Come cambia la riforma Fornero? operatori, lavoratori dipendenti, datori di lavoro e disoccupati chiedono maggiore flessibilità nei contratti, tempi più lunghi di collaborazione e stabilità. Il governo ha da poco varato il nuovo pacchetto che dovrebbe intervenire a modificare la legge sul lavoro varato un anno fa dal Parlamento sotto il governo Monti.

Tra le novità introdotte, c’è il cambio di intervallo tra un contratto a termine e il successivo che vengono sensibilmente ridotti da 60 e 90 giorni, rispettivamente a 10 e 20, dalla conclusione del precedente, lungo almeno sei mesi.

Riguardo sempre i rapporti a tempo determinato, va segnalato come per le assunzioni senza causale può essere sufficiente un accordo aziendale per mettere sul tavolo nuove possibilità in esubero rispetto a quelle previste nella legge in vigore.


Sul fronte delle dimissioni, importante modifica è quella che vede la procedura obbligatoria di convalida, una misura che riguarda anche i contratti atipici e i cocopro o cococo, ivi inclusa l’associazione in partecipazione.

Diverso invece il discorso per il lavoro a chiamata, che conosce, innanzitutto, la proroga della durata dei vecchi contratti, che, dopo il primo rinvio al 17 luglio, ora arrivano a fine 2013. Quindi, vengono introdotte attenuanti in caso di mancata comunicazione in anticipo riguardo una chiamata occupazionale, purché emerga l’intenzione di non voler tenere celato il lavoro: in questo caso, la sanzione da 400 a 2400 euro non verrà applicata. Da ultimo, il ritocco alla disciplina dei lavori a chiamata riguarda il tetto per il numero delle convocazioni di tipo intermittente, cioè di non oltre 400 giornate di rapporto nei 3 anni solari: al di là di questo limite, andrà realizzata la conversione a tempo determinato.

Infine, arriviamo al lavoro accessorio: l’unica via attraverso cui si potrà accedere a questa tipologia di contratto, riguarderà la persistenza di oggettivi limiti economici sanciti in via normativa: sparisce, dunque, dal dettato di legge, il riferimento alla natura occasionale del tipo di rapporto di lavoro. Inoltre, viene specificato che un successivo provvedimento ministeriale chiarirà le condizioni relative a disabili, detenuti, tossicodipendenti o altre categorie disagiate.

Vai al testo del decreto lavoro

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteDurt, il no delle imprese fa tremare il governo. Il Senato lo abolirà
Articolo successivoPolizze assicurative, tutti i dettagli online: le novità dall’Isvap

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here