Dopo la scuola “leghista” tappezzata dal sole delle Alpi il Comune di Adro torna a far parlar di sé per un nuovo provvedimento dell’amministrazione comunale.
Il giudice del lavoro di Brescia ha condannato l’ente locale guidato dal leghista Oscar Lancini a risarcire otto cittadini stranieri perché esclusi dalla lista di beneficiari  del bonus bebè e una donna di origine marocchina esclusa dal bonus affitto.
Dopo una prima condanna da parte del Tribunale di Brescia che aveva giudicato negativamente l’esclusione dei cittadini stranieri dal bonus bebè e dal bonus affitto, il sindaco aveva cercato di metterci una pezza con una determina che imponeva ai cittadini italiani beneficiari del beneficio di risarcire le somme erogate e bloccava i versamenti.


CONDIVIDI
Articolo precedenteLa responsabilità dell’intermediario a seguito di diffida stragiudiziale
Articolo successivoFacebook vietato alle piccole Obama

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here