Mentre in tutta Europa – Italia inclusa – continua a discutersi della legittimità della disciplina sull’equo compenso per copia privata ed i Giudici della Corte di Giustizia e del Consiglio di Stato francese iniziano a fissare in modo inequivocabile il principio secondo il quale nessun compenso – equo o meno equo che sia – è dovuto per supporti e dispositivi venduti ed acquistati in ambito professionale, la SIAE, concede – quasi si trattasse di una “grazia” del Sovrano ai suoi sudditi – una nuova esenzione.

In attesa che il TAR Lazio, nelle prossime settimane, dichiari, come ci si augura, l’illegittimità dell’intera disciplina italiana voluta dalla SIAE e concessale, come regalo di Natale, dall’allora Ministro Bondi, conviene, quindi, dar conto di questa novità annunciata – come sempre in sordina – dalla nostrana Società Italiana autori ed editori attraverso un aggiornamento, non segnalato neppure in home page, sul proprio sito internet.

La nuova “graziosa” esenzione, concerne, a ben vedere, meno dell’ovvio, ovvero il diritto di non versare alcun equo compenso in relazione alla compravendita di supporti – peraltro solo se CD-r e/ DVD-r – “esclusivamente utilizzati per l’attività di diagnostica medica strumentale”.

Per accedere all’esenzione – che, giova ribadirlo, non fa che recepire un principio di ben più ampia portata già sancito dalla legge – peraltro, le imprese interessate dovranno sottoscrivere un apposito protocollo con la SIAE, impegnandosi, nei confronti di quest’ultima, a porre in essere una lunga sequenza di adempimenti burocratici amministrativi ed a riconoscerle il diritto di accesso, per finalità di ispezione, presso tutti i propri stabilimenti, depositi e magazzini.

Fa sorridere il “wording” scelto dagli estensori del protocollo per definirne l’oggetto: “Le parti convengono di esentare dal pagamento del compenso di copia privata i supporti vergini (cd-r e dvd-r), di cui al punto 2.1, che l’impresa acquisterà e cederà a soggetti pubblici o privati che utilizzano tali supporti per l’attività di diagnostica medica strumentale o a distributori in possesso del certificato rilasciato dalla SIAE di cui al successivo punto 4 del presente protocollo”.

A ben vedere, infatti, le parti non convengono proprio nulla.

E’ la legge – e prima ancora la disciplina europea – a stabilire che nessun compenso può essere preteso per la compravendita di supporti destinati ad un uso professionale ed è SIAE che, arrogandosi un potere attribuitole da un atto amministrativo illegittimo ovvero dal famigerato Decreto Bondi, finge di riconoscere la “grazia” agli operatori del settore e, ipocritamente maschera un “edictum principis” sotto le mentite spoglie del “protocollo d’intesa” e, dunque, dell’accordo negoziale.

E’ un ennesimo abuso al quale, tuttavia, chi volesse piegarsi facendo di necessità virtù ed in attesa che giustizia sia resa, dovrà seguire le istruzioni disponibili sul sito della SIAE e richiedere un inutile certificazione a quest’ultima.

Ancora una soluzione all’italiana: si impone ad un imprenditore di farsi certificare da un ente pubblico economico portatore di un interesse configgente per poter accordargli niente di più che l’esercizio di un proprio diritto.

Vale, peraltro, la pena di sottolineare come la circostanza che l’esenzione sia limitata ai soli CD-r e DVD-r rischia di creare pericolose e preoccupanti distorsioni nel mercato di riferimento, promuovendo indebitamente l’uso di tali tipologie di supporto in danno di altre.

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’acquisto on line dei farmaci da banco
Articolo successivoIl danno alla vita sessuale del coniuge e il diritto al risarcimento dell’altro
Guido Scorza
Un avvocato civilista che ama in pari misura il confronto in Tribunale e la negoziazione, in punta di penna, tra le pieghe di un contratto. Un blogger e giornalista, a detta di molti, polemico animatore del dibattito sulla politica dell’innovazione nel nostro Paese. Un docente universitario di diritto delle nuove tecnologie, perdutamente innamorato della ricerca e della didattica. Un appassionato difensore dei diritti civili in Rete per la ferma convinzione che Internet può e deve divenire la nuova agorà democratica del Paese che verrà e che, probabilmente, in molti sogniamo. Nel tempo libero, presiedo l’Istituto per le politiche dell’innovazione e giro il mondo a caccia di frammenti di storie, emozioni e colori da catturare attraverso la macchina fotografica. Per saperne di più potete visitare il mio blog [www.guidoscorza.it], il sito del mio Studio [SR&Partners, www.sr-partners.it] lanciare una googlata, cercarmi su 123 People o, piuttosto, mandarmi una mail ed invitarmi a prendere un caffè.

4 COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO