Con la sentenza n. 17556/14 la Corte di Cassazione si pronunciava sulla proprietà comune del pozzo luce in un condominio di edifici, nel modo seguente: “ il cavedio, pozzo luce, cortile di piccole dimensioni, circoscritto da muri perimetrali e dalle fondamenta dell’ edificio comune è sottoposto al medesimo regime giuridico del cortile, espressamente contemplato dall’ art. 1117 c.c. n. 1, tra i beni comuni, salvo titolo contrario ( Cass. , Sez. II, 7 aprile 2000 , n. 4350).

La presunzione di proprietà comune non può essere vinta nel silenzio del titolo, dalla mera possibilità di accesso al bene comune soltanto dall’ appartamento di uno dei condomini o dal fatto che uno di essi abbia provveduto anche a collocarvi una pilozza, l’ impianto di illuminazione, in quanto l’ utilità particolare che deriva da tali circostanze non è suscettibile di incidere sulla destinazione tipica e normale del bene, che è quella di dare aria e luce alle unità immobiliari di cui si compone l’ edificio condominiale ( Cass. , Sez. II, 11 maggio 1978, n. 2309; Cass., Sez. II, 3 agosto 1984, n. 4625).

Nel caso di specie, un condomino proponeva ricorso in Cassazione fondando la propria pretesa sul fatto che a suo favore sarebbe maturato il diritto di servitù.

La ratio giustificatrice cui era pervenuta la Suprema Corte si potrebbe cosi sintetizzare: il diritto di condominio su un bene comune è costituito dalla relazione di accessorietà strumentale e funzionale che collega i piani di proprietà esclusiva agli impianti o ai servizi di uso comune, rendendo il godimento del bene comune strumentale al godimento del bene individuale e non suscettibile di autonoma utilità, come avviene invece nella comunione.


CONDIVIDI
Articolo precedenteConcorso Agenzia Entrate: prove per 403 posti, rinvio a gennaio
Articolo successivoTasi 2014, se le detrazioni sono un pretesto per alzare la tassa

1 COOMENTO

  1. devono rifare la copertura del cortile x filtrazioni d’acqua nei box sotterranei, io non posseggo un box, devo concorrere alle spese anch’io?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here