Speciale riforma PA

Amministrativo 3 maggio 2012, 11:48

Quando le idee mancano, vincono gli slogan: si aboliscano le province, dunque

Parte il concorso a premi del Governo “fai la tua spending review”, e l’“ideona intelligente” non può che essere l’abolizione delle province. Tanto per cambiare.


Visto che il Governo ha indetto il concorso a premi “fai la tua spending review” con l’idea di chiedere ai cittadini dove loro taglierebbero gli sprechi, è giusto parteciparvi.

Inutile, probabilmente, aspettarsi troppo dai suggerimenti dei cittadini. E’ chiaro che l’iniziativa produrrà, per quei pochi che risponderanno, per la maggior parte contumelie dovute al fastidio che gli italiani provano per la pubblica amministrazione, la politica e i dipendenti pubblici. Facile immaginare le richieste di licenziare la metà dei dipendenti o di ridurre lo stipendio. Del resto, per anni il Ministro della Funzione Pubblica non ha fatto altro che tacciarli di “fannulloni” e “panzoni”, dunque perché non potrebbero anche i cittadini?

Vedremo quanto sarà produttivo il referendum on-line, ricordando che non sempre il volere del popolo risulta meditato, corretto e lungimirante: la storia accaduta oltre 2000 anni fa in Galilea ce lo dovrebbe ricordare.

Nel frattempo, più illuminati esperti, economisti, professori, imprenditori, hanno già individuato lo strumento che farà risparmiare all’Italia i costi necessari per riprendersi. Lo rivela su Il Sole 24Ore di oggi 3 maggio 2012 Franco Debenedetti, con l’articolo “Servono subito tagli intelligenti: iniziamo dalle province”.

Si era un po’ sopito il dibattito sulle province. Ma, da quando la Bce è tornata sull’argomento, consigliandone l’accorpamento, l’argomento è tornato di gran moda.

Dunque, l’“ideona intelligente” (un po’ come la famosa “canzone intelligente” di Cochi e Renato) per la spending review deve essere, non può che essere l’abolizione delle province.

E’ il mantra ormai ossessivo, dal quale non potrà che liberarci l’effettivo compimento del disegno. Dunque, preghiamo il Presidente Monti di farlo e di farlo in fretta, così che la questione si chiude, si compie il beau geste e si chiude l’argomento.

Ma, contestualmente si aprirebbe il tema che nessuno è in grado o vuole affrontare, ovvero scoprire quale sia il rapporto costi-benefici della soppressione delle province.

L’abolizione “intelligente” delle province, lo affermano sempre oggi 3 maggio nell’editoriale del Corriere della sera Alesina e il neo tecnico governativo Giavazzi, non produrrebbe effetti macroeconomici forti e significativi. Infatti, il decreto “salva Italia”, secondo gli studi della Camera, comporterebbe, se si attuasse il disegno previsto dal suo articolo 23 di espungere dalle province le loro funzioni e si modificasse il sistema elettorale, un risparmio di 65 milioni. Lo stesso Governo, nei documenti che hanno accompagnato la presentazione della spending review lo scorso 30 aprile ha rivisto al ribasso il risparmio: 34 milioni.

Ora, la spending review per il 2012 dovrebbe portare ad una riduzione della spesa pari a 4,2 miliardi. Il Taglio “intelligente” delle province, dunque, sarebbe lo 0,81%. Ma, poiché, come ha spiegato il Governo, vero obiettivo della spending review sarebbe un contenimento della spesa pari a 80 miliardi, la soppressione intelligentissima delle province sul totale del risparmio sarebbe pari allo 0,04% e, rispetto al Pil nazionale (circa 1.600 miliardi) una cifra che le normali calcolatrici non riescono a computare, sicchè occorre dotarsi di foglio elettronico: lo 0,002125%!

Non c’è che dire, uno straordinario risultato di risparmio. Da solo, uno dei caccia F35 costa di più.

