Il test preselettivo, la prima prova del concorso a cattedre, è acqua passata; questo deve essere stato il pensiero degli 88.610 candidati che se lo sono lasciati alle spalle con successo. Quello che però non potevano sapere è che i sindacati, l’Anief in testa, non la pensano allo stesso modo ed hanno intenzione di scatenare una vera e propria offensiva fatta di ricorsi, presso il Tar, per far ammettere tutti coloro che sono stati esclusi ingiustamente, laddove ingiustamente è stato quantificato nel punteggio compreso tra 30 e 34 punti.

In questo modo gli 11.542 posti fissi che il ministero dell’istruzione mette a disposizione, rischiano di diventare 11.542 motivi di discordia, in quanto le reazioni di coloro che sono stati promossi sono state, giustamente, vibranti. Le regole del bando erano chiare sin dall’inizio, anche se l’Anief proprio subito dopo l’uscita del bando aveva promesso che avrebbe fatto ricorso in merito alla soglia minima di promozione, ritenuta incostituzionale.

Ad ogni modo questa non è soltanto una campagna a favore dei concorrenti esclusi, ma è evidente che il sindacato ha un ritorno, e non solo di immagine da questa operazione, per cui bisogna valutare con molta attenzione quello che sta accadendo; se da una parte è vero che molti ricorsi, promossi sia dall’ Anief che dal Codacons, sono andati a buon fine, ed hanno permesso ad alcune centinaia di aspiranti docenti di poter accedere al concorso, almeno con riserva, è altrettanto vero che l’iscrizione al concorso implica una tacita adesione delle regole che il bando ufficiale prevede, per cui erano noti a tutti i termini di accesso così come i parametri necessari per poter essere ritenuti idonei di partecipare alle prove successive.


L’Anief, tuttavia, non cade in una polemica sterile; infatti ha un vero e proprio ufficio studi che si occupa esclusivamente di gestire questa vicenda e di farlo nel modo più funzionale, per tutti, possibile. La normativa vigente, ossia il decreto legislativo 297/94, permette al sindacato di nutrire notevoli speranze di far ammettere quei candidati che hanno totalizzato un punteggio compreso fra 30 e 34; questa speranza si basa sul fatto che i 35/50 richiesti per essere promossi rappresentino una proporzione matematica superiore al 6 canonicamente richiesto per essere ritenuti idonei.

L’Anief ha deciso di farsi portavoce di queste contraddizioni – ha dichiarato ad orizzontescuola Marcello Pacifico, presidente del giovane sindacato –, in particolare del fatto che il Miur avrebbe dovuto ridurre la soglia minima di accesso a 30/50. Tutti coloro che hanno dunque conseguito tra 30 e 34 punti non si rassegnino, perché tramite la nostra assistenza potranno rivolgersi al Tribunale amministrativo regionale e chiedere il rispetto delle norme vigenti. L’obiettivo, ovviamente, è quello di accedere direttamente alle prove disciplinari scritte, il cui calendario verrà pubblicato il prossimo 15 gennaio”.

Il Miur si dovrà ricredere: alzare troppo l’asticella del punteggio minimo non è stata una scelta saggia” – ha poi concluso il presidente Pacifico – “ il Ministero ha in questo modo inibito il diritto dei candidati a farsi valutare in modo equo il loro merito, sottoforma di conoscenze e competenze acquisite, utile per accedere alle prove successive.

 


11 COMMENTI

  1. Ho fatto il ricorso con l’ANIEF, però in questi giorni ho letto un comunucato dell’ufficio legele di un’alto sindacato il quale non farà ricorso perchè secondo loro non si può parlare di manifesta illogicità nella scelta del limite minimo che in altri concorsi è stato anche superiore. Speriamo bene!!!

  2. ci vogliono 120 euro e la cosa puzza assai di speculazione nonostante io sia tra quelli “tra il 30 e 34″…

    bah vedremo

  3. I miei 30/50esimi possono essere sufficienti per far ricorso? Vi è possibile tramite mail darmi delucidazioni in merito? Grazie in anticipo.

  4. […] ricorsi dei sindacati contro il concorso a cattedre sono ormai effettivi e in atto, ciò che però tutti voglio […]

  5. ho svolto la prova preselettiva raggiungendo un punteggio di 33/35 vorrei fare ricorso come devo procedere fatemi sapere al più presto grazie

  6. Cortesemente posso sapere cosa devo fare per fare ricorso per il concorso a cattedra? considerato che ho avuto un punteggio pari a 32.00. Grazie.

  7. Cortesemente posso sapere cosa devo fare per partecipare al ricorso per il concorso a cattedra? considerato che ho avuto un punteggio pari al 32,50.
    Grazie

  8. Ho partecipato al concorso con votazione di 34/ 35.Vorrei capire cosa fare per chiedere ricorso.Vi chiedo aiuto, per favore.Grazie infinite.

  9. ho partecipato al concorso a cattedre ottenendo una votazione pari a 32.5. Avrei bisogno di avere ulteriori informazioni per un eventuale ricorso e di sapere se ci sono i requisiti sufficienti per vincerlo. Per favore tenetemi aggiornata.Grazie e ciao

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here