Premessa: adotterò un linguaggio non tecnico, quindi i puristi non se ne abbiano a male.

Che l’avvocatura italiana abbia bisogno di svecchiarsi, non c’è dubbio e credo di averlo scritto varie volte su queste pagine (attirandomi anche qualche critica, amen).

Non è però possibile che da qualche tempo a questa parte, a prescindere dalla posizione politica (rectius: partitica) sia in atto una manovra giornalistico-politica volta ad addebitare agli avvocati la responsabilità da un lato della lentezza e delle disfunzioni della Giustizia, e dall’altro della crisi del paese.


Così, in contemporanea, si leggono affermazioni sull’eccessivo numero di avvocati in Italia fatte dalle stesse persone che chiedono a gran voce una maggiore “liberalizzazione” (a questo proposito si veda alla voce “svuotare di senso una parola”), visto che ci sarebbe questa fantomatica “casta degli avvocati”.

Bizzarro, a ben vedere.

D’altra parte c’è in atto una manovra per abbassare coattivamente, con una serie di interventi da soviet vecchio tipo (ma sempre fatti in nome del liberismo, sia chiaro!), le tariffe degli avvocati.

Per esempio d’ora in poi quando un privato o una società vuole eseguire una sentenza o decreto ingiuntivo, magari per il recupero di un credito, è stato previsto (D.M. 140/12) che l’importo che si può porre a carico del debitore inadempiente con l’atto di precetto sia assai inferiore al valore dell’attività svolta.

Tipo per un credito di € 5.000,00 il valore medio è 60 euro (sì, non avete letto male: sessanta euro, sic!) e al massimo si possono raggiungere i cento euro (entusiasmante, eh?).

Ancora: la recente legge di stabilità prevede che il giudice non possa liquidare compensi giudiziali in misura maggiore del valore della causa.

Come se fosse previsto che un idraulico non può essere pagato più del prezzo che costa il materiale.

Evidentemente, tutto ciò riesce ad essere allo stesso tempo profondamente ingiusto, inutilmente punitivo e vergognosamente ridicolo: insomma, un record.

E se guardiamo bene, ciò significa far risparmiare chi non paga, cioè chi “si comporta male”, che viene incentivato a non adempiere i propri debiti.

Meraviglioso, non vi pare?

E, dall’altro lato, posto che gli avvocati non sono enti di beneficenza e non lavorano gratis (cosa che lo stato sa bene viste le tasse/imposte/balzelli vari che chiede!) è evidente che l’avvocato chiederà i soldi per il suo compenso al cliente.

Dunque perché questo è stato fatto?

La versione ufficiale è “per abbassare le spese legali per i consumatori“.

Signori miei: sono tutte balle!

La verità è che il provvedimento serve, per esempio e tanto per essere chiari, alle compagnie assicurative che risparmieranno milioni di euro di spese legali da pagare in caso perdano la causa.

O serve alle banche e grandi aziende per imporre ai propri avvocati costi legali al ribasso.

Al singolo cliente (e smettiamola con ‘sta menata dei “consumatori”! Un avvocato ha clienti, non consumatori. Non siamo al supermercato) privato, o alla piccola azienda, non serve a nulla: anzi, come detto, tutto ciò si risolve in un danno.

Il resto è fuffa.

Si vuole distruggere la categoria degli avvocati? Si abbia quantomeno la decenza intellettuale di dirlo apertamente.

Ma mi rendo conto che sto chiedendo troppo.


CONDIVIDI
Articolo precedenteConcorso scuola 2012: titoli e requisiti di ammissione spiegati dal bando
Articolo successivoL’inadempimento del contratto preliminare: quale tutela per il promissario acquirente

2 COMMENTI

  1. condivido e sottoscrivo ogni parola (anche quelle che si leggono tra o sopra le righe): ma è possibile che pur essendo così numerosi, noi avvocati non abbiamo la forza per ottenere un solo risultato positivo ? sarà forse che il “nostro” ministro non vede come un problema i compensi, soprattutto se parametrati al valore della controversia? noi comuni avvocati, invece, ci scontriamo quotidianamente con i parametri, che sono un problema….. e se parametrassero gli stipendi dei vari politici alle presenze, al lavoro effettivo ecc…. ? proviamo a dire tutti noi avvocati “ORA BASTA”: tutti però, o meglio tutti noi che siamo e facciamo gli avvocati e indossiamo la toga perché entriamo in aula e ci …. confrontiamo con i magistrati, anche duramente per difendere (nel vero senso della parola) anche il cliente oltre che i suoi diritti…. Non attendiamo ancora per dire BASTA: non ci sarà data più la parola.

  2. il problema. qui come altrove, è la generalizzazione. perchè che ci sia avvocati che si fanno strapagare, oppure che siano avvocati che sguazzano enlla lunghezza dei processi può essere vero, ma dire che gli avvocati fanno così per pertito preso è sbagliato. Comer per i dipendenti pubblici fannulloni, per i magistrati politicizzati… ecc.. sono tutte cose che esistono, ma non sono commenti buoni per tutta una categoria.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here