Pensioni, allo studio il reintegro nel lavoro per chi ha più di cinquant’anni ed è ancora lontano dal maturare il minimo per l’accesso al trattamento previdenziale.

Lo ha confermato il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, intervistato dal quotidiano torinese “La stampa” sulle prossime mosse in tema di occupazione e ritiro dal lavoro, tra Jobs Act e misure future.

In particolare, il successore di Enrico Giovannini si è soffermato sulla situazione dei tantissimi over 50 che, per le drammatiche conseguenze della crisi, si sono ritrovati, negli ultimi tempi, senza lavoro e senza pensione. Posizione marginale, quella che questi soggetti finiscono a rivestire nel mercato, una volta che l’azienda ne abbia decretato il licenziamento, oppure sia arrivata al punto di chiudere i battenti. Questi individui sfortunati rischiano di ritrovarsi, spesso con poco tempo per riorganizzarsi, senza alcuna occupazione e con ancora dieci o forse più anni di contributi da versare.

Così, per loro, ha spiegato il ministro del Lavoro, la soluzione non sarà l’anticipo dei requisiti minimi per ottenere l’assegno da parte dell’Inps, come da alcune parti auspicato per evitare nuovi eserciti di esodati e ultracinquantenni senza lavoro né pensione. Al contrario, secondo quanto anticipato da Poletti, si starebbe vagliando l’ipotesi di istituire una formula di contratto ad hoc proprio per questa categoria, e favorirne, così, in reinserimento.

Forse, la strada che verrà seguita, sarà quella di richiedere alle aziende datrici di lavoro una forma di contribuzione ridotta, per aiutare il rientro di questi lavoratori esperti, ma ormai poco appetibili per i nuovi ruoli più ricercati. Un po’ come, insomma, avviene per l’apprendistato dei giovani, i quali possono accedere a questa mini assunzione con versamenti quasi azzerati per il committente.

A proposito dei giovani, il ministro ha poi dichiarato di non aspettarsi miracoli dalla cura del Jobs Act presentata dal premier Renzi nelle ultime settimane – a cui manca ancora, per la verità, il testo più discusso, quello che dovrebbe assicurare gli 80 euro in busta paga per chi guadagna fino a 25mila euro lordi l’anno. “Sarei contento se il 20% dei giovani trovasse lavoro con il mio piano”, ha affermato Poletti. Tra più e meno giovani, insomma, il turnover nel mercato del lavoro è sempre molto difficile e lo Stato cerca di intervenire dove può, ma, per sua stessa ammissione, con risultatimodesti.

Vai allo speciale pensioni

Vai al testo del Jobs Act


CONDIVIDI
Articolo precedenteDef 2014, oltre gli 80 euro: 50 miliardi di spending review in tre anni
Articolo successivoDivorzio breve… La lunga marcia riprende

34 COMMENTI

  1. Ciao a tutto mi chiamo giovanni ho 56 anni sono disoccupato dal 02/03/2003, sono iscritto alle categorie protette dal 2006. Ma senza ricevere nulla nessuna chiamata, ormai mi sono rassegnato. Vivo con 290 euro, ho venduto anche l’anima adesso so qui a como in una comunità tutto a mie spese.
    Un grosso saluti a tutti

  2. Buona sera, mi chiamo Corrado ho 51 anni ho lavorato da quando ho 15 anni con 35 Contributi versati rimasto senza lavoro x giusta causa. Sono disperato ho bussato tutte le porte possibili disposto a lavorare domenica la notte con turni senza avere nessuna risposta. Sono stanco ho paura sono rimasto con pochi risparmi. E’ mai possibile che debba perdere tutto la legge fornero vi sembra corretta. Non sto’ bene ho paura di fare un gesto estremo. Buona Sera e grazie x avermi ascoltato.=

  3. NOI OVER 50 ENNI DISOCCUPATI SIAMO RIMASTI SENZA DIGNITA’, CON L’ANGOSCIA E IL TORMENTO DI DIVENTARE UN GIORNO O L’ALTRO DEI MORTI VIVENTI. MANDATECI IN PENSIONE TANTO NON CI PRENDERA’ PIU’ NESSUNO A LAVORARE LASCIATECI VIVERE GLI ULTIMI ANNI DELLA NOSTRA VITA DA PERSONE VIVE.

