Speciale riforma PA

Europa 23 gennaio 2012, 16:44

Aviaria, per il Tribunale dell’UE l’Italia aveva ragione

Annullata la decisione con la quale la Commissione UE ha negato all’Italia le misure eccezionali di sostegno al mercato interno in seguito ai danni inferti dall’influenza aviaria.


La decisione della Commissione Ue che ha negato all’Italia l’adozione di misure eccezionali di sostegno al mercato della carne di pollame a seguito dell’epidemia di influenza aviaria è annullata.

Lo ha dichiarato il Tribunale dell’unione europea con sentenza pubblicata sulla Gazzetta ufficiale europea il 17 gennaio scorso.

Erano legittime pertanto le misure straordinarie di sostegno agli avicoltori poste in essere durante l’influenza aviaria che ha colpito il nostro Paese tra il 1999 e il 2003.

Per far fronte all’epidemia che ha colpito il Belpaese in quel periodo, il Ministero della Salute aveva istituito, attorno ad ogni azienda infetta, una sorta di rete di protezione: gli avicoltori erano infatti obbligati ad abbattere gli animali colpiti dalla malattia e a ridurre la densità dei loro allevamenti. Si introduceva inoltre il divieto generale di esportazione di pollame e di uova da cova dalle regioni interessate verso il resto del territorio nazionale, gli altri Stati membri e i paesi terzi.

L’Italia aveva in seguito chiesto alla Commissione UE di varare alcune misure eccezionali di sostegno al mercato interno della carne di pollame, al fine di attenuare i danni economici subiti. Bruxelles, dopo aver adottato analoghe misure per i Paesi Bassi e per il Belgio, aveva concesso invece per l’Italia un aiuto diretto solo per le perdite causate dall’utilizzo delle uova da cova per la trasformazione in ovoprodotti e dalla distruzione delle uova la cui incubazione non avrebbe più consentito una tale trasformazione. La Commissione aveva escluso dalle misure eccezionali i pulcini di un giorno, non ravvisando alcun pericolo nella loro libera circolazione e libero commercio in Italia o al di fuori dell’Italia. Inoltre, a parere della Commissione UE, la produzione dei pulcini di un giorno avrebbe potuto essere interrotta per evitare un aumento delle perdite economiche.

L’Italia si era rivolta pertanto al Tribunale dell’Ue, affinché annullasse la decisione della Commissione, lamentando la differenza di trattamento tra i produttori italiani di uova da cova e i produttori italiani di pulcini di un giorno.

E il Tribunale ha dato ragione all’Italia e annullato la decisione della Commissione, rilevando che in Italia sono state messe in atto misure di restrizione alla libera circolazione dei pulcini di un giorno e che la Commissione ha operato una distinzione fra le perdite economiche causate dalla soppressione dei pulcini di un giorno e quelle dovute alla distruzione delle uova da cova per le quali il processo di incubazione era iniziato ma non ancora terminato.

“La sentenza della Corte di Giustizia che dà ragione al nostro Paese e ai nostri allevatori è una buona notizia per l’agroalimentare italiano. Ritengo che si tratti di una decisione molto importante, soprattutto se si considerano gli ingenti danni subiti dal settore del pollame a causa delle stato di allarme provocato in quel periodo dall’influenza aviaria”. Così il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Mario Catania, commenta la sentenza. Viva soddisfazione per la sentenza e sincera gratitudine al Ministro Catania sono state espresse invece da Confagricoltura.

Qui il testo integrale della decisione del Tribunale dell’UE


Pubblicato da il 23 gennaio 2012 alle 16:01 in Europa
Tags: , ,


1 Commento per Aviaria, per il Tribunale dell’UE l’Italia aveva ragione

  1. ed ecco perchè mi chiedo: che siamo entrati a fare in europa se poi contiamo anche meno del belgio e dei paesi bassi?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Fisco 24 ottobre 2014, 16:11

Spesometro 2015, torna il volto feroce del fisco sui controlli Iva

In legge di stabilità 2015 la nuova strategia anti evasione delle Entrate

Economia 24 ottobre 2014, 11:33

Legge di stabilità 2015, ok di Napolitano: il testo alle Camere

Cambia il bonus bebè, chiarimenti Irpef sul Tfr in busta paga

Edilizia 24 ottobre 2014, 09:40

Riforma del catasto, cambiano le classificazioni. Decreto in arrivo

L’Agenzia delle Entrate cambia categoria a migliaia di abitazioni

Giustizia 24 ottobre 2014, 08:06

Riforma della giustizia, sì in Senato al maxiemendamento

OK alla fiducia. I punti principali: divorzio breve, negoziato, magistrati

Professioni 23 ottobre 2014, 16:21

Esame avvocato 2014: bando, requisiti, domande e date scritti

Tutto sull’esame di Stato per l’abilitazione alla professione


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su