Speciale riforma PA

Processo Civile 24 giugno 2011, 17:25

Un pachiderma chiamato giustizia civile

La durata media di un processo di primo grado è di 533 giorni, ma spendiamo per la giustizia lo 0,20% del PIL, più di Francia e Regno Unito


Assai poco confortanti sono stati i dati diffusi dal Centro Studi di Confindustria durante la tavola rotonda tenutasi ieri sul rapporto tra il sistema giustizia e la crescita economica del Paese.

Un confronto tra i portavoce del mondo imprenditoriale, le istituzioni, la politica e la pubblica amministrazione che ha messo a nudo una realtà tristemente già nota a chi, come me, è solito frequentare quotidianamente le aule di giustizia.

Non si possono più ignorare i numerosi effetti negativi che le mancanze ed inefficienze della nostra giustizia civile determinano sul mercato italiano: l’irragionevole lunghezza del processo e gli elevati costi ad esso legati fan sì che le imprese italiane vadano a cercare altrove il terreno fertile per crescere e svilupparsi mentre quelle straniere stentino a voler puntare sul mercato italiano per condurre i propri affari.

Basti solo riflettere sulla circostanza che un imprenditore per poter ottenere un decreto ingiuntivo nei confronti di un fornitore insolvente deve attendere oltre 3 mesi in Italia, mentre in Francia potrà ottenerlo in soli 15 giorni!

D’altro canto, secondo i dati raccolti dal Centro Studi di Confindustria, negli ultimi anni l’Italia si è posizionata ai primissimi posti nella classifica del numero di condanne ricevute dalla Corte Europea di Giustizia per infrazione dell’art. 6 della Convenzione Europea dei diritti dell’uomo (ovvero per l’irragionevole durata del processo), preceduta solamente da Grecia, Romania, Slovacchia, Slovenia, Macedonia ed Ucraina.

Si è stimato che nel nostro Paese la durata media di un processo di primo grado è di circa 533 giorni (se si è molto fortunati!), mentre in Francia è di 286 giorni ed in Austria di appena 129 giorni.

A tale problema si aggiunge poi quello dei costi che un sistema giustizia lento ed inefficiente porta con sé: non è un caso, infatti, che un’impresa su tre preferisca tollerare un inadempimento contrattuale della controparte commerciale negoziando un accordo troppo spesso svantaggioso ed iniquo piuttosto che affidarsi alla lenta e costosa macchina della giustizia.

Per vedere tutelati i propri diritti dinanzi al Tribunale le imprese in Italia, sempre stando ai dati resi noti, sopportano un costo pari a circa il 30% del valore della controversia, contro il 14% della Germania e degli Stati Uniti ed il 17% della Francia e della Spagna.

Ma quali sono le motivazioni di tale non proprio edificante situazione in cui versa il nostro Paese e quali le risposte della politica sul punto?

Ebbene, le ragioni sono le più disparate ma essenzialmente sono da ricercarsi – come era ragionevole attendersi – nella cattiva organizzazione delle risorse umane e finanziarie a disposizione, rispetto a quanto fanno invece altri Paesi Europei.

Appare opportuno soffermarsi sul fatto che l’Italia spende circa lo 0,20% del suo PIL per il funzionamento del sistema giustizia, ovvero più della Francia e del Regno Unito (ma con risultati in termini di efficienza ben più scarsi, per quanto abbiamo sin qui visto).

La distribuzione geografica dei Tribunali, inoltre, rimasta ferma all’ultima revisione delle circoscrizioni degli anni ’90, non è più in grado di riflettere in maniera concreta ed attuale la distribuzione dei cittadini e lo sviluppo economico delle singole aree del territorio.

Oltre ad essere mal distribuiti, gli uffici giudiziari sono spesso troppo piccoli, non riuscendo così a garantire ai cittadini una elevata specializzazione interna dei magistrati, costretti ad occuparsi di cause aventi ad oggetto materie troppo disomogenee tra loro.

Secondo i ricercatori, inoltre, non ci si può esimere dal prendere in considerazione che siamo un popolo eccessivamente litigioso (per citare un dato concreto, a fronte di 4 procedimenti instaurati in Italia ogni 100 abitanti, in Francia ne vengono attivati 2, ovvero la metà) e che tale litigiosità sarebbe direttamente proporzionale, tra gli altri fattori, anche all’aumento del numero di avvocati nel nostro Paese (sic!).

Sarà interessante approfondire le ragioni che hanno portato a tale ultimo risultato…

Infine (ma in special modo), la tanto attesa e chiacchierata digitalizzazione del processo civile e l’introduzione delle nuove tecnologie della comunicazione e dell’informazione stentano a decollare, rimanendo appannaggio di pochissimi uffici giudiziari (ovvero soltanto il 18% dei tribunali ordinari).

