Iscrizioni all’anno scolastico 2015/2016: ancora pochi giorni per portare a termine le procedure online. Per inserire i nominativi dei propri figli alle prime classi, il termine in previsione è quello di domenica 15 febbraio.

Sta per chiudersi la finestra attivata dal Ministero della Pubblica Istruzione, che ha consentito registrazioni via internet a tutti i cittadini interessati a iscrivere un ragazzo allo stadio iniziale di un nuovo percorso di formazione, che sia la scuola primaria di primo o secondo grado, o la secondaria.

Unici esclusi dal programma che consente l’iscrizione mediante personal computer direttamente da casa propria, senza doversi recare in alcun ufficio, gli alunni delle scuole per l’infanzia o delle province di Aosta, Trento e Bolzano. Solo per questi casi è ancora vigente l’iscrizione in modalità cartacea.


Non aver completato l’iscrizione fino a oggi non comporta alcune penalità nell’ordine di ammissione all’istituto prescelto: non farà fede la data di somministrazione della richiesta di registrazione nel processo di inserimento. Una volta portato a termine il processo di inserimento dati, la richiesta di registrazione verrà inoltrata alla scuola prescelta. Sarà cura del sistema, poi, avvisare le famiglie della corretta compilazione di tutti i moduli e dell’avvenuta iscrizione: una volta che sarà arrivata la conferma direttamente dal Miur, vorrà dire che il procedimento è stato realizzato in maniera regolare.

Tutte le istruzioni relative alla procedura di registrazione dei nuovi alunni alle classi prime del prossimo anno scolastico si trovano nella circolare 51 del 18 dicembre 2014, ma in ogni caso per agevolare ancora di più la pratica ai genitori il Miur ha diramato un video tutorial, andato in onda anche sulle reti nazionali, che spiega la procedura passo passo in vista dell’iscrizione.

Niente di più facile: basta collegarsi al sito www.iscrizioni.istruzione.it e seguire le indicazioni del video qui sotto.


CONDIVIDI
Articolo precedenteConcorsi pubblici: blocco turnover, assunzioni a rischio per gli idonei
Articolo successivoSpese di sponsorizzazione e contenzioso tributario

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here