Speciale riforma PA

Flash 16 ottobre 2013, 12:31

Papa Francesco, testo e video del discorso all’udienza del 16 ottobre

Testo e video completo della catechesi di papa Francesco all’udienza in piazza San Pietro di mercoledì 16 ottobre 2013: la Chiesa e gli apostoli


In oltre 70mila si sono radunati, questa mattina, in piazza San Pietro per assistere all’udienza generale di papa Francesco, che ha tenutola sua catechesi sul sagrato della basilica vaticana. Il pontefice si è soffermato sul significato dell’aggettivo “apostolica” riferito alal Chiesa nella professione di fede, dopo aver spiegato, le scorse settimane, le implicazioni nel suo essere “Una, Santa e cattolica”.

Ecco il testo del discorso pronunciato da papa Francesco il 16 ottobre 2013

Quando noi recitiamo il “Credo”, diciamo: «Credo la Chiesa una, santa, cattolica e apostolica». Non so se avete mai riflettuto sul significato che ha l’espressione «la Chiesa è apostolica». Forse, qualche volta, venendo a Roma, avete pensato all’importanza degli Apostoli Pietro e Paolo che qui hanno donato la loro vita per portare e testimoniare il Vangelo. Ma è di più.
Professare che la Chiesa è apostolica significa sottolineare il legame costitutivo che essa ha con gli Apostoli, con quel piccolo gruppo di dodici uomini che Gesù un giorno chiamò a sé, li chiamò per nome, perché rimanessero con Lui e per mandarli a predicare (cfr Mc 3,13-19). “Apostolo”, infatti, è una parola greca che vuol dire “mandato”, “inviato”. Un apostolo è una persona che è mandata, è inviata a fare qualcosa. E’ una parola forte e gli Apostoli sono stati scelti, chiamati e inviati da Gesù, per continuare la sua opera, cioè: pregare, è il primo lavoro di un apostolo. Pregare, il primo lavoro di un apostolo. E, secondo: annunciare il Vangelo. Questo è importante perché quando pensiamo a loro, pensiamo che loro hanno annunciato il Vangelo e fatto tante opere, ma nei primi tempi della Chiesa c’è stato un problema: tante cose non potevano”.
“Loro hanno fatto i diaconi perché per loro ci fosse tempo per pregare e annunciare la Parola di Dio. E quando pensiamo ai successori degli apostoli – i vescovi: tutti i vescovi, anche il Papa è vescovo – dobbiamo chiederci se questo successore dell’apostolo prega – primo – e annuncia il Vangelo. E’ questo, essere apostolo, e per questo la Chiesa è apostolica. E tutti noi, se vogliamo essere apostoli – come spiegherò adesso – dobbiamo chiederci: “Io prego per la salvezza del mondo, e annuncio il Vangelo?”. Questa è la Chiesa apostolica. E’ un legame costitutivo che abbiamo con gli apostoli.Partendo proprio da questo vorrei sottolineare brevemente tre significati dell’aggettivo “apostolica” applicato alla Chiesa.
Primo: La Chiesa è apostolica perché è fondata sulla predicazione e la preghiera degli Apostoli, sull’autorità che è stata data loro da Cristo stesso. San Paolo scrive ai cristiani di Efeso: «Voi siete concittadini dei santi e familiari di Dio, edificati sopra il fondamento degli apostoli e dei profeti, e avendo come pietra d’angolo lo stesso Cristo Gesù» (2, 19-20); paragona, cioè, i cristiani a pietre vive che formano un edificio che è la Chiesa, e questo edificio è fondato sugli Apostoli – come colonne – e la pietra che sorregge tutto è Gesù stesso. Senza Gesù non può esistere la Chiesa: senza Gesù non c’è la Chiesa. Capito, questo? Gesù è proprio la base della Chiesa, il fondamento! Gli Apostoli hanno vissuto con Gesù, hanno ascoltato le sue parole, hanno condiviso la sua vita, soprattutto sono stati testimoni della sua Morte e Risurrezione. La nostra fede, la Chiesa che Cristo ha voluto, non si fonda su un’idea, non si fonda su una filosofia: si fonda su Cristo stesso. E la Chiesa anche è come una pianta che lungo i secoli è cresciuta, si è sviluppata, ha portato frutti, ma le sue radici sono ben piantate in Lui e l’esperienza fondamentale di Cristo che hanno avuto gli Apostoli, scelti e inviati da Gesù, giunge fino a noi: da quella pianta piccolina a questi giorni. E’ così, la Chiesa, per tutto il mondo.
Ma chiediamoci: come è possibile per noi collegarci con quella testimonianza, come può giungere fino a noi quello che hanno vissuto gli Apostoli con Gesù, quello che hanno ascoltato da Lui? Ecco il secondo significato del termine “apostolicità”. Il Catechismo della Chiesa Cattolica afferma che la Chiesa è apostolica perché «custodisce e trasmette, con l’aiuto dello Spirito Santo che abita in essa, l’insegnamento, il buon deposito, le sane parole udite dagli Apostoli» (n. 857). La Chiesa conserva lungo i secoli questo prezioso tesoro, che è la Sacra Scrittura, la dottrina, i Sacramenti, il ministero dei Pastori, così che possiamo essere fedeli a Cristo e partecipare alla sua stessa vita. E’ come un fiume che scorre nella storia, si sviluppa, irriga, ma l’acqua che scorre è sempre quella che parte dalla sorgente, e la sorgente è Cristo stesso: Lui è il Risorto, Lui è il Vivente, e le sue parole non passano. Perché Lui non passa, Lui è vivo, Lui oggi è fra noi, qui. Lui ci sente quando noi parliamo con Lui, ci ascolta, Lui è nel nostro cuore: Gesù è con noi, oggi! E questa è la bellezza della Chiesa: la presenza di Gesù Cristo tra noi, che Gesù Cristo è vivo perché è risorto. Pensiamo mai a quanto è importante questo dono che Cristo ci ha fatto, il dono della Chiesa? Pensiamo mai a come è proprio la Chiesa nel suo cammino lungo questi secoli – nonostante difficoltà, problemi, le debolezze, i nostri peccati – che ci trasmette l’autentico messaggio di Cristo? Ci dona la sicurezza che ciò in cui crediamo è realmente ciò che Cristo ci ha comunicato?
L’ultimo pensiero: la Chiesa è apostolica perché è inviata a portare il Vangelo a tutto il mondo. Continua nel cammino della storia la missione stessa che Gesù ha affidato agli Apostoli. Cosa ha detto Gesù? «Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo» (Mt 28,19-20). Ma, questo è quello che Gesù ci ha detto di fare. Insisto su questo aspetto della missionarietà, perché Cristo invita tutti ad “andare” incontro agli altri, ci invia, ci chiede di muoverci per portare la gioia del Vangelo! Ancora una volta chiediamoci: siamo missionari con la nostra parola, ma soprattutto con la nostra vita cristiana? Con la nostra testimonianza? O siamo cristiano chiusi nel nostro cuore e nelle nostre chiese? Cristiani di sagrestia? Cristiani solo di parole, ma che vivono come pagani? Ma, dobbiamo farci queste cose, eh? Questo non è un rimprovero. Anche io lo dico a me: come sono cristiano? Con la testimonianza, davvero?
La Chiesa ha le sue radici nell’insegnamento degli Apostoli, testimoni autentici di Cristo, ma guarda sempre al futuro, ha la ferma coscienza di essere inviata, inviata da Gesù, di essere missionaria, portando il nome di Gesù, con la preghiera, l’annuncio e la testimonianza. Una Chiesa che si chiude in se stessa e nel passato o una Chiesa che soltanto guarda le piccole regole di abitudine, di atteggiamenti è una Chiesa che tradisce la propria identità. Una Chiesa chiusa tradisce la propria identità. Allora, riscopriamo oggi tutta la bellezza e la responsabilità di essere Chiesa apostolica! E ricordatevi, eh?: apostolica perché preghiamo – primo compito – e perché annunciamo il Vangelo con la nostra vita e anche con le parole. Grazie.