Non è un mistero che gli interventi normativi pensati ed adottati sin qui dai nostri Governi, scontrandosi con una macchina complessa, lenta e di proporzioni ciclopiche, fanno fatica a trovare una risposta nella realtà quotidiana.

Come mai, infatti, nonostante il processo di digitalizzazione della giustizia civile sia in corso da quasi 10 anni, ad oggi non è ancora possibile (fatta eccezione per alcuni distretti particolarmente virtuosi) per gli avvocati effettuare per via telematica l’accesso alle informazioni riguardanti lo stato dei procedimenti, richiedere l’esecuzione di una notifica, effettuare un deposito, un’iscrizione a ruolo o richiedere ed ottenere copia di una sentenza comodamente dal PC di studio evitando così di dover sprecare tempo in inutili code agli sportelli del Tribunale?

Come mai, nonostante l’informatizzazione degli uffici giudiziari, ad oggi il personale dipendente non è stato adeguatamente formato ed istruito per poter svolgere in via elettronica anche i più elementari adempimenti?

E come mai, non si è ancora istituito il fascicolo elettronico degli atti di causa ed i verbali di udienza vengono ancora redatti con la penna stilografica?

Forse perché ancora si è fatto troppo poco e forse perché per attuare le riforme strutturali vere, concrete e che davvero interessano il Paese il passo è ancora molto lungo.


Pubblicato da il 24 giugno 2011 alle 17:06 in Processo Civile
Tags: , ,


5 Commenti per Un pachiderma chiamato giustizia civile

  1. BRUTI

    Mia moglie ha vinto una causa penale con sentenza definitiva della Cassazione arrivata dopo 11 anni (dalla citazione del 1996 alla sentenza del 2007). Dal 2008 è in causa civile per la quantizzazione del danno e dopo 12 rinvii, proprio in questi giorni il Tribunale di Firenze ha rinviato ancora la prima udienza a settembre 2014. Credo che con le nuove tecnologie le cause potrebbero essere chiuse ben prima, ma purtroppo abbiamo circa 250.000 avvocati (contro i 46.000 della Francia) che qualcuno deve pur sfamare.

  2. franzina bilardo

    Ritardi nelle cause civili? Ma fate come noi, nei processi penali: una revisionata alle prescrizioni e tutto è risolto!
    Dice che i “colletti bianchi” rischiano di essere assolti? Embè? Forse che abbiamo messo in piedi tutto questo ambaradan della “riforma giustizia” tanto per perdere tempo….?
    P.S. Un complimento particolare per la scelta dell’immagine

  3. Si parla tanto di riforma della giustizia.
    Ministri e chi è ai vertici delle istituzioni propongono riforme che sembrano ignorare totalmente i veri problemi e le reali esigenze della giustizia.
    Se solo le riforme potessero essere effettuate dalla base, da coloro che quotidianamente lavorano nei tribunali e dai giovani (gli unici che hanno un vero interesse a riformare a lungo termine la giustizia), sicuramente le cose andrebbero molto meglio.

    Largo ai giovani.

  4. Golem

    @Zaratustra, secondo me nemmeno nel 1800 un processo durava 533 … CINQUECENTOTRENTATRE … giorni !!!

  5. Zarathustra

    Un paese fermo al 1800!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Federica Busetto

avvocato

Rss Feed Facebook


Articoli dello stesso autore

Tecnologia 29 settembre 2011, 12:45

Licenze Creative Commons: cosa sono? A cosa servono?

Sei diverse tipologie di licenze Creative Commons per condividere direttamente con gli utenti la circolazione dei contenuti

Commerciale 11 luglio 2011, 09:14

Informazione sui prodotti alimentari: nuove regole dal Parlamento Europeo

“Regolamento in materia di etichettatura e di diritto all’informazione dei consumatori”, Strasburgo 6 luglio 2011

Processo Civile 24 giugno 2011, 17:25

Un pachiderma chiamato giustizia civile

La durata media di un processo di primo grado è di 533 giorni, ma spendiamo per la giustizia lo 0,20% del PIL, più di Francia e Regno Unito

Civile 13 giugno 2011, 16:53

Privacy e banche: che fine fanno i dati dei clienti?

Prescrizioni per banche e Poste Italiane sulla circolazione delle informazioni relative alla clientela (Garante Privacy 192 del 2011)

Tecnologia 25 maggio 2011, 19:10

Banda larga e accesso a Internet, ancora sui requisiti per installare router Wi-fi domestici

Il documento di sintesi della consultazione sulla bozza di D.M. prevista dal d.lgs. 198/2010


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su