Per un concorso che è in rampa di lancio, quello della scuola del 24 settembre, ce ne è uno che non smette di dare colpi di coda e, anzi, la polemica non sembra cessare ma rinfocolarsi con l’andare del tempo, quello dei presidi. Le associazioni professionali Andis e Disal sono arrivate a chiedere l’intervento del ministro dell’Istruzione Francesco Profumo per dirimere una questione ormai divenuta “gravissima” poiché si sta palesando uno stato di emergenza che si è creata in Lombardia a causa dell’annullamento del concorso per dirigenti scolastici nella regione, successivamente alla sentenza del Consiglio di Stato del 28 agosto che ne aveva invalidato il risultato.

Alla luce di questa situazione di evidente disagio e di assurda attesa per l’evolversi di una vicenda sentita da tutti coloro che sono direttamente coinvolti come una inutile ritorsione, se non un sopruso, Andis e Disal hanno deciso di scrivere una lettera in quanto considerano “decisivo” il ruolo che può svolgere il ministro Profumo nel “sollecitare il Consiglio di Stato all’anticipo della sentenza di merito, che realisticamente dovrebbe confutare l’ipotesi astratta di violazione dell’anonimato, e consentire le nomine dei candidati che hanno superato regolarmente tutte le prove del concorso”.

L’auspicio delle due associazioni, così come quello dei dirigenti scolastici che hanno superato la prova, è che la vicenda trovi la sua conclusione in tempi brevi o quanto meno compatibili con l’inizio dell’anno scolastico senza creare ulteriori difficoltà e scompensi alle strutture scolastiche private dei loro dirigenti. L’obiettivo, difeso chiaramente da Andis e Disal, è quello di riconoscere il merito degli idonei, non solo ma si vuole privilegiare l’aspetto pratico quello che consentirebbe di sottrarre a una situazione davvero problematica 500 scuole della regione Lombardia rimaste senza dirigente scolastico che, ad oggi, sono affidate a dei reggenti.


Andis e Disal, valutata la situazione descritta precedentemente, hanno ritenuto che l’unica cosa da fare sia incontrare il ministro, cosicché sia possibile esporgli il caso della “grave situazione delle reggenze in Campania, che ha trasformato molti dirigenti in commessi viaggiatori, a causa della assegnazione coatta di sedi in due province  e a distanze impossibili”.


CONDIVIDI
Articolo precedenteFornero, è bufera sulla vignetta di Vauro. Dal web: “Se l’è meritata”
Articolo successivoBilanci gruppi parlamentari, i deputati: “E’ cosa nostra”

2 COMMENTI

  1. Viste le numerosi e gravi irregolarità, riscontrate prima dal Tar e poi dal Consglio di Stato, che non riguarda solo le buste trasprenti le varie associazioni pseusidacaliste che non fanno altro che tutelare i loro iscritti ed amichetti farebbero bene a starsi zittte.
    Infatti è stato dimostrato che lo studiare non basta, occorre avere raccomandazioni e magari farsi leggere il proprio nome attraverso le buste trasparenti, oppure indicare nel compito il paese di appartenenza. Che dire poi del Presidente di commissione che dichiarava di essere in due posti contemporanemente e leggeva140 compiti in 2 ore ed era in due posti simultanemente ?, aveva il dono dell’ubiquità e tutti firmavano i verbali. Infine come mai uno dei commissari e’ stato sostituito dopo le dimissioni, (tra l’atro lo stesso dichiarava su giornali che si dimetteva per la forzatura dei tempi di correzione), da un altro commissario che non era nell’apposita graduatoria e dai controlli effettati sembra non avere nemmeno i requisiti per poter fare il commissario??.
    L’Italia dei furbetti non smette mai di continuare a bussare alle porte, è ora di dire basta.
    Spero che giustizia sia fatta e che giorno 20 i giudici amministrativi non si facciano forviare da spinte politiche o sindacaliste e valutino con la giusta senerità perchè probabilmente presto verranno presentati esposti alla procura per fare indagare sua altre irregolarità che se confermate avranno anche riscontri penali.
    Giovanni.

  2. […] in un comunicato che avrebbe indetto una interrogazione parlamentare con cui richiedere al ministro Profumo di certificare se certi componenti delle commissioni fossero anche dirigenti sindacali “nelle […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here