Il governo Monti ha presentato nella giornata di ieri, giocando d’anticipo sui mercati finanziari, la manovra “Salva Italia”.
Tra le misure, come anticipato nei giorni scorsi, sono presenti quelle  legate al mondo dell’edilizia.

Imu e revisione delle rendite catastali
Prima fra tutte, l’anticipazione nel 2012 dell’Imu (Imposta municipale unica) che sarà dello 0,4 per la prima casa e dello 0,76% dalla seconda casa in poi.
Saranno rivalutate del 5% le rendite catastali, che attraverso fattori legati al reddito e al patrimonio immobiliare potranno arrivare anche al 60%. E’ prevista una esenzione fino a 200 euro per l’abitazione principale.
Bonus  55% e 36%  per riqualificazione energetica e ristrutturazioni
Vengono resi duraturi nel tempo tutti gli incentivi per le ristrutturazioni e per il risparmio energetico estendendoli alle aree colpite da calamità naturali”, si legge nel comunicato stampa del Governo. Prorogata fino al 2014 la detrazione fiscale del 55% sulle riqualificazioni energetiche degli edifici, la misura è stata inserita solamente dopo la discussione a Palazzo Chigi. Nel documento  si parla anche della detrazione del 36% che diventerà strutturale e non soggetta a proroghe pluriennali come in passato, e sarà estesa alle zone colpite da calamità naturali, ai lavori per la sicurezza dell’immobile (anche domestica), all’abbattimento acustico e delle barriere architettoniche.
Resta il tetto di spesa di 48.000 euro per una detrazione massima annua di 1728 euro ma dal 2013 verrà legata al reddito Isee.
Confermata il bonus del 25% del prezzo dell’immobile soggetto a lavori di restauro e risanamento conservativo se l’acquisto avviene entro sei mesi dalla data di fine lavori.


CONDIVIDI
Articolo precedenteManovra Monti: ottima riforma pensioni ma restiamo in attesa del secondo tempo
Articolo successivoIn tempo reale, il testo aggiornato della Manovra Monti

9 COMMENTI

  1. Gia da ore bisogna aumentare il valore catastale della prima casa del 60%, ai fini della compillazione della dicharazione ISEE, cosi facendo una buona parte non sara’ piu’ esente. vorrei un parererei da parte vostra.
    Il mio quesito serve in quanto soggetto alla compilazione ISEE.
    Grazie

  2. Graziella vivere con 640 euro al mese è in possibile, però se ci aggiungi anche i soldi guadagnati in nero sono più di 640 euro.
    Non mi riferisco a te nello specifico, ma vivere con 640 euro al mese è impossibile.
    Tra chi vive con i 640 euro al mese, secondo me, il 75% ha introiti non dichiarati oltre comunque alle esenzioni su un sacco di cose.

  3. Leggevo su un giornale che non è stato Berlusconi a toglie l’ICI i beni del Vaticano ma bensì Bersani (governo Prodi).

  4. Salve
    ma le case in comodato gratuito come saranno considerate ora? Ovvero se un proprietario assegna in comodato gratuito la seconda casa al proprio figlio sarà il figlio a pagare l’IMU sulla prima casa o il proprietario a pagare l’IMU sulla seconda?

    Vi segnalo anche uno strumento per il calcolo dell’IMU online

  5. E’ IL SOLITO INCIUCIO ALL’ ITALIANA . E ORA DI FINIRLA , PERCHE’ DEVONO PAGARE SEMPRE I PIU DEBOLI ! ! DOVE’ QUESTA EQUITA’ CHE HA SEMPRE DETTO IL MINISTRO MONTI ?

  6. Vorrei chiedere al presidente Monti se ha la più pallida idea di come si può vivere con 640 euro al mese e dover pure pagare l’ICI sulla casa acquistata con grandi sacrifici!

  7. possiedo la casa vivo di pensione povera,come posso essere contenta dell’Ici? Se già per risparmiare ho alleggerito il riscaldamento,luce e tagliato il telefono fisso? non basta?

  8. Vorrei sapere come mai quel succube del Vaticano di Monti non ha avuto il coraggio di ripristinare l’ICI ai beni commerciali della Santa Romana Chiesa abolita dal quel sant’uomo di berlusconi che lo ha fatto per avere la dispensa papale a poter fare la comunione nonostante sia divorziato; ma la cosa peggiore e’ che nessuno della cosiddetta opposizione comunista e non taccia e subisca la mancata rivalutazione delle pensioni basse; forse l’hanno fatto per il bel regalo di Monti che non ha toccato nche la loro aliquota IRPEF, che VERGOGNA E CHE SCHIFO!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here