Speciale riforma PA

Amministrativo 28 agosto 2013, 12:16

Decreto precari, contratti a termine solo in casi eccezionali. Il testo

Ecco come cambia il Testo unico del pubblico impiego: contratti precari solo in situazioni limite


Il decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri lunedì, che sancisce la fine del precariato nella pubblica amministrazione, almeno al suo ricorso selvaggio cal pari degli ultimi anni, consente, in realtà di ripetere in casi estremi le esperienze di contratto a termine.

Come detto, infatti, salvare in un colpo 150mila precari sarebbe stata impresa insostenibile per le tasche dello Stato e impossibile da gestire nel breve termine per la macchina burocratica.

Del resto, però, la nuova normativa, sebbene introduca come preponderante in senso assoluto il contratto a tempo indeterminato per infoltire gli organici della PA, consente alcune scappatoie per situazioni del tutto eccezionali.

E’ risaputo che già diversi interventi sono stati effettuati sul Testo unico del pubblico impiego al fine di disincentivare il ricorso ai contratti atipici, ma gli esiti, come ben sappiamo, sono stati insoddisfacenti, con la giungla di rapporti a termine che ha contraddistinto gli ultimi anni delle assunzioni pubbliche.

A fare fede, anche di fronte alla nuova normativa, è sempre l’articolo 36 del Testo unico, dove si indica come necessaria la permanenza di “esigenze temporanee ed eccezionali”. 

Oltre a questa previsione restrittiva, il nuovo testo interviene a ridurre ancora di più il campo da possibili abusi dei contratti precari, specificando come attivare questo genere di rapporti di lavoro nella pubblica amministrazione sia lecito “esclusivamente” a fronte di quelle condizioni eccezionali di cui si diceva, spazzando via, insomma, qualsiasi tentativo di interpretazione della legge precedente.

Questo, in linea generale. In senso più approfondito, il nuovo decreto apporta al Testo unico il comma 5-ter che determina i requisiti necessari per l’attivazione del contratto a termine, forse la categoria più ricorrente tra i rapporti atipici nella PA. Ora, vige l’obbligo di causalità: in sostanza, si proibisce di ricorrere a contratti in scadenza senza peraltro indicare la causale, secondo quanto, invece, stabiliva anche l’ultima legge Fornero sul lavoro. Lo stesso comma, in aggiunta, chiarisce l’impossibilità di tramutare in automatico un contratto da tempo determinato a indeterminato.

Passando ai contratti a termine stipulati a seguito di un concorso, va sottolineato che qualora i dipendenti pubblici siano risultati vincitori di una selezione e poi si siano trovati somministrati a un rapporto a tempo, potranno richiedere il risarcimento del danno, così come la sanzione per il dirigente che ha indebitamente applicato il contratto. Riguardo gli insegnanti delle scuole per l’infanzia, invece, il decreto appena approvato chiarisce che i limiti di durata massima a 36 mesi non vadano applicati.

Vai al testo del decreto precari PA

 


Pubblicato da il 28 agosto 2013 alle 12:08 in Amministrativo
Tags: , , , , , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Giustizia 31 ottobre 2014, 16:46

Trattativa Stato-mafia, il verbale dell’interrogatorio a Napolitano

Il testo completo della deposizione del presidente della Repubblica

Europa Flash 31 ottobre 2014, 15:53

The Russian deterrent gas trap

While Europeans’ perception is that Europe needs Russian gas, actually it is exactly the other way around.

Giustizia 31 ottobre 2014, 12:18

Ospedali psichiatrici giudiziari, chiusura rinviata a data da destinarsi

Il 31 marzo 2015 non chiuderanno gli OPG. Il testo della relazione governativa

Fisco 31 ottobre 2014, 09:33

Dichiarazione dei redditi: il 730 precompilato debutta nel 2015

Ok al decreto: ecco il 730 precompilato. Novità anche su bonus edilizia e Iva

Università 31 ottobre 2014, 07:52

Medicina, Tar e Consiglio di Stato annullano il test d’ammissione

Test di ingresso a Medicina cancellato dalle sentenze. Caos atenei


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su