel decreto convertito sugli enti locali, consente di indire concorsi per assumere a tempo indeterminato personale, purché in possesso dei necessari titoli di studio, per lo svolgimento di funzioni fondamentali relative all’organizzazione e gestione dei servizi educativi e scolastici, con esclusione del personale amministrativo. La facoltà è riservata agli enti in cui le graduatorie  vigenti siano di fatto esaurite e in assenza comprovata di figure professionali già in organico, in grado di assolvere al compito.

Vai al testo del decreto enti locali


CONDIVIDI
Articolo precedenteCodice della Strada: veicoli e patenti a cui si applicano le novità
Articolo successivoScuola paritaria paga l’ICI

3 COMMENTI

  1. STOP AI PRIVILEGI per ripartire.

    Sono stati liberalizzati tutti.
    Non è possibile che chi non fa impresa guadagni più di chi la fa e sia a carico pesantemente degli altri che si sbattono tutti i giorni .

    SOLUZIONE IMMEDIATA:

    LIBERALIZZARE gli stipendi pubblici. Se conviene continuare a fare il dipendente
    pubblico lo farà, altrimenti cambi lavoro come tutti gli altri.

    RISULTATO
    grande turnover nei dipendenti e risparmio di decine di Miliardi di euro da destinare alla crescita ed allosviluppo dell’italia.
    Bisogna investire pesantemente nella nascita di nuove imprese che creano lavoro vero.

  2. Vorrei più chiarezza inerente la posizione degli idonei nei concorsi per la pubblica amministrazione, questa riforma cosa prevede? Va a tutelare o di fatto leva qualsiasi speranza agli idonei?
    Le graduatorie verranno prorogate?
    Grazie

  3. relativamente al seguente passaggio
    “Ora, con il decreto 78 convertito finalmente vengono posti vincoli molto rigidi, che però portano la possibilità di turnover al cento per cento della spesa destinata ai nuovi rapporti di lavoro che possano essere convertiti da part time a full time limitatamente a 2015 e 2016. ”
    sarei interessato a comprendere gli esatti riferimenti normativi, in quanto ad una prima lettura non riesco ad individuarli…
    cordiali saluti

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here