Speciale riforma PA

Appalti pubblici 13 agosto 2012, 08:30

Spending review e gli acquisti centralizzati

Obbligatorio il “sistema Consip”. I nuovi rapporti tra stazioni appaltanti, centrali di committenza regionali e Consip


Il decreto legge sulla spending review, approvato in via definitiva dal Parlamento nella seduta del 7 agosto, è legge.

Gli interventi che prevedono misure volte all’eliminazione degli sprechi e delle inefficienze sono diversi.

Il testo di legge punta molto sulle sinergie tra le centrali di committenza regionali e la Consip ciò ai fini di un’armonizzazione dei piani di razionalizzazione e contenimento della spesa.

Uno tra gli interventi più incisivi volto a contribuire alla riduzione della spesa pubblica è la centralizzazione degli acquisti di beni e servizi nelle pubbliche amministrazioni, contenuto nell’articolo 1 “riduzione della spesa di beni e servizi e trasparenza delle procedure”, laddove il ricorso al c.d. sistema Consip, così come disciplinato nella L. 23 dicembre 1999 n. 488 art. 26 comma 3 e ss.mm. diviene obbligatorio.

Più nel dettaglio, le nuove disposizioni prevedono che “…omississi contratti stipulati in violazione dell’art. 26 comma 3, sopra citato, e in violazione degli obblighi di approvvigionarsi attraverso gli strumenti di acquisto messi a disposizione da Consip sono nulli, costituiscono illecito disciplinare e sono causa di responsabilità amministrativa”.

Nei casi, quindi, di non adesione alla convenzione Consip o di non applicazione delle condizioni in essa previste si configura il danno erariale nella misura della differenza tra il prezzo indicato negli strumenti di acquisto Consip e quello maggiore indicato nel contratto stipulato.

Proprio al fine di rimarcare maggiormente gli obblighi di cui sopra, nella legge è previsto espressamente che l’unica ipotesi in cui le pubbliche amministrazioni possono procedere con procedure autonome di acquisto è il caso in cui non c’è la disponibilità delle convenzioni e l’acquisto sia motivato dall’urgenza. In tali casi, tuttavia, i contratti dovranno prevedere la clausola di risoluzione per sopravvenuta disponibilità della convenzione.

Diversa è invece la disciplina prevista per le convezioni/contratti quadro stipulati dalle centrali di acquisto regionali alle quali è solo  richiesto che i parametri di qualità e di prezzo delle convenzioni Consip facciano da benchmark di riferimento.

Nelle nuove disposizioni si è tenuto conto anche delle possibili incapienze delle convenzioni in corso Consip e delle centrali di acquisto regionali scaturenti dal conseguente obbligo al maggior ricorso tant’è che, al fine di garantire la usabilità delle stesse, è stata prevista la possibilità di incrementare le quantità ovvero gli importi massimi complessivi delle convenzioni …omississ…in misura pari alla quantità ovvero all’importo originario, a decorrere dalla data di esaurimento della convenzione stessa, ove questa intervenga prima del 31 dicembre 2012…omississ…  Al Fornitore è tuttavia concesso l’esercizio del diritto di recesso a fronte del quale le centrali di committenza, sopra menzionate, potranno stipulare una nuova convenzione con durata limitata al 30 giugno 2013, “interpellando progressivamente gli operatori economici” della graduatoria della procedura originaria fino al terzo miglior offerente …omississ… “a condizione che siano offerte condizioni economiche migliorative tali da determinare il raggiungimento del punteggio complessivo attribuito all’offerta presentata dall’aggiudicatario della relativa procedura”…

In ogni caso, per i contratti in corso, ove i fornitori non si adeguino alle migliori condizioni Consip le amministrazioni possono recedere previa formale comunicazione e previo pagamento delle prestazioni già eseguite.

