La sensazione c’era, ma più che altro rimaneva una supposizione, che esistesse una reale possibilità che sul concorso a cattedre si scatenassero altri ricorsi, invece è proprio così; l’Anief, uno dei sindacati più attivi nelle battaglie legali contro il Miur, ha identificato nuove irregolarità che gli consentono una nuova azione legale. Per il giovane sindacato, infatti, la legge stabilisce che la prova in lingua straniera sia facoltativa, invece, la prova di laboratorio deve essere inclusa all’interno di quelle per cui è calcolato il punteggio finale in 28/40.

In ragione di questo, dunque, sono stati intrapresi i provvedimenti legali per poter ottenere l’ammissione rispettivamente dei candidati che saranno esclusi della primaria, dell’infanzia e delle classi della superiore A020, A033, A034, A059, A060, A025, A028, C430, A038, A047, A049.

Il Miur si fa trovare, di nuovo, almeno in teoria con le mani nel sacco dal momento che in modo del tutto arbitrario contravviene chiaramente a quanto previsto dal decreto legislativo 297/94 che all’articolo 400, commi 1-12 regola lo svolgimento di tutta la procedura concorsuale; per l’accesso alla scuola elementare, può essere sostenuta una prova facoltativa scritta e orale di verifica delle competenze su una lingua straniera; per la scuola superiore, può essere stabilita una prova ulteriore grafica o pratica che deve essere valutata congiuntamente alla prova scritta, soltanto al termine delle quali deve essere conseguito il punteggio complessivo di 28/40.

Il Miur, invece, ha scelto di inserire nel bando di concorso(D.D.G. n. 82 del 24 settembre 2012) da una parte (art. 7, c.3) la prova obbligatoria in lingua straniera nelle prove scritte del 28 febbraio e del 1 marzo per la scuola dell’infanzia e primaria, dall’altra (art. 9, c. 2) di separare le prove laboratoriali dalle prove scritte nella scuola superiore per verificare preliminarmente i prime tre quesiti prima dell’accesso alla successiva prova pratica. “Entrambe le decisioni sono illegittime, ovvero contra legem, secondo il principio che quod lex dixit vigorem legem habet” come riporta orizzontescuola.it

Il sindacato Anief, quindi, fornisce a tutti quei candidati che saranno esclusi dall’ammissione agli orali per la scuola dell’infanzia e della primaria a causa dell’errata valutazione della prova in lingua inglese e tutti i candidati della scuola superiore che non saranno ammessi allo svolgimento della prova laboratoriale ad inviare una mail a concorsoacattedra@anief.net con l’obiettivo di ricevere le istruzioni operative per il ricorso, indicando nell’oggetto, rispettivamente “inglese” per la primaria e “laboratorio” per la superiore entro 10 giorni dalla pubblicazione degli elenchi degli esclusi e comunque entro il 31 marzo 2013.

La richiesta di sospensione cautelare dei provvedimenti di esclusione e di ammissione con riserva alle prove orali e alle prove laboratoriali sarà notificata al Tar Lazio successivamente alla pubblicazione degli elenchi regionali degli ammessi che dovrà essere comunicata in tempo dai candidati ricorrenti secondo le modalità ricevute.

Questo è l’elenco delle classi di concorso coinvolte;AAAA, EEEE (infanzia, primaria) A020, (discipline meccaniche e tecnologia), A033 (tecnologia), A034 (elettronica), A059 (scienze matematiche e fisiche per le medie), A060 (scienze naturali), A025 e A028 (discipline artistiche), C430 (laboratorio tecnologico per l’edilizia), A038, A047 e A049 (matematica e fisica).

© RIPRODUZIONE RISERVATA


2 COMMENTI

  1. Buongiorno a tutti,

    per favore, ho finalmente avuto accesso agli atti del concorso primaria. Vorrei fare ricorso. Mi dite come si fa?

    Grazie mille,

    Anna

  2. mi spiegate il motivo del ricorso per infanzia?…avete forse sostenuto una prova in lingua inglese?…io no!!!!

SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome