Il 30 giugno, ogni anno, rappresenta non solo il giro di boa del calendario solare, ma anche una data da segnare in calendario sul fronte degli adempimenti fiscali e delle novità in materia tributaria.

E il 30 giugno 2015 non fa differenza: tra tasse, comunicazioni, esperimenti, scadenze e invio di documenti, oggi negli studi di commercialisti, assistenti fiscali e anche nella pubblica amministrazione, le postazioni saranno a dir poco roventi. Per non parlare, poi, dei portafogli dei contribuenti, che saranno messi a dura prova a poche settimane di distanza dai giorni dell’Imu e della Tasi.

Tari


Cominciamo dalla tassa sui rifiuti, che in molti Comuni verrà richiesta a partire proprio da oggi come prima scadenza. Frequente il ricorso a una doppia o tripla rata, con saldo finale a dicembre.

La Tari è l’imposta sul servizio di raccolta e gestione rifiuti che ciascun ente consegna direttamente sotto forma di bollettino precompilato pronto al versamenti, in base a occupanti e superficie calpestabile dell’immobile.

QUI TUTTE LE INFORMAZIONI SULLA TARI

 

Soggetti Iva

I soggetti passivi Iva italiani che abbiano effettuato operazioni di acquisto da operatori economici aventi sede, residenza o domicilio nella Repubblica di San Marino dovranno realizzare la comunicazione mensile delle operazioni di acquisto da operatori economici sammarinesi annotate nei registri Iva nel mese precedente.

L’operazione andrà svolta per via telematica esclusivamente.

 

Comuni 

Importante appuntamento per Province residue e Comuni oltre i 20mila abitanti sulla scadenza della trasmissione sui dati del rendiconto economico 2014. Andrano utilizzati solo i prospetti appositi messi a disposizione dai giudici contabili.

Per gli enti locali, scadono le segnalazioni, di cui al punto 3 del Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 3 dicembre 2007, suscettibili di utilizzo ai fini dell’accertamento dei tributi statali avvalendosi di S.I.A.T.E.L. Per l’operazione, in questo caso, è sufficiente collegarsi all’applicazione web.

 

Anagrafe tributaria

Entro oggi, banche e operatori finanziari devono comunicare al fisco i dati sulla giacenza media di tutti i conti correnti.

QUI ULTERIORI INFORMAZIONI

In aggiunta, gli autonoleggi e le società che esercitano attività di leasing finanziario e operativo devono fornire comunicazione all’Anagrafe Tributaria dei dati anagrafici dei clienti, compreso il codice fiscale, con i quali hanno stipulato contratti in essere con riferimento al bene e ai corrispettivi percepiti nell’anno 2014.

 

Enti non commerciali e agricoltori

La dichiarazione mensile dell’ammontare degli acquisti intracomunitari di beni registrati nel mese precedente, dell’ammontare dell’imposta dovuta e degli estremi del relativo versamento andrà effettuata sia dagli enti non commerciali non soggetti passivi d’imposta sia da quelli soggetti passivi Iva, limitatamente alle operazioni di acquisto realizzate nell’esercizio di attività non commerciali.

 

Gestire la IUC nel 2015

Gestire la IUC nel 2015

a cura di Maurizio Fogagnolo, 2015, Maggioli Editore

Apparentemente semplice perché uguale al 2014, ma in realtà caratterizzata da una serie di problemi irrisolti con cui i Comuni dovranno fare i conti al momento della sua determinazione: è questa la fotografia della IUC e dei tributi che la compongono. Anche quest’anno quindi – in attesa...




CONDIVIDI
Articolo precedenteSuccessione ereditaria: comproprietari pro quota
Articolo successivoLa Sicilia di Pirandello e il caso Agira

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here