Si sono aperte ufficialmente le procedure per l’iscrizione a scuola, per l’anno 2015/2016 che inizierà a partire dal prossimo mese di settembre, quando dovrebbero entrare in cattedra – secondo le promesse del governo – migliaia di nuove leve dell’insegnamento.

E’ il 15 gennaio la data prefissata dal Ministero delle Pubblica istruzione per l’apertura ufficiale delle iscrizioni, ma in realtà da oggi 12 gennaio è già possibile partire con l’iter di registrazione sull’apposito portale online, che il Miur ha messo a disposizione degli utenti-genitori, per perfezionare la domanda del proprio figlio e, insieme, trovare suggerimenti, istruzioni e consigli per la corretta compilazione dei moduli.

L’indirizzo da raggiungere per portare a termine l’iscrizione al prossimo anno scolastico è www.iscrizioni.istruzione.it dove sarà possibile in pochi semplici passaggi portare a termine l’iter per la registrazione del nuovo alunno in vista del debutto sui banchi.


Ci sarà tempo per completare l’operazione fino al 15 febbraio: dunque, il Miur concede una finestra di un mese intero per la realizzazione delle procedure di inserimento dei nominativi che andranno a comporre i registri di classe per il venturo anno scolastico.

Sarà cura del sistema di registrazione elettronica avvisare per tempo le famiglie, tramite messaggio di posta elettronica, dello stato della richiesta e di eventuali modifiche ad essa apportate. Non ci saranno ragioni, comunque, per affrettarsi troppo: non è prevista alcuna precedenza per chi porta a termine l’iscrizione prima.

Ovviamente, resterà possibile controllare in ogni momento lo stato della domanda avanzata per l’iscrizione del nuovo alunno, anche per quegli alunni sprovvisti di codice fiscale, per mezzo dell’apposita generazione di un codice provvisorio da utilizzare per entrare nella propria sezione del database ministeriale.

Ulteriori informazioni circa le iscrizioni degli alunni all’anno scolastico 2015/2016, sono contenute nella circolare n. 51 del 18 dicembre 2014.


CONDIVIDI
Articolo precedenteNuovo Isee, addio ai Caf? Guida alla compilazione fai da te
Articolo successivoDimissioni Napolitano: cosa succederà dopo l’addio del presidente

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here