Come tutti gli anni in questo periodo, è uscito il bando per l’esame “di abilitazione all’esercizio della professione forense”.

Gli scritti si terranno i giorni 11, 12, 13 dicembre.

Con l’occasione provo a sfatare una leggenda, che resiste imperterrita da anni e anni (voglio dire: girava già al tempo in cui sostenni io l’esame per la prima volta…).


Mi riferisco alla scelta delle cinque materie per l’esame orale.

La leggenda (che, tanto per essere chiari, è talmente radicata che mi ha consentito venerdì di vincere un gelato scommettendo con il mio collaboratore che affronta l’esame a dicembre) vuole che una materia tra diritto civile e diritto penale sia obbligatoria.

Ebbene, si tratta di un mito, un falso, una leggenda appunto.

L’unico obbligo (come d’altra parte si può leggere nell‘art. 2 n.3 del bando) è relativo ad almeno una materia di diritto processuale (civile o penale).

Ma per il resto la scelta è assolutamente libera.

Tanto per essere ancora più chiari: io non ho portato diritto civile, nè tampoco diritto penale.

L’obiettivo dell’esame è quello di superarlo: nessuno vi farà i complimenti se scegliete di portare cinque “mattoni”.

Visto che è già abbastanza complicato, perchè andare a complicarlo ulteriormente?

A buon intenditore, poche parole…


CONDIVIDI
Articolo precedenteNuovo Isee, cambia il calcolo. Entra l’Imu
Articolo successivoDecreto Sviluppo, da oggi operative le novità sul processo civile

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here