  4. ho 53 anni non lavoro da 4 anni sono rovinato mia moglie lavora par time 750 euro al mese pago 650 affitto al mese come si fa andare avanti ? basta che lo stato da vitto e alloggio in alberghi ai clandestini 35 euro al giorno ….italiani che dormono nelle macchine o in mezzo alla strada e non hanno i soldi per comprare il pane questa ITALIA DI OGGI

  5. Io vivo con mia figlia di 10 anni ho 51 anni disoccupata sono a pezzi cosa faccio mangiare a mia figlia

  6. Artigiano edile 30 anni di versamenti inosservato per 520000 euro versati malato oncologico piastrinopenia autoimmune. 75% di invalidità ora vivo con 290 euro. Ma si può vivere in uno stato di merda come questo. E poi piangono per i sacrifici che facciamo noi. Abolizione legge fornero vergognatevi schifosi

  7. disoccupato cinquantenne anch’io …dico solo una cosa .. adesso che ci sto passando penso sia la peggior cosa
    che ti possa capitare nella vita…. il non avere un futuro e’ come morire…

  8. sono francesco, ho 57 anni e sono senza lavoro, il settore edile e morto non so come andare avanti da 7 anni, ho sempre lavorato con i bollini sono lontano dalla pensione, mi mancano tre anni per la minima, a 67 anni , ma sino ad allora come farò, mando centinaia di curriculum ma a questa età non sei neanche considerato oltre che non ce lavoro per nessuno, dateci un poco di dignità,vi prego ho sarà troppo tardi.

  9. 43 anni, 20 passati nel settore editore editoriale ad alti livelli, che si sono mangiati e hanno mandato in crisi. Eravamo un perla rara, evidentemente inutile o venduta ad altri. Dovevov buttarmi nel Web, online?? Scusate, ma ho ancora un certo rispetto per qualità e decenza… senza nulla togliere a nessuno, quello che faccio (farei) non lo può e non lo deve fare, per legge, uno stagista di 20 anni. La qualità si paga, o perlomeno si riconosce come tale. Già, andrebbe insegnata a scuola… Bisognerebbe organizzarsi in maniera diversa, ormai il lavoro si “compra” se ti va bene… e questo è il risultato centennale del pensiero mafioso in Italia, che funziona tuttora. Buona serata da un disperato ma contento, io quello che potevo l’ho fatto e molto bene, poi saluti a tutti. Ciao.

    maobodue@gmail.com

  10. salve sono disoccupato 1 figlia e sono senza lavoro andiamo tutti a roma ed entriamo nel palazzo poi succeda quel che deve succedere tanto peggio di cosi e avrei una proposta per tutti i disoccupati con famiglia decidiamo insieme un giorno della settimana per fare la spesa entriamotutti insieme siamo in 200 300 1000 non importa piu siamo meglio e poi facciamo la spesa e usciamo senza pagare

  11. Salve ho 62 anni ho perso il lavoro 7 anni fa ho tirato il carretto avanti in nero sino 2014 ora al 2016 non riesco piu a garantire il pane a mia moglie e mia figlia che ha 25 anni, due anni fa ha avuto una tronbosi venosa alla gamba e un’embolia polmonare, nel 2015 si e ripetuta, ogni settimana deve andare all’ospedale per fare il prelievo e dargli la dose del cumadin ha fatto richiesta di invalidita ma non e stata accettata, io ho avuto due infarti , rottura di retina, calcoli alla cistiffellea, attrosi ai piedi ecc e l’inps non mi accetta la pensione , questo e’ lo stato che abbiamo, questo stato che dovrebbe garentire il cittadino, lo stato e per i possidenti non per la massa debole di gente come noi.
    Quante volte il mio pensiero e andato al suicidio ma poi pensando alla mia famiglia di che vita potevano sperare con la mia presenza terrestre ho evitato, ma il pensiero e quello poiche’ ho perso anche la dignita di dover chiedere 10 euro per comprare il pane , l’inps per dare un contributo di disoccupazione vuole 4 anni prima di lavoro o 18 settimane dell’anno prima del licenziamento, e uno che e stato licenziato prima di qurste richirste muoreee

  12. IO FAREI UN ASEMBLEA SOTTO IL PALLAZZO DEL GOVERNO E DOVREMMO STARE LI FINO A CHE NON CI DIANO UNA RISPOSTA A 51 ANNI NON SI PUO MORIRE DI FAME IO AVEVO UN ATIVITA E UN ANNO CHE CERCO LAVORO .