La spesa delle province, pari a circa 12 miliardi l’anno, contrariamente a quanto le grida manzoniane diffuse hanno ormai radicato nei ragionamenti, non viene soppressa se si sopprimono gli enti. Per azzerare quella spesa occorre anche adottare una scelta radicale: eliminare tutte le funzioni e competenze che svolgono le province.

Il che, per analisti superficiali, che non conoscono a fondo quello che le province fanno, potrebbe essere un problema risolvibile con una semplice scrollata di spalle. Ma, in realtà, azzerare province e loro funzioni significa eliminare costruzione e manutenzione delle strade provinciali, delle scuole superiori, eliminare il sistema dei trasporti pubblici provinciali, azzerare le attività di controllo e pianificazione ambientale, sopprimere la regolazione della caccia e della pesca, distruggere il sistema dei servizi per l’impiego, divellere la formazione professionale, per rimanere solo alle funzioni principali.

Semplice, in effetti, risolvere la spending review in un taglio indiscriminato delle spese e degli enti, a condizione anche di eliminare i servizi che questi rendono (altro discorso è la qualità di come li rendono).

Poiché, tuttavia, le funzioni e competenze delle province non possono essere eliminate, se non a costo di incidere ancora più negativamente sulla condizione sociale delle persone, qualcun altro dovrebbe accollarsele e svolgere.

Dunque, i circa 12 milioni di spese non svanirebbero, ma semplicemente verrebbero spostate dal bilancio delle province a quello dell’eventuale ulteriore ente che dovesse subentrare. Il risparmio, pari a meno delle briciole visto prima, deriverebbe dallo smantellamento degli apparati di governo. Risultato perfettamente ottenibile anche imponendo la gratuità delle cariche politiche provinciali.

Per spostare il volume di spesa delle province (il Governo nella documentazione inerente la spending review immagina di traslare dalle province ad altri enti 4 miliardi di spesa, senza spiegare come) occorrerebbero, però, manovre normative e finanziarie immani.

Intanto, bisognerebbe essere drastici nella scelta dell’ente che subentrasse alle province. Se si immaginasse, come ancora oggi propone l’articolo 23 della legge 214/2011, di attribuirle ai comuni, sarebbe la debacle totale. Le funzioni svolte dalle province sono per loro natura di area territoriale sovra-comunale: impossibile immaginare comuni che si mettono d’accordo per la manutenzione di strade oltre i loro confini o per scuole che ospitano per lo più studenti non residenti.

Dunque, la scelta fondamentale dovrebbe ricadere sulle regioni. Si creerebbe, così, un mostro amministrativo. Quando nacquero le regioni, si disse che esse non avrebbero rappresentato doppioni dell’organizzazione amministrativa territoriale, in quanto avrebbero dovuto svolgere solo competenze legislative e di alta programmazione. Esattamente all’opposto, le regioni si sono trasformate in enti di minuta gestione, principali protagoniste della parcellizzazione dell’amministrazione in enti ed entucoli in quantità ignota e dai costi immensi. L’acquisizione delle funzioni provinciali finirebbe per completare l’opera della costruzione di un Leviatano amministrativo spaventoso, costituendo un centralismo regionale potentissimo, un contro-potere rispetto a quello dello Stato formidabile. Ma, poiché la gran parte delle funzioni provinciali sono riferiti ad ambiti territoriali provinciali, le regioni non potrebbero che organizzare le loro funzioni per circoscrizioni provinciali o, peggio, essere tentate di costituire agenzie, società, enti chiamati a svolgere, a costi maggiori e con superiore complicazione, le competenze un tempo provinciali.

Inoltre, per completare l’“ideona” della soppressione delle province, occorrerebbe stravolgere totalmente il sistema della finanza locale, rivedendo totalmente le entrate ed i trasferimenti delle province, assegnandole alle regioni (inimmaginabile compiere quest’opera per i comuni). E, contestualmente, occorrerebbe modificare radicalmente il patto di stabilità: le province vi concorrono per decine di miliardi: chi si accollerebbe il peso? Ancora, bisognerebbe modificare radicalmente anche i criteri del contenimento delle spese di personale, vista l’oceanica trasmigrazione di circa 56.000 dipendenti delle province verso altra destinazione.

