Home Archivio Notizie Imu, aliquote al top. Per dicembre si prepara il rincaro

Imu, aliquote al top. Per dicembre si prepara il rincaro

Malgrado il primo acconto dell’Imu abbia fruttato quanto previsto dagli addetti ai lavori (9,6 miliardi di euro), per il saldo finale i contribuenti italiani potrebbero andare incontro a un inasprimento ulteriore dell’imposta, che, secondo i calcoli dei Ministeri, dovrebbe portare nelle casse statali una somma superiore a 20 miliardi entro il 2012.

Soprattutto in materia di seconde case, infatti, si preannuncia un autunno alquanto complicato. Comuni al pari di Bologna, Cagliari, Firenze, Napoli, Roma e Torino sembrano, infatti, decisi di spremere al massimo i proprietari di seconde case: aliquota al top e già si preannunciano nuovi esborsi record. Naturalmente, nel computo andranno inclusi anche quei fabbricati non a uso residenziale, che vedranno un’aliquota applicata all’1,06%.  A Milano, invece, piangeranno soprattutto i proprietari di case affittate, che potrebbero vedersi presentare un conto superiore di oltre il 50%

Insomma, l’esito in linea con le previsioni governative avrebbe prodotto come unico effetto quello, da parte del governo, di non elevare il tetto massimo per le aliquote (cioè 0,4% per la prima casa e 0,76% per la seconda).

Sempre secondo le attese, poi, la “classifica” dei Comuni più generosi: in vetta troviamo Roma, con un gettito complessivo superiore al miliardo di euro. Seguono, a distanza, i territori di Milano e Torino, che hanno contribuito alla cassa dell’Imu rispettivamente con 680 e 428 milioni.

I cittadini, dunque, si lamentano, ma pagano. C’è da vedere se, in questo marasma di possibili percentuali e ritocchi verso l’alto che potrebbe continuare ancora alcuni mesi, i contribuenti italiani riusciranno a mantenere perlomeno l’orientamento.

Qui un link diretto (e gratuito) per calcolare la base imponibile Imu.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome