Speciale riforma PA

Penale 21 febbraio 2012, 13:47

Detenuto suicida, la guardia carceraria risponde di omicidio colposo

Lo afferma la Cassazione, confermando la condanna di un’agente di custodia per omissione di diligenza nella sorveglianza di una detenuta poi impiccatasi


Se un detenuto si suicida in cella, la guardia carceraria risponde di omicidio colposo.

Chiaro e forte il monito della Corte di cassazione che, con la sentenza n. 6744 del 20 febbraio 2012, ha respinto il ricorso di una guardia carceraria che, durante il suo turno di sorveglianza a vista nei confronti di una detenuta, non si era accorta del suicidio di questa.

L’agente di custodia veniva così tratta a giudizio davanti al Tribunale monocratico di Roma per rispondere dei reati di cui agli articoli 41 e 589 c.p. per la morte della detenuta, verificatasi nel carcere romano di Rebibbia, per impiccamento, contestandole l’omissione di diligenza nella sorveglianza della detenuta per non aver impedito alla stessa di impiccarsi alla sponda del letto e per non essere riuscita a giungere in tempo per evitare il tragico evento. Il giudice di primo grado condannava così la guardia per colposa omissione che aveva dato luogo alla responsabilità. La condanna veniva altresì confermata dalla Corte d’Appello di Roma.

Da qui, il ricorso per cassazione lamentando la mancanza di motivazione e l’inosservanza e l’erronea applicazione della legge penale.

La quarta sezione penale della Suprema Corte ha ravvisato nella condotta della guardia un’omissione di diligenza e pertanto ha ritenuto irrilevante la contestazione dell’imputata che si era appellata al principio di casualità del reato omissivo, facendo leva sulle modalità di esecuzione del suicidio, consumatosi su una sponda del letto non visibile dallo spioncino.

I Giudici Ermellini sottolineano come la disposizione della sorveglianza a vista era stata impartita proprio in previsione di iniziative estemporanee e pericolose della detenuta e per evitare comportamenti autolesionistici: pertanto è da escludersi il fattore dell’imprevedibilità del gesto.

Per Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico “Tutela del Consumatore” di IdV e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, la sentenza appare come un vero e proprio richiamo nei confronti dell’amministrazione carceraria, in quanto oltre a costituire un importante precedente, rappresenta un ulteriore invito al Ministero di Giustizia ad attivare tutte le misure possibili a tutela della dignità dei detenuti.

E’ una sentenza che suscita amarezza‘”, ha commentato invece il segretario del Sindacato autonomo di polizia penitenziaria, Donato Capece. “Si tratta della colpa in vigilando che viene attribuita all’agente – spiega Capece – ma è chiaro che in una situazione di sovraffollamento come quella attuale, quando ci sono casi di vigilanza a vista prevista dagli psichiatri, significa impegnare un agente 24 ore su 24 al controllo di un singolo detenuto, e questo crea situazioni spesso difficili da gestire”. ”Davanti a tragedie come la morte bisogna rinnovare l’impegno nell’azione di controllo, ma bisogna anche mettersi nei panni di chi deve garantire un servizio ma non ha uomini per farlo”, conclude il segretario del Sindacato.

Qui il testo integrale della sentenza n. 6744/2012 della Corte di Cassazione


Pubblicato da il 21 febbraio 2012 alle 13:02 in Penale
Tags: , , , , ,


3 Commenti per Detenuto suicida, la guardia carceraria risponde di omicidio colposo

  1. franco

    quello che accade nel nostro paese è una vergogna! un carabiniere, un poliziotto o altro appartenente alle forze dell’ordine ,oggi lavora in condizione pietose, abbandonato sulle strade o dove presta servizio e vi lavora in condizioni poco palesi. come si può incriminare un semplice operatore, come è successo alla guardia accusata di omicidio colposo? ma tutti quelli imprenditori morti suicidi chi li paga? a questo punto andrebbe inquisita l’italia intera , perchè sono tutti responsabbili. ora tornando al caso della guardia, non solo deve fare il proprio dovere in un momento delicato in cui versano tutte le forze dell’ordine , ma addirittura deve pagare per una persona che valeva poco più di mezzo centesimo, altrimenti non sarebbe finita nelle sbarre! sarebbe ora di finirla di chiamare in causa le persone che quotidianamente fanno il proprio dovere in mezzo a tante difficolta°. Nel nostro paese è vero che vanno riguardati i diritti, ma ci cono i doveri, che in questo caso mancano verso i dipendenti! Oggi il delinquente sta più che bene dietro le sbarre, altrimenti andrebbe a spaccarsi il culo a lavorare dalla mattina alla sera, cosa che molti non fanno.

  2. mj

    Da un punto di vista squisitamente teorico-giuridico la ratio della decisione è ineccepibile, ma nelle contingenze attuali, mi sembra una sentenza ingiustamente punitiva e noncurante delle limitate capacità “umane”. ad impossibilia nemo tenetur. condivido le osservazioni del SAP.

  3. non ho capito.a parte che si suicidano anche loro,ma che colpa ne hanno?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Welfare 21 agosto 2014, 16:43

Quota 96, il governo torna a promettere: presto in pensione

Il ministro Madia risponde a un Quota 96: la situazione “mi sta a cuore”

Giustizia 21 agosto 2014, 15:26

Riforma della giustizia 2014: pronto il testo in arrivo in Cdm

Il ministro Orlando su intercettazioni, civile e avvocati

Amministrativo 21 agosto 2014, 13:02

Stipendi statali, torna l’incubo: verso proroga del blocco al 2016

Si studia la possibilità di allungare il congelamento. Sindacati imbufaliti

Scuola 21 agosto 2014, 10:18

Tfa 2014: valanga di errori. Miur nega, ma il ricorso è vicino

Tutte le domande sbagliate al test preselettivo. Anief valuta il ricorso

Welfare 21 agosto 2014, 08:05

Riforma pensioni: perché il contributo sugli assegni sarà un flop

Il piano Poletti è destinato a fallire per la conformazione delle pensioni


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su