Con l’entrata in vigore della riforma ISEE, Comuni ed enti erogatori non accetteranno più le vecchie DSU, ma solo quelle compilate attraverso i nuovi moduli, contenuti nel decreto appena pubblicato in Gazzetta Ufficiali. La nuova DSU si compone di un Modello Mini, che è in pratica un modello base, sufficiente per la maggioranza delle prestazioni. In alcuni casi, invece (legati a specifiche prestazioni o alla composizione del nucleo familiare), bisogna compilare, oltre al Modello Mini, anche altri moduli.

Il presente articolo è firmato da Barbara Weisz, autrice del volume in corso di pubblicazione per Maggioli Editore: “Guida al nuovo ISEE. Le novità per famiglie, enti pubblici e amministrazioni locali”.

In Modello Mini, in realtà, si compone di due moduli: 


MB.1: dati anagrafici e relativi alla casa di abitazione dell’intero nucleo familiare.
FC.1: se ne compila uno per ogni componente del nucleo familiare segnato nel modulo MB.1., con i dati su patrimonio mobiliare, immobiliare, redditi.

Ci sono poi altri sei moduli, ognuno dei quali è dedicato a una situazione particolare:

MB.2: si compila solo per prestazioni al diritto allo studio universitario e prestazioni per minorenni in caso di genitori non coniugati e non conviventi fra loro.

Modulo MB.3: si compila solo per prestazioni socio-sanitarie residenziali.

Modulo MB.1rid: si può compilare in alternativa al modulo MB1, quando il nucleo familiare è ristretto (beneficiario, coniuge e figli), per prestazioni socio-sanitarie per persone con disabilità e/o non autosufficienti maggiorenni.

Modulo FC.2: si compila se nel ucleo familiare ci sono persone con disabilità e/o non autosufficienti.

Modulo FC.3: se nel nucleo familiare ci sono persone esonerate dalla presentazione della dichiarazione dei redditi, o in caso di sospensione degli adempimenti tributari a causa di eventi eccezionali.

Modulo FC.4: serve per il cacolo della componente aggiuntiva (ad esempio, il genitore non convivente), per chiedere prestazioni socio-sanitarie residenziali (compilazione da parte del figlio del beneficiario) e prestazioni per minorenni o universitarie in caso di genitori non coniugati e non conviventi tra loro (compilazione da parte del genitore non convivente con il figlio).

Il dichiarante presenta sempre i due moduli del Modello Mini e in più gli eventuali altri moduli necessari all’ente erogatore, al Comune, al Caf o direttamente all’INPS. Sulla base delle informazioni dichiarate dal contribuente, e di quelle presenti nell’anagrafe tributaria e negli archici INPS, l’istituto di previdenza calcola l’ISEE, e lo comunica al dichiarante attraverso l’indirizzo di posta elettronica contenuto nella DSU o attraverso il CAF o l’ente a cui è stata presentata la DSU. La dichiarazione vale fino al 15 gennaio dell’anno seguente a quello in cui è avvenuta.

Vai al testo della nuova Dsu

Vai allo speciale Isee


CONDIVIDI
Articolo precedenteSistri, nuova proroga sulle sanzioni. Rinvio per tutto il 2015
Articolo successivoRiforma del terzo settore, le proposte del Notariato in audizione alla Camera

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here