Le nuove linee guida per l’applicazione della Legge 40 in materia di procreazione medicalmente assistita, proposte dall’ex sottosegretario alla Salute Eugenia Roccella e giunte il 15 Novembre ( per il previsto parere obbligatorio ) all’attenzione dell’Istituto Superiore di Sanità e del Consiglio Superiore di Sanità, non dovranno più essere giudicate dai suddetti organi. Ora che un nuovo governo è stato formato, infatti, all’iter delle nuove indicazioni sanitarie si impone forzatamente un nuovo inizio. Fra l’altro, la legge prevede che le su citate linee guida vengano redatte ogni tre anni. Non trattasi, però, di un obbligo; cosicchè, bisognerà vedere se il nuovo esecutivo, “in tutt’altre faccende affaccendato”, deciderà o meno di emanarle.

Il testo di Eugenia Roccella avrebbe concesso l’uso delle tecniche di fecondazione assistita sia a coloro che si trovassero in condizioni di infertilità, sia ai genitori fertili, sebbene portatori di malattie infettive, del calibro di Hiv, Hbv ed Hcv. Non venivano invece menzionate, dal testo in oggetto, le malattie dei genitori, le quali presentassero origini genetiche. Ciò sarebbe equivalso ad affermare che i portatori di tali patologie non avrebbero avuto il diritto di fare ricorso ad una fecondazione medicalmente assistita. Per i giuristi, risultava e risulta evidente il contrasto tra tale affermazione e le note sentenze dei tribunali di Salerno, Bologna e Firenze, che consentirono, a coppie portatrici di malattie genetiche ( e non sterili ), di ricorrere alle tecniche di fecondazione assistita.

Tra le altre novità delle linee guida proposte da Eugenia Roccella, vi sarebbe stata la norma riguardante gli embrioni abbandonati durante le tecniche di fecondazione. Per essi, era fino ad ora previsto il trasferimento nella Biobanca di Milano ( costata un ben noto gruzzolo di denaro, e praticamente mai utilizzata ), alla quale spettava, fra l’altro, la responsabilità giuridica sugli embrioni da essa accuditi. Secondo le nuove disposizioni, tale responsabilità in materia di embrioni sarebbe rimasta in capo ai centri locali, in cui gli embrioni stessi sarebbero stati prodotti e lasciati.


E qui mi fermo; con la convinzione che il presente articolo debba essere concluso, come spesso dovremmo fare nel nostro dolce Paese, con le parole che il buon William Shakespeare usò per intitolare un suo noto lavoro: Molto rumore per nulla!


CONDIVIDI
Articolo precedenteCome cambiano i servizi pubblici locali
Articolo successivoL’importanza di chiamarsi Tizio!

1 COOMENTO

  1. E’, purtroppo, vero che in questo momento storico-politico abbiamo tanti di quei problemi di sopravvivenza che una legge come quella sulla procreazione assistita sembrerebbe passare in secondo piano. “Sembrerebbe” ma – ovviamente – non può e non deve essere così !
    I ministri ed i sottosegretari sono tanti anche per questo, perchè ognuno sia in grado di seguire le esigenze di tutti, anche quelle che ad alcuni possono apparire di rilevanza minore.
    Per una coppia che desidera ardentemente avere figli, il problema della procreazione assistita è assolutamente vitale ed urgente. Mi auguro, dunque, che la legge riprenda immediatamente il suo corso e dia, finalmente, risposte esaustive e soddisfacenti al problema.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here