InterrogativoLA DOMANDA 

.Spettabile Redazione, il mio datore di lavoro mi dice che da quest’anno dovrà “scaricare” la precompilata per conto mio. Cos’è la precompilata e come mi devo comportare? Ringrazio fin da ora.(Francesco M. – Bologna)


 

 

NuvolaIN SINTESI

Per rispondere al Sig. Francesco, tratteremo a breve della dichiarazione precompilata, la quale rappresenta un’autentica novità per l’anno 2015 e diventerà negli anni a venire la consueta modalità di compilazione della dichiarazione dei redditi per coloro che possiedono almeno un reddito di lavoro dipendente, assimilato o di pensione.

 

LampadinaLA RISPOSTA

 

Si tratta di una vera e propria dichiarazione dei redditi nella quale l’Agenzia ha già inserito i dati su redditi, ritenute, versamenti e alcune spese detraibili o deducibili.

Il contribuente deve verificare se i dati inseriti sono corretti.

A questo punto, a seconda dei casi potrà:

  • accettare la dichiarazione senza fare modifiche
  • rettificare i dati non corretti
  • integrare la dichiarazione per inserire, ad esempio, altre spese deducibili o detraibili.

 

Termine di presentazione: 7 luglio 2015

 

 

ATTENZIONE

La dichiarazione 730 precompilata è comunque facoltativa. E’ sempre possibile presentare la dichiarazione dei redditi con le modalità ordinarie (modello 730 o modello Unico).

 

 

IL PRIMO ANNO E’ SPERIMENTALE

Il modello 730 precompilato è predisposto in via sperimentale per l’anno d’imposta 2014 per i contribuenti che possiedono entrambi i seguenti requisiti :

  • hanno percepito nel 2014 redditi di lavoro dipendente e assimilati per i quali l’Agenzia delle Entrate ha ricevuto dai sostituti d’imposta la Certificazione Unica 2015
  • hanno presentato per l’anno 2013 il modello 730 oppure, pur avendo i requisiti per presentare il 730, hanno presentato il modello Unico o Unico Mini.

 

INOLTRE:La dichiarazione viene predisposta anche per coloro che per l’anno 2013 hanno presentato, oltre al modello 730, anche i quadri RM, RT, RW del modello Unico. Non è predisposta, invece, se per il periodo d’imposta precedente il contribuente ha presentato dichiarazione integrativa o correttiva per la quale è ancora in corso l’attività di liquidazione da parte dell’Agenzia delle Entrate.

 

 

 

DOVE SI TROVA LA DICHIARAZIONE PRECOMPILATA

La dichiarazione 730 precompilata è disponibile in un’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate, a partire dal 15 aprile 2015.

 

 

 

Per accedere all’area riservata, occorre essere in possesso delle credenziali Fisconline rilasciate dall’Agenzia delle Entrate (codice Pin e password), oppure della Carta Nazionale dei Servizi (CNS) o delle credenziali dispositive rilasciate dall’Inps.

La registrazione al sito Fisconline è possibile al seguente link:

http://telematici.agenziaentrate.gov.it/Main/Registrati.jsp, seguendo le indicazioni offerte, come di seguito riportato:

 

RIPORTIAMO DI SEGUITO I PASSI PER L’ABILITAZIONE DIRETTAMENTE PRESSO IL SITO DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE, DIVERSAMENTE L’ABILITAZIONE A FISCONLINE POTRA’ ESSERE RICHIESTA:

  • telefonicamente al numero 848.800.444
  • presso un ufficio dell’Agenzia (l’elenco degli uffici è disponibile al link:

http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/contatta/assistenza+catastale+e+ipotecaria/in+ufficio)

 

 

 

 

PASSO N. 1 PER LA REGISTRAZIONE

(ATTENZIONE AL REGISTRAZIONE AD ENTRATEL E’ SOLO PER INTERMEDIARI ABILITATI: DOTTORI COMMERCIALISTI, CONSULENTI DEL LAVORO AVVOCATI ECC…)

Fiammelli7301

PASSO N. 2 – RICHIESTA DEL PIN

(ATTENZIONE IL PIN CONCESSO SARA’ DIVISO IN DUE PARTI, LA PRIMA, RILASCIATA AL MOMENTO DELLA REGISTRAZIONE, LA SECONDA SPEDITA A CASA DEL CONTRIBUENTE)

 

 

Fiammelli2730

IN ALTERNATIVA: per visualizzare la propria dichiarazione compilata il contribuente potrà rivolgersi:

  • al proprio sostituto d’imposta (datore di lavoro o ente pensionistico), se presta assistenza fiscale
  • a un Caf (Centro di assistenza fiscale)
  • a un professionista abilitato.

 

IMPORTANTE

In questi casi, è necessario che il contribuente rilasci preventivamente un’apposita delega.

 

 

DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE PRECOMPILATA

L’Agenzia inserisce nel modello 730 precompilato

  • i dati e le informazioni contenute nella Certificazione Unica (per esempio, i redditi di lavoro dipendente, i compensi di lavoro autonomo occasionale, le ritenute Irpef, addizionale regionale e comunale, i dati dei familiari a carico)
  • alcuni dati contenuti nella dichiarazione dell’anno precedente (per esempio, le eccedenze di imposte non richieste a rimborso, gli oneri detraibili in più periodi d’imposta)
  • altri dati presenti in Anagrafe tributaria (per esempio, i versamenti effettuati con il modello F24)
  • gli interessi passivi sui mutui in corso, i premi assicurativi e i contributi previdenziali e assistenziali, i contributi versati per lavoratori domestici.

Non saranno inclusi nella dichiarazione precompilata:

  • le spese sanitarie
  • le spese per istruzione
  • le spese funebri
  • le erogazioni liberali
  • l’assegno al coniuge separato.

 

 

  • Se il 730 precompilato dall’Agenzia non richiede alcuna correzione o integrazione, il contribuente lo può accettare senza modifiche.
  • Se, invece, alcuni dati risultano non corretti o incompleti, o mancano del tutto, il contribuente è tenuto a modificare o integrare la dichiarazione. In questo caso, quando la dichiarazione è modificata, viene elaborato e messo a disposizione un nuovo modello 730 con il risultato della nuova liquidazione delle imposte dovute o del rimborso spettante

 

 

OPPURE

Avvalersi della dichiarazione precompilata non è un obbligo ma una facoltà, quindi, il contribuente che lo desideri, lo ritenga opportuno o semplicemente lo ritenga più comodo, potrà procedere come gli anni passati alla normale compilazione della dichiarazione come segue:

  • Compilare come ha sempre fatto, il mod. 730, oppure
  • Decidere di compilare il modello Unico PF/mini (se ne ha i requisiti)
  • Decidere di compilare il modello Unico PF.

 

 

 

Per ogni informazione ulteriore si può fare riferimento a:

 

 

 

 

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteIl decreto antiterrorismo è legge. Testo definitivo approvato in Senato
Articolo successivoConcorso Agenzia delle Entrate: sedi in arrivo col bando dirigenti

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here