Speciale riforma PA

Amministrativo 26 giugno 2012, 15:13

Certificazione crediti delle imprese da parte dello Stato, il decreto del MEF

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 143 del 21 giugno 2012


E’ stato pubblicato lo scorso 21 giugno 2012 sulla G.U. n. 143 il decreto 22 maggio 2012 del Ministero dell’economia e delle finanze, sulle modalità con cui le imprese potranno ottenere la certificazione dei crediti vantati nei confronti della Pubblica Amministrazione.

La certificazione in oggetto, riguardante somme dovute per somministrazioni, forniture e appalti da parte delle amministrazioni dello Stato e degli enti pubblici nazionali, una volta conseguita, potrà essere utilizzata per compensare debiti iscritti a ruolo alla data del 30 aprile 2012 per tributi erariali, regionali o locali, ma anche per quelli nei confronti di INPS o INAIL; per ottenere un’anticipazione bancaria; per cedere il proprio credito. La certificazione non pregiudica il diritto del creditore agli interessi relativi ai crediti.

Regolato l’invio delle domande: i titolari di crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili rientranti nell’ambito di applicazione del decreto, in attesa della predisposizione di una piattaforma elettronica, potranno presentare all’amministrazione o ente debitore l’istanza di certificazione del credito utilizzando il modello allegato al decreto.

L’amministrazione o ente debitore, nel termine di 60 giorni dalla ricezione dell’istanza, dovrà certificare che il credito è certo, liquido ed esigibile, oppure ne rileva l’insussistenza o l’inesigibilità, anche parziale del credito. Il riscontro effettuato dalle amministrazioni statali è verificato per quelle centrali dal coesistente Ufficio centrale di bilancio, per quelle periferiche dalla competente Ragioneria territoriale dello Stato. La certificazione non può essere rilasciata qualora risultino procedimenti giurisdizionali pendenti, per la medesima ragione di credito.

Per gli importi superiori a 10mila euro, è necessario però che l’amministrazione o ente debitore proceda, alla prescritta verifica, prima di rilasciare la certificazione.

La certificazione tiene altresì conto dei casi di accertata inadempienza all’obbligo di versamento derivante dalla notifica di una o più cartelle di pagamento, e viene in tal caso resa al lordo delle somme ancora dovute, il cui importo viene comunque indicato nella certificazione medesima.

Qualora ricorra il caso di esposizione debitoria del creditore nei confronti della stessa amministrazione, il credito potrà essere certificato, e pertanto ceduto o oggetto di anticipazione, al netto della compensazione tra debiti e crediti del creditore istante opponibile esclusivamente da parte dell’ amministrazione debitrice.

Decorso il termine di 60 giorni dalla presentazione dell’istanza senza che sia stata rilasciata certificazione, né sia stata rilevata l’insussistenza o l’inesigibilità del credito, anche parziale, il creditore può presentare istanza di nomina di un commissario ad acta alla competente Ragioneria Territoriale dello, evidenziando il numero identificativo dell’istanza di certificazione presentata all’amministrazione o ente debitore.

Qui il testo del decreto del MEF


Pubblicato da il 26 giugno 2012 alle 15:06 in Amministrativo
Tags: , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Welfare 27 novembre 2014, 13:48

Pensioni in anticipo: in legge di stabilità stop alle penalizzazioni

Emendamenti: arriva il tetto alle pensioni d’oro dei manager pubblici

Amministrativo 27 novembre 2014, 07:51

Legge di stabilità, Province: emendamento su esuberi e pensioni

Due strade per chi è in eccesso: pensione coi requisiti pre Fornero o trasferimento

Scuola 26 novembre 2014, 17:25

Scuola, Italia condannata per la mancata assunzione dei precari

Vanno assunti 250mila precari. Leggi il testo completo

Lavoro 26 novembre 2014, 09:17

Jobs Act, approvato il testo alla Camera: cambia l’articolo 18

Le novità su licenziamenti, contratto a tutele crescenti, mansioni

Economia 26 novembre 2014, 07:53

Legge di stabilità: canone Rai in bolletta della luce. Ma è giallo

Pronto l’emendamento: si parte a gennaio. Ma poi arriva la smentita


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su