È iniziato il conto alla rovescia per chiudere la stagione di Unico 2012, il modello con cui gli Italiani presentano le proprie dichiarazioni dei redditi relative al 2011. Stando ai dati degli ultimi giorni, devono inviarle ancora circa 10 milioni di contribuenti – tra persone fisiche, società di persone e società di capitali – attraverso i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate. La chiusura ufficiale, prevista per domenica 30 settembre, è slittata al primo giorno lavorativo utile, lunedì 1° ottobre, in cui si prevede una giornata di passione per i contribuenti non meno che per gli operatori. Tutto questo mentre la stessa Agenzia ha fornito due chiarimenti in extremis relativamente alle imposte differite attive (con la circolare n. 37  del 28 settembre 2012) ed alle dimenticanze sanabili sulla scelta dei regimi fiscali opzionali (con la circolare n. 38/e dello stesso giorno), con la semplificazione fiscale che inizia a prendere forma a seguito della legge n. 44/2012.

Rimane invece ancora aperto il capitolo Imu. I soggetti obbligati avrebbero dovuto presentare la relativa dichiarazione entro lunedì 1° ottobre, ma mancano ancora modelli ed istruzioni ufficiali. A questo proposito, in attesa di un provvedimento per la determinazione dell’effettiva data della proroga, è intervenuto il Ministero dell’economia con un comunicato stampa (sempre del 28 settembre) nel quale si legge che “il Consiglio dei Ministri della prossima settimana valuterà la proposta del Mef di proroga del termine di presentazione della dichiarazione Imu per gli immobili per i quali l’obbligo dichiarativo è sorto dal 1° gennaio 2012”. Tra le ipotesi sul terreno sembra plausibile un rinvio al 31 ottobre e, ai fini di evitare il caos per le centinaia di migliaia di contribuenti interessati, il comunicato prosegue spiegando che “sarà pubblicato a breve sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze che approva il modello della dichiarazione Imu e le relative istruzioni per la compilazione”. Oltre alla dichiarazione, rimane fissata al 17 dicembre 2012 la data entro cui pagare il saldo dell’imposta municipale unica sulla casa.

L’attenzione rimane dunque, per il momento, tutta concentrata su Unico 2012. Ai contribuenti si raccomanda di prestare la massima attenzione su tutte le violazioni formali che possono far scattare sanzioni anche dure, seguite da contestazioni dell’Agenzia delle Entrate. Per quanto riguarda i privati, massima vigilanza sulla cedolare secca sugli affitti (controllo sull’indicazione degli estremi di registrazione del contratto di locazione) e sul quadro RW in caso di possesso di patrimoni all’estero. Per i liberi professionisti, va posta particolare attenzione sulla corretta segnalazione delle cause di esclusione ed inapplicabilità degli studi di settore, sulle spese per le operazioni con soggetti aventi sede in Paesi nella black list e su quelle di rappresentanza.


CONDIVIDI
Articolo precedenteCassazione, no al licenziamento del lavoratore in malattia che aiuta la moglie al bar
Articolo successivoUomini di “fiducia” dei politici, un costo che non possiamo permetterci

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here