Tutte queste argomentazioni consiglierebbero di considerare con maggiore attenzione il suggerimento della Bce. Sopprimere le province è un’“ideona” bellissima, come quella di scrivere nella costituzione che lo Stato deve assicurare la felicità dei propri cittadini. Ma, in assenza di una seria valutazione degli sforzi e dei costi, essendo chiaro che i vantaggi macroeconomici, per citare nuovamente Alesina e Giavazzi, sono poco rilevanti, sarebbe forse il caso di indirizzare la spending review verso altri obiettivi, molto più concreti e realizzabili: il primo, porre sotto estrema attenzione la scheggia impazzita della spesa sanitaria, oltre 30 volte superiore a quella delle province. Ma anche abolire totalmente consulenze e collaborazioni esterne (costate nel solo 2010 oltre 2,5 miliardi), sopprimere la dirigenza a contratto fiduciaria, imporre anche alle amministrazioni dello Stato il divieto di avviare appalti in assenza del preventivo impegno della spesa con la conseguenza, in caso di violazione, dell’accollo del debito in capo al politico o funzionario che vìoli tale divieto, impedire del tutto la spesa per convegni, manifestazioni, spese di rappresentanza, uffici stampa e immagine, con la sola eccezione di eventi di chiarissimo rilievo internazionale (Maggio fiorentino, Palio di Siena).

E’ vero che da qualche parte la spending review deve pur iniziare. Ma, di solito, quando si raccoglie acqua o si sgombera la cantina, si comincia dal grosso. Al microscopico si pensa dopo.


Pubblicato da il 3 maggio 2012 alle 11:05 in Amministrativo
Tags: , , ,


7 Commenti per Quando le idee mancano, vincono gli slogan: si aboliscano le province, dunque

  1. klement

    Se sono troppo costose le province, lo sono pure i comuni rispetto ai più economici podestà fascisti.
    Trasformiamo i consigli provinciali in assemblee permanenti di tutti i sindaci, che sono eletti dal popolo e già stipendiati, senza modificare né confini né funzioni

  2. Pingback: Consigli e slogan: al di là della frutta … l’amaro? « Le Amministrazioni provinciali della Repubblica Italiana: un pezzo di Patria da salvare.

  3. Domenico Corradini H. Broussard

    Illustre dott. Luigi Olivieri,

    non me ne voglia se parlo da profano: il diritto amministrativo me lo sono dimenticato, mi boccerebbero all’esame oggi se dovessi sostenerlo, e oggi sono troppo in là con gli anni e troppo afflitto da acciacchi per ricominciare a studiarlo, «iu aiu statu malatu».

    Solo qualche righino di carattere generale, spero non generico.

    In questi giorni e in queste ore in cui l’economia europea sta vacillando e quella italiana sta sbandando come un funambolo su una corda tesa che l’equilibrio rischia di perdere e non ha rete di protezione, a me sembra che la soppressione delle Province sia dovere prossimo della politica. Tanto della maggioranza che dell’opposizione.

    Si colpiscano senza pietà le Province. Sono enti inutili e costosi. Si raggiunga il pareggio di bilancio non con le tasse su tasse, Monti and Fornero fashion, ma risparmiando i costi che gi enti inutili esigono.

    Io sto dalla parte dell’art. 3 comma 2 della Costituzione: «È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese».

    La soppressione degli inutili è uno dei presupposti di questa «partecipazione», della «democrazia partecipativa» o della «democrazia che è partecipazione».

    Lo scorso anno, era l’11 agosto, su un altro blog invitai gli anti-Province a raccogliere le loro «opinioni» e a spedirle al presidente della Repubblica e al presidente del Consiglio e ai presidenti di Camera e Senato. O a fare una petizione popolare a norma dell’art. 50 della Costituzione.

