Siamo sotto l’occhio vigile del fisco! Oggi ancora di più rispetto al passato.

Se fino a poco tempo fa, le operazioni  finanziarie  effettuate in contanti, sfuggivano ai controlli, ora gli acquisti  superiori a 3.600 euro saranno oggetto di una  segnalazione all’Agenzia delle Entrate.

Molte operazioni saranno soggette a controlli serrati. Si pensi alla stipula di assicurazioni, mutui e finanziamenti, all’acquisto di case, auto, barche e altri.


Una fittissima rete di flussi telematici che portano il nostro nome (o meglio, codice fiscale), sarà conosciuta dal fisco quasi in tempo reale.

Sarà facile, pertanto, per l’Amministrazione Finanziaria, digitare il nostro codice fiscale e sapere quanto possediamo, quanto spendiamo, confrontandolo con il reddito dichiarato.

Una volta convocati dal fisco, occorrerà fornire “concrete” spiegazioni sull’eventuale comportamento sospetto, apportando le necessarie difese probatorie supportate da una corposa documentazione.


Spesometro: acquisti/operazioni rilevanti


IMMOBILI MEZZI DI TRASPORTO SPORT e TEMPO LIBERO
Rate del mutuo immobiliare Acquisto di auto di lusso Pagamento di quote di Iscrizione a circoli sportivi
Sostenimento di spese per la ristrutturazione degli immobili Acquisto di minicar Pagamento di rette consistenti per la frequentazione di scuole private particolarmente costose
Canoni di leasing immobiliari Canoni di leasing per l’acquisto di autovetture Assidua frequentazione di case da gioco 

Partecipazione ad aste

viaggi e crociere

 

 

 

Sostenimento di spese per arredi di lusso di abitazioni
Consumi di energia e gas
Pagamento per le prestazioni di collaboratori domestici Canoni per l’affitto di posti barca Acquisto di gioielli ed opere d’arte 

Esecuzione di hobby particolarmente costosi quali ad esempio partecipazione a gare automobilistiche, rally, gare di motonautica ecc.

 

 

 

 

 



CONDIVIDI
Articolo precedenteRiduzione degli stipendi ai magistrati, il Tar Salerno manda gli atti alla Corte Costituzionale
Articolo successivoNon è possibile avere un secondo padre

3 COMMENTI

  1. Faccio il professionista. Nell’anno 2008 ho acquistato un’opera d’arte del valore di € 20.000,00 e li ho spesati tutti come reddito di lavoro autuonomo. In fase di controllo degli Studi di Settore l’Ufficio mi contesta l’acquisto in quanto dovevo rispettare giustamente il costo del 1% del fatturato.
    Come posso spudoratamente difendermi?
    Grazie

  2. L’acquisto di quei beni indicati (barche, auto di lusso, gioielli, ecc.), quando vengono fatti dai “soliti noti”… come vengono accertati ? E in capo a chi vieni effettuata l’indagine fiscale?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here