Speciale riforma PA

Fisco 15 novembre 2012, 10:55

Legge di stabilità 2013: Approvata. Ecco le novità su Irpef Iva e Irap

Approvati anche due emendamenti su cui è stato battuto il Governo


Ieri notte, o meglio stamattina visto che la seduta è stata sciolta alle 5 e 15 del mattino, la Commissione di Bilancio alla Camera ha approvato la legge di stabilità, una maratona necessaria che ha visto il governo battuto su due emendamenti, i fondi da destinare ai comuni alluvionati e sul turnover nel comparto sicurezza. Dunque oggi, a partire dalle 15, approderanno alla Camera sia la legge di stabilità che la legge di Bilancio.

Le novità principali in materia fiscale riguardano le detrazioni per i figli a carico, è stato infatti approvato l’emendamento che aumenta le detrazioni per la prole sotto i 3 anni fino a 1.220 euro e prevede un incremento di ulteriori 400 euro per quelli disabili. Dunque rispettate le attese proposte dall’ emendamento e, anzi, si può parlare di miglioramento visto che si erano previsti aiuti più contenuti alle famiglie.

Sono state prorogate al 2013 le detrazioni Irpef per i carichi familiari ai cittadini che hanno una attività lavorativa all’ estero ma che nonostante questo contribuiscono al regime fiscale italiano. In materia di pensioni il premier, Mario Monti, ha chiesto alla Commissione di Bilancio di non esprimersi in merito alle pensioni di guerra, a tal proposito l’autore stesso dell’emendamento, Renato Brunetta (pdl), è intervenuto telefonicamente nell’ assemblea per chiedere il rinvio fino a quando la legge non passerà al vaglio del Senato.

Alla telefonata ha partecipato anche il ministro del Tesoro Vittorio Grilli che ha ribadito l’impegno preso da Brunetta a risolvere la questione inerente le pensioni di guerra. In questo clima di disponibilità molti parlamentari che avevano presentato degli emendamenti hanno propeso per il ritiro, accogliendo così l’invito che aveva fatto Monti, invito respinto dalla Lega che ha preteso la votazione del proprio emendamento che, per altro, è stato respinto.

Sono stati ridotti i fondi destinati al Mose, il sistema di dighe che dovrebbe preservare la laguna di Venezia dall’acqua alta; infatti sono stati erogati 100 milioni in meno di quelli attesi ai comuni di Venezia, Chioggia e Cavallino Treporti, complessivamente è un miliardo messo a disposizione della realizzazione dell’opera in 4 anni.

Per quanto concerne la scuola confermate le voci sullo stop dell’aumento dell’orario dei docenti che non salirà a 24 ore come previsto ma rimarrà a 18 e sono stati confermati anche i tagli necessari alla copertura, dunque la dismissione di una delle sedi del ministero dell’Istruzione,nella fattispecie quella di viale Kennedy a Roma. E’ stata contemplata anche una riduzione di distacchi e permessi sindacali per docenti e personale scolastico, dei fondi per il progetto “smart city” e dei fondi First e Trin. Tagli all’ offerta formativa che contribuisce con una perdita di 47,5 milioni di fondi che le sarebbero dovuti essere destinati.

Sono state inoltre approvate le misure riguardanti le imprese a cui sarà fatto credito di imposta se delegano all’ università o enti pubblici di ricerca attività di sviluppo e ricerca. Saranno erogati, nel 2013, 10 milioni di fondi in aiuto delle zone colpite dal terremoto del Belice, di oltre 40 anni fa, per definire le contenzioni in atto. Per motivi di sicurezza è stata stralciato il provvedimento anche noto come “cieli bui” ossia lo spegnimento delle luci pubbliche nei centri abitati per garantire una fonte di risparmio. Programmata la stretta sui falsi invalidi, infatti saranno almeno mezzo milioni i controlli nei prossimi tre anni per trovare chi truffa lo Stato. Infine è stato reso noto che dal 2013 gli enti di previdenza rendono disponibile il Cud in via telematica.

Quello che non cambia invece è che da luglio 2013 si innalzerà l’aliquota Iva dal 21 al 22%, mentre non cambierà quella del 10%. Dal 2014 ci sarà anche un taglio al cuneo fiscale per circa 1,4 miliardi di euro.