    Nessuno mi dette ascolto, l’avevo messo in conto.

    Agli «inattuali» non si dà ascolto. Li si «fraintende».

    Ma meglio che io sia «frainteso» piuttosto che mi «prostituisca». Il mio è un modo per non rassegnarsi, e per indignarsi, secondo un verbo riflessivo che oggi va di moda e che io usai quando non era di moda, «vergin di servo encomio e di codardo oltraggio».

    Illustre dott. Olivieri, non le chiedo di ascoltarmi. Le chiedo di non fraintendermi.

    Distinti saluti.

    Postilla.

    Dalla bella città di Vittoria mi è giunto via email un interrogativo: «E le Prefetture?». L’ho interpretato come un interrogativo retorico. Sì, cara amica di Vittoria, pure le Prefetture sono enti inutili e costosi.

    Prof. Avv. Domenico Corradini H. Broussard.
    Dimora del Vento-Via Sant’Ilario 5, 56021 Càscina [Pisa].
    Tel. 050.744288.
    Indirizzo di posta elettronica dchb@libero.it

  4. Francesco Ulgiati

    Ho letto attentamente l’articolo e non posso che condividere quanto argomentato e precisato da Olivieri. Il contenuto è molto chiaro e comprensibile a tutti, finanche a chi ritiene che i servizi ai cittadini possano essere cancellati insieme agli enti che oggi li gestiscono e li erogano.

  5. Pingback: Tra slogan e finti risparmi: il dilemma dei costi delle Province – Comuni.it - Servizi al cittadino e alle pubbliche amministrazioni

  6. Di Lorenzo

    Ancora una volta non si comprende il senso di una difesa tanto strenua quanto inutile delle province.
    Fosse anche vero che da questa “ideona” non conseguirà un risparmio economico enorme, mi chiedo ancora quale sia il reale motivo per cui mantenere una sovrastruttura istituzionale di nessuna utilità.
    Tra gli altri enti inutili vada via anche la provincetta, con buona pace dei suoi sospetti estimatori.

  7. voyager6

    compliemnti per l’articolo… e aggiugerei che i tagli vanno fatti con le forbici e non con l’accetta.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Luigi Oliveri

dirigente pubblico, saggista, docente di diritto amministrativo

Rss Feed LinkedIn


Articoli dello stesso autore

Amministrativo 22 ottobre 2014, 15:05

Città metropolitane? Costeranno più delle province

Due miliardi sono due miliardi e non quattro o tre. Una buona riforma è buona se produce effetti veri e buoni, non se è un caos più costoso. Basterebbero queste banalissime asserzioni “alla Catalano”, per certificare che la riforma Delrio delle province è il fallimento totale che si è sempre pronosticato ed evidenziato.

Amministrativo 20 ottobre 2014, 11:23

Legge di stabilità: tagli mostruosi alle province che annunciano nuove tasse

Tagli forfettari e lineari alla Tremonti: il governo con la legge di stabilità 2015 colpisce le Province e le disposizioni della legge Delrio non servono a niente.

Amministrativo 1 ottobre 2014, 08:39

Province: il presidente assorbe le competenze della soppressa giunta

Mentre si tengono le elezioni, decadono i vecchi organi, presidente, giunta e consiglio, e subentrano i nuovi. Ma nessuno rimpiazza la giunta provinciale

Amministrativo 22 settembre 2014, 15:12

Il tabù degli slogan falsati sulla dirigenza, duri, durissimi a morire

Non è assolutamente vero che i dirigenti pubblici non possano essere licenziati: ecco le risposte ad alcuni dei più frequenti slogan sulla PA

Amministrativo 4 settembre 2014, 16:14

Province: la strada per i trasferimenti dei dipendenti è dura e lunga

Il 65% circa dei dipendenti provinciali non potrebbero materialmente muoversi dalle amministrazioni provinciali. E molti potrebbero chiedere la mobilità


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su