E’ stata ufficialmente chiusa stamattina la procedura per disavanzo extra aperta dall’Unione europea nei confronti dell’Italia. Teatro della decisione annunciata, il Consiglio europeo in corso a Bruxelles tra presidenti e capi di governo dell’area euro, dove sono stai anche varati i fondi per l’occupazione giovanile.

Ora, resta da vedere se e in che misura questa maggiore libertà del nostro Paese di intervenire sulle politiche economiche si tradurrà in piano di intervento rivolti anche al welfare e in particolare al comparto pensionistico.

Ufficialmente, il governo Letta è in stallo sul fronte previdenziale, ma in realtà qualcosa si muove sia in Parlamento che nel Consiglio dei Ministri. La posizione dell’esecutivo è stata ribadita alcuni giorni fa all’unisono dai ministri dell Lavoro e dell’Economia, Enrico Giovannini e Fabrizio Saccomanni,  che hanno negato ogni possibilità di ritocco pesante alla legge Fornero.

In realtà, però, il governo sa che il prossimo settore su cui dovrà necessariamente mettere le mani sarà proprio quello del welfare, finora lasciato in secondo piano, prima a causa dell’Imu e del decreto sullo sblocco dei pagamenti della pubblica amministrazione verso le imprese e, poi, per il piano lavoro dei giovani. Proprio in virtù di quest’ultimo, il Consiglio europeo ha deliberato l’erogazione di sei miliardi da spendere in politiche di inclusione lavorativa per gli under 30 a partire dal prossimo gennaio.

Come noto, però, il governo considera la questione lavoro ai giovani e uscita pensionistiche strettamente correlate. Non stupisce, infatti, se spesso i membri del governo si sono affidati al principio del turnover per introdurre le nuove misure, inserendo, tra l’altro, anche un benefit per gli over 50 che si ritrovino disoccupati da oltre un anno. Tutto ciò, parrebbe, per incentivare il completamento del percorso lavorativo, evitare nuove frotte di esodati e riequilibrare la media anagrafica nel mondo del lavoro.

Così, con l’allentamento della vigilanza comunitaria, qualche laccio potrebbe essere saltato, anche se i ministri invitano a smorzare gli entusiasmi. Quel che è certo, è che sul tavolo della Commissione Lavoro alla Camera è presente la proposta Legge c.857 che reca la firma dell’onorevole Cesare Damiano, già ministro del Lavoro nell’ultimo governo di centrosinistra.

L’ipotesi più accreditata è sempre quella di favorire le sostituzioni tra giovani e anziani lavoratori, di modo che uscite in anticipo e ingressi di under 30 possano via via compensarsi. Possibile, più che i bonus e le penalizzazioni nell’assegno mensile, che si intervenga con qualche misura soft, al pari di un passaggio a part time dei lavoratori più attempati, che potrebbero svolgere anche la funzione dei tutor per i nuovi assunti.

Intanto, il primo passo, già confermato, sarà quello di assicurare la pensione a tutti gli esodati accolti nel programma di recupero dei tre decreti varati dal governo Monti (mancano ancora 120mila pensioni circa). Dopodiché, potrebbe arrivare qualche novità importante per evitare il rischio, come ha notato in question time anche lo stesso ministro Giovannini, di trovarsi con migliaia di esodandi che, a stretto giro, andrebbero a ingrossare le file degli esodati di fatto.

Vai allo speciale riforma pensioni di Leggioggi

Vai allo speciale esodati di Leggioggi


CONDIVIDI
Articolo precedenteScandalo Ior: in manette un prelato di Salerno per truffa e corruzione
Articolo successivoNessun riconoscimento contestuale? Al figlio va il cognome materno

3 COMMENTI

  1. Gli Esodati sono solo quelle persone che hanno sottoscritto un accordo con LO STATO,LA REGIONE, I SINDACATI E DATORI DI LAVORO.
    Avendo dai 35 anni ai 40 anni di LAVORO e quasi tutti untrasessantenni.
    E le voglio ricordare che siamo quelle persone che hanno versato i contributi per pagare la pensione ai tuoi famigliari.
    Un po’ di rispetto.

  2. Se non abbassano l’età pensionabile e non liberano il TFR della P.A. non si risolverà mai niente. Se oggi ci sono 3 milioni e mezzo di Impiegati nonostante le nuove tecnologie hanno fatto superare l’impiego di carta, non sarebbe più conveniente prepensionarli invece di tenerli a scaldare le sedie?

  3. siamo stanchi di sentire la parola esodati ……..nessuno parla di coloro che sono disoccupati causa fallimento ……..noi non siamo nessuno…..e poi chi ci da lavoro a60 anni ….e chiaro e anche giusto privileggiare i giovani devono farsi il loro avvenire …….ma noi che facciamo ci scaviamo una fossa????????

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here