Interessante anche il coordinamento tra le stazioni appaltanti e le centrali di committenza con la previsione di un elenco delle centrali di committenza e la pubblicazione da parte di Consip di tutti i dati relativi alle convenzioni/contratti quadro stipulati. Ma anche la possibilità di aggiudicare le convenzioni ad uno o più operatori economici nei casi di particolare interesse per la pubblica amministrazione (cfr. comma. 16 bis).

Con una disciplina più particolare sono state invece normate le categorie merceologiche: energia elettrica, gas, carburanti rete e carburanti extra-rete, combustibili per riscaldamento, telefonia fissa e telefonia mobile per le quali le amministrazioni pubbliche e le società inserite nel conto economico consolidato  della pubblica amministrazione, a totale partecipazione pubblica diretta o indiretta, hanno la possibilità di approvvigionarsi attraverso le convenzioni o gli accordi quadro Consip e dalle centrali di committenza regionali di riferimento. Per tali categorie si potranno esperire, anche, autonome procedure di gara a condizione che vengano utilizzati  sistemi telematici di negoziazione messi a disposizione da Consip e dalle centrali regionali oppure si potrà procedere con procedura autonoma di acquisto a condizione che l’affidamento sia più vantaggioso rispetto alle condizioni economiche indicate nelle convenzioni. I contratti così stipulati, tuttavia, dovranno riportare la clausola di risoluzione per il caso di sopravvenuta attivazione di una convenzione con condizioni di maggior vantaggio economico.

Da ultimo, e non per importanza, la modifica introdotta, a tutela delle piccole e medie imprese, all’art. 41 comma 2 nel quale è prevista la necessità di una congrua motivazione per la fissazione di limiti di accesso nelle procedure ad evidenza pubblica connessi al fatturato aziendale.

La previsione è chiaramente finalizzata a non  precludere la partecipazione degli operatori di piccole dimensioni. Non va dimenticato, infatti, che i sistemi centralizzati possono determinare fenomeni di distorsione del mercato, avvantaggiando gli operatori di notevoli dimensioni e introducendo forme di oligopolio.


Pubblicato da il 13 agosto 2012 alle 08:08 in Appalti pubblici
Tags: , , , ,


2 Commenti per Spending review e gli acquisti centralizzati

  1. 64fd

    il discorso è un altro chi controlla che gli enti locali rispettano le convenzioni o comunque ottengano dalle ditte prezzi inferiori alle convenzioni

    si fanno le leggi ma non si prevedono le procedure per la verifica della loro attuazione….

  2. Dario Carta

    Finalmente un uso esteso delle Convenzioni Consip, per ridurre la spesa di forniture affidate senza gara o a prezzi altissimi!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Giuseppina Squillace

Avvocato, responsabile area legale Lombardia Informatica spa

Rss Feed


Articoli dello stesso autore

Appalti pubblici Tecnologia 3 dicembre 2013, 18:33

L’E-Procurement Pubblico

In Lombardia, l’uso di SIntel per gli acquisti pubblici sta consentendo un definitivo abbandono delle tradizionali procedure ad evidenza pubblica cartacee

Appalti pubblici 13 agosto 2012, 08:30

Spending review e gli acquisti centralizzati

Obbligatorio il “sistema Consip”. I nuovi rapporti tra stazioni appaltanti, centrali di committenza regionali e Consip

Appalti pubblici 3 maggio 2012, 14:56

La riparametrazione nei contratti ad evidenza pubblica

L’esigenza di garantire un rapporto invariabile tra il fattore prezzo e il fattore qualità ed il criterio della c.d. riparametrazione

Appalti pubblici 27 settembre 2011, 07:30

Appalti: primi orientamenti sulla tassatività delle cause di esclusione dopo il decreto Sviluppo

Il nuovo art. 46 c.1 bis del Codice Contratti al vaglio della giurisprudenza

Appalti pubblici 4 aprile 2011, 09:03

Le Centrali di acquisto regionali dopo il regolamento appalti

Il DPR 207/2010, in vigore dall’8 giugno, definisce i compiti assegnati alle centrali di committenza


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su