  13. io voglio capire una cosa , uno come me che ha lavorato da piccolo è cia 33 anni di contributi è lavoro non ne trova , come fa ha mantenere la famiglia , come paga l afitto , come fa ha vivere , voglio una risposta.

  14. Desidero che qualcuno risponda a questa mia domanda. Come tutti voi ho perso il lavoro a novembre del 2011, fra poco (14 dicembre), compio 55 anni con 4 figli.
    COSA E’ PREVISTO PER NOI
    DOVE E COSA DOBBIAMO FARE PER VIVERE DEGNAMENTE?
    DOVE PRENDERE I SOLDI PER PAGARE LE BOLLETTE, TASSE ECC.ECC.?
    PERCHE’ NON SI PRENDE DI ESEMPIO LA GERMANIA?
    LE BANCHE CI CHIUDONO LA PORTA IN FACCIA QUINDI COSA DOBBIAMO FARE?
    SE NON PRENDERANNO DELLE INIZIATIVE PENSO CHE ARRIVEREMO AD UNA GUERRA CIVILE……

  15. Sono nato nel 1961 per noi niente nessuna possibilità nessuno ci aiuta vorrei almeno quello che state dando ai profughi, ma cosa possiamo fare noi senza lavoro,come si fa a vivere così, un vero disastro cosa racconto ai miei figli che mi vedono seduto sul divano di casa ………………….

  16. O 60 anni e sono 7 anni che non lavoro o finito tutti i risparmi o pagato lo stato per oltre 30 anni e alla fine quando non ce lo fatta piu se presentata la gerit. Grande errore a pagare tutto perche poi se rimani senza niente lo stato non ti aiuta .quindi bisogna prima pensare a noi e poi allo stato ricordateviiiii

  17. ho 56 anni e come tanti di voi sono disoccupato, ho mandato non so quanti curriculum e bussato la porta di tante aziende ma di lavoro ce ne poco, e i già occupati sono più che sufficienti così mi è stato risposto.
    Non mi sembra di intravedere soluzione in questo Paese come pure in altri paesi sia europei che extraeu.
    La situazione è a dir poco drammatica ma la politica basandosi sui decimali di incremento lavorativo dice che stiamo andando bene !!!! mah….sicuramente per loro si.
    Cosa posso dire, teniamo duro che forse il nostro coraggio di resistere verrà premiato.FORZA

  18. Sono un uomo di 56anni nel 2012inps mi accetta una pensione di invalidità”lavorativa essendo un invalido del67/%dopo 2anni vado a visita e mi revocano la pensione,perché”non ci sono più”i requisiti,ma se io ho delle patologie croniche ed ne ho messe delle altre come fanno a revocarmi la pensione avendo versato 35anni di contributi,come faccio a vivere pagando tasse casa e tutto il resto ho moglie un nipotino una figlia fortunatamente lavora ma come faccio ad arrivare a67anni x la pensione.