Guarda il video del discorso di papa Francesco all’udienza generale a partire da 37:50

 


Pubblicato da il 16 ottobre 2013 alle 12:10 in Flash
Tags: , , ,


3 Commenti per Papa Francesco, testo e video del discorso all’udienza del 16 ottobre

  1. italia paiano

    GRAZIE PAPA FRANCESCO!!! MERCOLEDI 16 OTTOBRE ERAVAMO Lì, UN EMOZIONE INDESCRIVIBILE C’ERA TUTTO IL MONDO AD ATTENDERE IL NOSTRO AMATO PAPA FRANCESCO. NOI ERAVAMO Lì INSIEME AI VIGILI DEL FUOCO E QUANDO IL PAPA HA MESSO IL CASCO DEI POMPIERI è STATO MERAVIGLIOSO! GRAZIE ANCORA PAPA FRANCESCO PERCHè SEI RIUSCITO A RISVEGLIARE I CUORI ADDORMENTATI E LA FEDE DI MOLTE PERSONE! AIUTACI SANTO PADRE AD ESSERE SANTI! PREGA PER NOI.

  2. Antonio Aguzzi

    semplicemente meraviglioso un vero pastore della Chiesa di Cristo

  3. maria grazia magri

    Buongiorno
    Io ammiro Papa Francesco, però sono rimasta delusa mercoledì 09/10/2013 mi sono recata con un gruppo di 35 persone circa per L’udienza Papale, dopo aver fatto 5 ore di fila per ritirare i permessi non sono nemmeno riuscita ad entrare.

    Io capisco che tutti vorrebbero vederlo e toccarlo e non è possibile, ma nemmero dare permessi e non avere nemmeno ne un posto per sedersi ne la possibilità di vederlo.

    A mio parere sarebbe più giusto ritornare in sala Nervi meno persone è vero ma più raccoglimento.

    Mi scuso per questa critica, spero di poter un domani tornare e poterle fare una carezza.
    Cordiali saluti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Edilizia 19 dicembre 2014, 14:41

Green Economy 2.0: prospettive e traguardi dell’innovazione sostenibile

Dalla crisi del fotovoltaico all’Europa, le prospettive dopo la crisi

Lavoro 19 dicembre 2014, 13:37

Jobs Act, la vigilia di Natale cambiano licenziamenti e art.18

Uno stipendio e mezzo ogni anno lavorato. Il contratto a tutele crescenti

Economia 19 dicembre 2014, 11:53

Legge di stabilità 2015: la bozza del maxiemendamento

Saranno incluse le modifiche approvate in commissione. Ecco quali

Amministrativo 19 dicembre 2014, 10:17

Posta elettronica certificata, addio senza rimpianti alla CEC

Dismissione immediata del canale cittadini-PA: “Flop senza precedenti”

Welfare 19 dicembre 2014, 07:41

Riforma pensioni e Quota 96: in legge di stabilità tutto rinviato

Il governo presenta il maxiemendamento, ma salta il welfare


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su