Speciale Jobs Act

Lavoro Pubblico 6 dicembre 2011, 16:30

La manovra Monti sopprime la causa di servizio nel pubblico impiego

Tra i meandri del decreto, una piccola rivoluzione: l’abrogazione dell’accertamento della dipendenza da causa di servizio, dell’equo indennizzo e della pensione privilegiata.


Quasi nascosto tra le varie norme del decreto Monti, e non citato nel comunicato-stampa di accompagnamento, troviamo un art. 6, che compie una piccola rivoluzione: l’abrogazione degli istituti dell’accertamento della dipendenza da causa di servizio, dell’equo indennizzo e della pensione privilegiata.
Erano istituti di lunga tradizione, in particolare la pensione privilegiata; l’equo indennizzo risaliva al 1957.
Essi avevano prodotto una mole imponente di contenzioso, con correlata vastissima giurisprudenza, amministrativa e contabile.
Si comprende che lo scopo è di equiparare la tutela dei lavoratori pubblici a quelli privati, ritenendo evidentemente che i primi godevano di un trattamento più favorevole rispetto a quello dell’assicurazione contro gli infortuni e le malattie professionali.
Il legislatore di fine 2011 ha ritenuto che questo trattamento più favorevole fosse un privilegio da eliminare.
In effetti il trattamento assicurativo è più restrittivo rispetto a quello dell’equo indennizzo e della pensione privilegiata.
Il primo non spetta a tutti i lavoratori (come i secondi) ma solo a quelli che siano applicati a determinati macchinari oppure a determinate attività, ritenute in via generale pericolose dal legislatore (art. 1 dPR 1124/1965).
I lavoratori pubblici addetti a macchinari o ad attività pericolose erano già coperti dall’assicurazione obbligatoria (art. 9), quindi il senso dell’innovazione sta nella perdita radicale di copertura a favore degli altri lavoratori pubblici.
Inoltre l’equo indennizzo era cumulabile con il trattamento di pensione privilegiata (art. 50 dPR n. 686/1957), mentre la rendita infortunistica non è cumulabile con la pensione d’invalidità: infatti quest’ultima copre la perdita di capacità lavorativa non conseguente ai rischi professionali tipici e perciò assicurati (cfr. art. 6 l. n. 222/1984).
Infine, la copertura assicurativa esclude la responsabilità civile del datore di lavoro, tranne che questi abbia commesso un reato (art. 10), mentre l’equo indennizzo e la pensione privilegiata erano considerati dalla giurisprudenza compatibili con il risarcimento dei danni per responsabilità civile del datore di lavoro pubblico.
Che dire? L’impiego pubblico perde sempre di più il suo carattere di “sistemazione”: un mondo che va scomparendo.


Pubblicato da il 6 dicembre 2011 alle 16:12 in Lavoro Pubblico
Tags: , ,


10 Commenti per La manovra Monti sopprime la causa di servizio nel pubblico impiego

  1. Alessandro Gladio

    Salve a tutti, io sono un militare in servizio permanente; a novembre del 2010 ho avuto un infortunio sul lavoro e mi sono rotto un menisco. dopo circa 40 giorni ho avuto un embolia polmonare al polmone sinistro.uscito dall’ospedale il 31 dicembre 2010. il 6 gennaio 2011 ho avuto una seconda embolia polmonare al polmone destro. praticamente sono vivo per miracolo. Il tutto è documentato da cartelle cliniche. Ora vorrei sapere se l’ho preso in quel posto visto ke ancora non ho presentato la domanda di equo-indennizzo dato ke sono ancora in convalescenza. Ringrazio anticipatamente chiunque mi fornirà risposte e chiarimenti seri.

  2. Gladio

    Privilegiata?!? vi assicuro che non arriva a 600 euro…Mah! Per uno deceduto in servizio??

  3. sabrina

    che dire? che auguro a tutti i “privilegiati” di cadere dalle scale bagnate e di trovarsi nelle mie condizioni dopo 20 anni di intenso ( e bellissimo) lavoro con i diversamente abili: una schiena che ha il doppio dell’età anagrafica. tanto che volente? tra un pò saremo tutti col piattino a chidere l’elemosina ai bordi delle stade. del resto finire così perchè non si è mai lavorato o perchè ci si è spesi per farlo al meglio non fa differenza in un mondo dove l’uomo non ha alcun valore!
    p.s. la solita fortuna: ho scoperto proprio in questi giorni i danni che si sono prodotti! quando si dice TEMPISTICA!
    GRAZIE A TUTTI I LADRI!
    piccola consolazione: prima o poi tutti ricorrono alle cure della mia professione!

  4. serena

    nel 2001 ebbi un infortunio sul lavoro, qualcuno aveva pensato bene di mettere un bel tappeto scivoloso vicinoad una rampa di scale, inciampai e lìmi feci la rampa a testa in giu. fratture multiple alla mano, polso, gomito e spalla e ginocchio, morale rimasi ingessata e steccata per 6 mesi, non mi è stato riconosciuto nessun indennizzo e una percentuale di invalidità del 4%,potevo denunciare l’amministrazione per quel tappeto che era al posto sbagliato e che il giorno dopo mi dissero che era sparito, ma non lo feci anzi ringraziavo il cielo che mi dessero anche lo stipendio (lo so di cretini come me ce ne sono pochi).l’unica cosa che mi è stata riconociuta è la causa di servizo che mi permette un paio di volte all’anno di fare delle terapie, pagandomi i giorni di lavoro..domanda vi sembra giusto che mi venga tolto ciò. io dal 2001 ho doloti lancinanti sia a tutto il braccio, spalla e ginocchio e la mano non sono mai più riuscita a chiuderla perfettamente, non riesco ad aprire una bottiglietta d’acqua o un barattolo di marmellata, e quiesta è giustizia???