  19. Sono un uomo di 52 anni in procinto di perdere tutto,ho paura….una fottuta paura di ciò che accadrà!!!Non sono un delinquente,ho sempre lavorato in vita mia….ma ora è finita!!!Ho una compagna,un figlio di 4 anni…sto veramente male…ho ancora un attività…ma è sommersa dai debiti….ho sempre pagato tutto in vita mia…ed ora non riesco più a pagare niente,a brevissimo non riuscirò più a coprire banche,finanziarie,affitto negozio….non so che fare….non so come fare….non ho niente,non abbiamo niente,non cerco comprensione….non cerco elemosina…a 52 anni cosa mi metto a fare???Per tanti anni ho fatto il venditore per prestigiosi marchi automobilistici con ottimi risultati….ma ne sono uscito dieci anni fa per aprirmi questa pizzeria di merda!!!!Non ho voluto mollare…ho voluto lottare contro tutto e tutti….la mia attività non andava male….ma poi mi hanno fatto chiudere per 5 mesi a causa della pericolosità del palazzo di dove si trova la mia attività….neanche fossimo nel terzo mondo….un palazzo al centro di Roma che stava a rischio crollo….che iella!!!Non mi hanno dato un cent di risarcimento…avrei dovuto avere una penale di 15.000 euro per la ritardata consegna dell attività….e non ho preso neanche quelli….beh certo….io devo pagare…gli altri no!!!!ho fatto debiti su debiti per continuare a pagare tutto e tutti….mi sono privato anche del dentista nonostante abbia avuto ed ho un enorme problema…è tutto questo con la speranza di riprendermi e non ce l ho fatta…anzi mi sono rovinato….ci siamo rovinati visto che anche la mia compagna lavora con me!!!!Ed ora???non abbiamo una casa di proprietà….non abbiamo parenti in grado di aiutarci….che caxxo faccio??come faccio???
    Ma io dico,invece di aiutare noi piccoli imprenditori strozzati anche dalla crisi….questi pensano ad aiutare extracomunitari….ma come si può??????Io voglio solo dignità….IO VOGLIO LAVORARE….sono DISPERATO….SPAVENTATO….UMILIATO…ho solo voglia di urlare la mia indignazione per questo stato ASSASSINO!!!è più facile aiutare che chiedere aiuto….è meno umiliante!!!perché sto scrivendo tutto questo….forse solo per voglia di sfogarmi un po’ e di non tenere tutto dentro…..

  20. E’ un dramma per noi ultracinquantenni nati negli anni 60, siamo la generazione perduta che non avuto nessuno aiuto nè dalla politica e nè dallo Stato a differenza delle generazioni passate che hanno avuto tutto e di più’ travolta lavorando anche poco aiutati da uno Stato generoso e da parecchi santi in paradiso. Non lasciateci morire tra la miseria e l’indifferenza aiutateci, fate che la vita non sia solo un privilegio solo per pochi fortunati.

  21. Quoto Giovanni Paolo; anni 58 e fine mobilità ordinaria nel dicembre 2016 .
    Poi ??? forse che i ns. politici attendono – impazienti – che ci gettiamo dalla
    rupe Tarpea e gli togliamo l’incomodo ? così si fregano anche i contributi versati.
    Personalmente sono dell’opinione di far altro uso del certificato elettorale,
    visto che sono molto attenti alle loro di pensioni e non fanno che impelagarsi
    in leggi utili ma non certamente prioritarie visto le ns. impellenti necessità,
    che continuano bellamente ad ignorare. Saluti.

  22. Ho 55 anni e famiglia a carico, in mobilità da 3 anni (L. 236) e in cerca di lavoro da sette mesi. Per incentivare le aziende ad assumere persone non più giovani ma con molta esperienza, penso dovrebbe essere fatta una legge tipo quella per le categorie protette, con sgravi fiscali e contributivi per chi assume . . .

  23. Già, se siamo troppo vecchi non ci prendono a lavorare…devo mettermi in proprio! devo decidere: o rapino le poste o vado in piazza a vendere cocaina…faccio un ricerca di mercato e inizio!

  24. Perchè una persona che ha lavorato, pagato i contributi per 35 anni facendo prendere la pensione ad altri, ed arrivare a perdere il lavoro! avendo 56 anni e lo Stato ti lascia da solo senza nessuno che pensi a qualcosa,Però quando vogliono i voti sono ben contenti.

