Finalmente pubblicati in Gazzetta ufficiale i due nuovi decreti del Jobs Act. A distanza di due settimane dal Consiglio dei ministri in cui si è dato via libera ai provvedimenti, sono disponibili i testi ufficiali dell’accoppiata di interventi.

Si tratta dei decreti legislativi 80 e 81, che vanno così a concludere la riforma avviata con la legge delega approvata nel dicembre 2014, che vedrà così dispiegate le sue normative già in questi giorni.

I due decreti, infatti, hanno ricevuto il benestare delle competenti commissioni di Camera e Senato in materia di lavoro, e sono in corso di effettività completo a partire da oggi, giovedì 25 giugno 2015.


 

I provvedimenti sono dunque i seguenti:

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 
Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell’articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014, n. 183. 

VAI AL TESTO

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 
Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, a norma dell’articolo 1, comma 7, della legge 10 dicembre 2014, n. 183.

VAI AL TESTO

 

Si tratta di due ulteriori interventi che vanno a completare il quadro dei testi attuativi alla riforma del mercato del lavoro del governo Renzi.

Nei mesi scorsi, sono stati varati altri decreti, entrati in vigore il 7 marzo, che hanno ridisegnato il profilo dei contratti a tempo indeterminato e delle indennità di disoccupazione, tra le altre discipline introdotte o ritoccate.

QUI I TESTI DEGLI ALTRI DECRETI GIA’ IN VIGORE

VAI ALLO SPECIALE JOBS ACT

 

Jobs Act  e le nuove regole  del licenziamento

Jobs Act e le nuove regole del licenziamento

Rocchina Staiano, 2015, Maggioli Editore

Il presente volume, aggiornato al D.Lgs. 4 marzo 2015 n.23 (G.U. del 06/03/2015 n. 54 – in vigore dal 7 marzo 2015), esamina in maniera approfondita, gli aspetti più problematici del LICENZIAMENTO INDIVIDUALE e COLLETTIVO nel settore privato e nel settore pubblico.Con un pratico...




CONDIVIDI
Articolo precedenteI dubbi della dichiarazione Imu per i terreni
Articolo successivoBlocco stipendi: governo salvo, ma i lavoratori? Cosa accadrà

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here