  5. Niobe

    Era ora che venisse abolito il famigerato equo indenizzo e la causa di servizio. Forse pochi sanno che il 99% dei militari va in pensione con un’invalidità per cause di servizio fra le piu’ disparate. Per decenza non ne indico alcune. Aggiungo che 3/4 di queste sono inesistenti.

  6. claudino

    volevo dirvi che molte pensioni minime non tutte sicuro ma molte sono frutto di cittadini che hanno evaso il fisco non pagando le tasse e oggi piangono vi posso assicurare molte professioni per esempio muratori e cosi via dovevano pensarci prima io governo prima di dare le pensioni farei una bella verifica fiscale perchè molti non meritano la pensione perchè non hanno mai pagato i contributi

  7. Nuccio

    Se c’è una cosa che non capirò mai è per quale oscuro motivo, quando si parla di “differenze” in generale, si va a cercare l’equità (termine molto in voga, di questi tempi, ma pare dal significato sconosciuto da chi lo proclama a gran voce!) …ma al ribasso! Voglio dire che a prendere il caso in questione non si pensa mica di livellare e portare tutti ad avere le stesse garanzie, no! Si livella, certo, ma alle condizioni peggiori. Ed è lo stesso ragionamento che ci sentiamo fare da più parti ogni giorno. A partire, ad esempio, dall’età pensionabile: quante volte ci è stato detto, infatti, che “in Europa” si va in pensione più tardi? E sempre “in Europa” non si va certo in pensione con SOLO 40 anni di contributi! Poi, ancora “in Europa”, tutti pagano la tassa sulla casa anche se unica…insomma, si riempiono la bocca sempre con questa “Europa” che paga, lavora sodo e quant’altro e il tutto senza fiatare. E io mi chiedo: ma “in Europa” QUANTO guadagna un operaio? e un impiegato? e un musicista professionista? Perchè mai a nessuno viene in mente di equiparare oneri e onori? Per non parlare dei servizi…e per me, che sono siciliano, lo “spread” (altro termine abusato) tra tasse che pago e servizi che ricevo è uguale a quello che c’era 20 giorni fa tra i nostri titoli di stato e i Bund tedeschi, moltiplicato un coefficiente pari a quello che dovremo calcolare sulle rendite catastali! Ecco, togliamo i pochi “privilegi” degli italiani rispetto all’Europa ma non concediamo i tantissimi privilegi degli europei agli italiani…così come, per rimanere nel nostro orticello, togliamo i “privilegi” a quegli italiani che hanno avuto la fortuna di cominciare a lavorare a 16, 17 o 18 anni, ma stiamo molto attenti a negare non questi stessi privilegi – sarebbe utopico pensarlo – all’altra parte d’Italia, ma addirittura a negare un “privilegio” che – udite, udite – qualcuno sostiene (sarà satira?) sia COSTITUZIONALE! Viva l’Italia … e chil’ha ridotta così!!!

  8. massimo

    Giusto che si tolga un privilegio, ma leggendo l’articolo si capisce bene che per qualcuno continua ad essere valido.

  9. Pingback: roma capoccia: ovvero, piove governo ladro! - Pagina 1651 - BaroneRosso.it - Forum Modellismo

  10. PADD

    E’ SCANDALOSO!!!
    SAREBBE A DIRE CHE IL PUBBLICO IMPIEGO NON E’ PIU’ UNA SICUREZZA CONTRO I SOPRUSI ED IL RISPETTO DEL DIRITTO SUL LAVORO MA DIVENTERA’ ANCH’ESSO SCHIAVISMO COME QUELLO PRIVATO!!!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Dario Sammartino

avvocato amministrativista, esperto in pubblico impiego

Rss Feed


Articoli dello stesso autore

Religione 10 luglio 2013, 08:00

Pluralismo religioso, Sezioni unite: uguale libertà a tutte le confessioni

Il «pluralismo confessionale e culturale» e l’«eguale libertà delle confessioni religiose» sono valori costituzionali che devono essere assicurati e garantiti. E tale compito non può che spettare al giudice amministrativo

Amministrativo 15 maggio 2013, 16:06

Il diritto d’accesso diventa un po’ più democratico, ecco l’accesso civico

Il decreto legislativo n. 33/2013 ha riconosciuto un diritto di accesso più ampio sull’attività amministrativa

Lavoro 10 aprile 2013, 08:00

Demansionamento: scatta il risarcimento danni pari al 20% della retribuzione

Il TAR Liguria ha condannato il Ministero dell’Interno a risarcire il danno arrecato a un vigile del fuoco a causa dell’assegnazione a mansioni inferiori

Amministrativo 21 marzo 2013, 14:00

Il Consiglio di Stato allarga l’accesso ai documenti

Accesso ai documenti. Il Consiglio di stato tutela i cittadini

Lavoro Pubblico 4 marzo 2013, 08:31

Precari della scuola: c’è una speranza?

Clamorosa sentenza del Tribunale di Trapani: riconosciuto ad un docente precario un risarcimento di 150 mila euro, a compenso delle ferie non retribuite. Applicate le norme dell’UE sulla tutela dei lavoratori a termine


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su