Pubblicato da il 15 novembre 2012 alle 10:11 in Fisco
Tags: , , , , , , , , , ,


4 Commenti per Legge di stabilità 2013: Approvata. Ecco le novità su Irpef Iva e Irap

  1. Pingback: Legge stabilità 2013, ecco quanto costerà l'aumento Iva. Bonus giovani

  2. Pingback: Legge di stabilità 2013, ecco sgravi e incentivi a imprese e famiglie

  3. anidan

    Si deve assistere ogni sacrosanto giorno alla disperazione degli italiani per il caro vita e la impossibilità a poter vivere con un minimo di agiatezza. Ma i nostri goveranti, senza escludere nessuno, se ne fregano delle lamentele e continuano a rimpizzarsi di soldi alla facciaccia di chi sta male. Si pensa solo a tartassare i contribuenti a reddito fisso e oltre alle azioni di recupero di forti evasori non si fa altro. Invese sarebbe opportuno prende in considerazione la possibilità di fare emergere il lavoro nero e quindi i relativi redditi imponendo il rilascio della fattura o scontrino o altro mezzo di cui si potrebbe detrarre o dedurre una certa percentuale nella denunzia dei redditi. In tal modo lo Stato farebbe subito cassa, la Guardia di Finanza potrebbe rivolgere le sue attenzioni sui forti capitali, gli italiani innanzitutto pretenderebbero gli attestati di spesa perché potrebbero recuperare un pò di soldi da spendere rimettendo in tal modo in moto la macchina dei consumi e non sarebbero ulteriormente tartassati gli anni avvenire per il debito pubblico, il PIL e gli accidenti vari che ci stanno costrigendo a vivere come pezzenti, Vergogna!

  4. BUON GIORNO DA DIABOLIK
    carissimi SIGNORI,ma invece di ritoccare (al rialzo) L’IVA al ribasso le PENSIONI O STIPENDI, e tante altre cose,che purtroppo danneggiano una buona parte di italiani,ma perchè non provvedete a RITOCCARE O MEGLIO ANCORA ELIMINARE,I costi e finanziamenti di voi politici,perchè senz’altro queste sono le spese che salverebbero l’ITALIA,e inoltre se mensilmente vi fareste caico di tassarvi la misera somma di EURO 50.oo per ogni POLITICO man mano che fareste queste cose la CRISI SI POPTREBBE RISOLVERE,ma purtroppo ve ne fregate degli italiani,che SIAMO UNA MASSA DI VIGLIACCHI,(PRECISO CHE ILPRIMO SONO IO) che chi per una ragione chi per un’altra ognuno se ne frega dell’altro e purtroppo in ITALIA NMON SUCCEDE MAI UNA GRECIA O UNA LIBIA,quella si che gente che tiene le palle.
    Non mi prolungo oltre altrimenti lo spazio disponibile non basterebbe a dirvi ciò che meritate.

    ITALIANI CONDIVIDETE E COMPLETATE QUANTO DA ME COMMENTATO.
    GRAZIE DIABOLIK.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Amministrativo 30 settembre 2014, 16:38

Province, risultati e sorprese delle “strane” elezioni 2014

Città metropolitane, primi consigli e i nuovi presidenti post Delrio

Giustizia 30 settembre 2014, 15:19

Giudici tributari, ecco il decreto che sblocca i premi ai più bravi

Il ministro Padoan ha sbloccato i 43 milioni di euro di bonus promessi

Giustizia 30 settembre 2014, 12:17

Bando 400 giudici ausiliari, istruzioni, date e requisiti per le domande

Date e termini per inviare le domande e partecipare alla selezione

Lavoro 30 settembre 2014, 10:10

Jobs Act, la posizione ufficiale del Pd dopo la direzione sull’art.18

Il documento approvato dal Pd: la posizione ufficiale su Jobs Act e contratti

Fisco 30 settembre 2014, 09:09

Tfr in busta paga, pro e contro dell’anticipo nello stipendio mensile

Metà Tfr in anticipo nelal busta? Ecco cosa comporterà per lavoratori e imprese.


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su