  25. Sono disoccupato da cinque anni, senza una casa mia , nessuno che ti possa aiutare , sono diplomato , ho fatto moltissimi lavori, l’ ultima azienda per cui lavoravo ha chiuso per problemi economici, e non ho piu’ trovato nulla, mi sono raccomandato a tutte le istituzioni della mia citta’ Arezzo , tutti mi hanno detto che mi avrebbero aiutato ma nel concreto niente di niente, sono disperato, ho pensato anche di farla finita, ma non servirebbe altro che a dare notizia alla stampa locale, mi appello se qualcuno puo’ aiutarmi io mi adatto a qualsiasi lavoro, non dobbiamo essere noi disoccupati ultra cinquantenni io ne ho 51 l’ anello debole della societa’, ma con la nostra esperienza siamo sicuramente all’ altezza anche dei piu’ giovani, se qualcuno puo’ aiutarmi farebbe un opera di carita’ , non ho pretese , cerco un lavoro e una dignita’ di uomo , cio’ che dovrebbe essere garantito da uno STATO efficente e valido.

  26. Faccio parte anche io della lista disoccupati over 50 da due anni.
    La soluzione per lavorare tutti c’è ma non la metteranno mai in funzione.
    Io metterei l’età e l’assegno della pensione uguale per tutti ,operai ,impiegati ,politici e militari ,così quello che si risparmierebbe lo farei investire in tante altre cose come lavoro
    ad esempio,ma la cosa più interessante è ,chi lavora nel pubblico arrivati in pensione
    devono andare a riposo per dare spazio ai giovani oppure lavorare si ma solo nel volontariato per la loro esperienza.
    BE CHE NE PENSATE E’ NON E’ UNA BUONA IDEA .

  27. sono disocupato da tre anni con un mutuo da pagare due finanziarie da pagare non trovo lavoro perche mi ritrovo con 56 anni e disocupato o perso la fiducia esono molto depresso non so piu cosa fare

  28. 80 euro destinati alle persone che gia lavorano.mentre a chi a perso il posto di lavoro come me da piu di 3 anni con reddito zero con 4 figli a carico la moglie casalinga.
    non e aiutato da nessuno.

  29. no capisco come è possibile in un paese che si definiscwe civile ancora non hanno mai discusso che alcune categorie di lavoratori anche se hanno cominciato a 15 anni a lavorare e studiare, andati all’estero a loro spese e lavorare e studiare poi dopo 50 anni di lavoro sempre saltuario e a volte specialmente in Italia in nero malgrado che passavano gli ispettori IMPS sono senza nessuna possibiltà di pensionamento e di rinseimento nel lavoro e negano qualsiasi forma autotutela ma abbiamo alte cariche che prendono liquidazioni, stipendi e bonus solo perchè hanno saputo RUBARE!

  30. ho 59 anni non posso andare in pensione , ho un piccolo aiuto da mio fratello , lui prende
    1000 euro al mese .io non posso vivere con 200 euro, non trovo lavoro !!
    ditemi come posso andare avanti in questo benedetto mondo pieno di ingiustizie .
    mi appello al Presidente DOTT.Berlusconi solo lui ha un cuore grande e buono

  31. vorrei fare una proposta: Perchè il Governo non prende in cosiderazione il fatto che una persona che ha più di 35 anni di contributi versati NON POSSA RISCATTARE GLI ANNI CHE SERVIREBBERO PER LA PENSIONE? Esempio se un artigiano come me che non ce la fa più di andare avanti e vorrebbe riposo e serenità perchè il lavoro manca… avendo 36 anni di contributi e 51 anni pagando oggi 3000,00 euro di contributi l’anno… LO STATO MI CHIEDESSE: VA BEH PUOI ANDARE IN PENSIONE MA DEVI VERSARE ANTICIPATAMENTE I 15000,00 EURO DI CONTRIBUTI… io credo che converrebbe si a allo stato che al lavoratore, lo stato prenderebbe SUBITO 15000,00 EURO E IL SIGNORE IN QUESTIONE LA PENSIONE CHE GLI SPETTA… CHE NE DITE???

  32. sono un disoccupato da circa 7 anni ho 50 anni non mi interessa la pensione perche ho tanta voglia di lavorare ho una famiglia a carico e un mutuo mi basta solo di un lavoro per andare avanti sono un cartongestista esperto e serio grazie

  33. per ndestinare ingenti somme dove vogliono ho hanno interessi loro, i politici sanno come e dove trovarli, specie i politici del governo renzi. cacciamoli a tutti i costi

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here