Malgrado il primo acconto dell’Imu abbia fruttato quanto previsto dagli addetti ai lavori (9,6 miliardi di euro), per il saldo finale i contribuenti italiani potrebbero andare incontro a un inasprimento ulteriore dell’imposta, che, secondo i calcoli dei Ministeri, dovrebbe portare nelle casse statali una somma superiore a 20 miliardi entro il 2012.

Soprattutto in materia di seconde case, infatti, si preannuncia un autunno alquanto complicato. Comuni al pari di Bologna, Cagliari, Firenze, Napoli, Roma e Torino sembrano, infatti, decisi di spremere al massimo i proprietari di seconde case: aliquota al top e già si preannunciano nuovi esborsi record. Naturalmente, nel computo andranno inclusi anche quei fabbricati non a uso residenziale, che vedranno un’aliquota applicata all’1,06%.  A Milano, invece, piangeranno soprattutto i proprietari di case affittate, che potrebbero vedersi presentare un conto superiore di oltre il 50%

Insomma, l’esito in linea con le previsioni governative avrebbe prodotto come unico effetto quello, da parte del governo, di non elevare il tetto massimo per le aliquote (cioè 0,4% per la prima casa e 0,76% per la seconda).


Sempre secondo le attese, poi, la “classifica” dei Comuni più generosi: in vetta troviamo Roma, con un gettito complessivo superiore al miliardo di euro. Seguono, a distanza, i territori di Milano e Torino, che hanno contribuito alla cassa dell’Imu rispettivamente con 680 e 428 milioni.

I cittadini, dunque, si lamentano, ma pagano. C’è da vedere se, in questo marasma di possibili percentuali e ritocchi verso l’alto che potrebbe continuare ancora alcuni mesi, i contribuenti italiani riusciranno a mantenere perlomeno l’orientamento.

Qui un link diretto (e gratuito) per calcolare la base imponibile Imu.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteMatrimonio gay in Italia: il Pd traballa
Articolo successivoIntercettazioni Stato-mafia: Napolitano contro la procura di Palermo

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here