Speciale riforma PA

Civile 10 marzo 2011, 09:50

Ancora guai per la RAI e per il TG1, “hanno violato i diritti dei minori”

Consiglio di Stato, sentenza 1276 del 2011


Il Consiglio di Stato, con sentenza della sua sezione terza, depositata il 2 marzo, ha respinto definitivamente il ricorso proposto da Rai – Radiotelevisione Italiana S.p.A. contro una sanzione amministrativa irrogata dall’Autorita’ per le Garanzie nelle Comunicazioni, per violazione dei diritti dei minori.

Questi i fatti.

Nel contesto della scoperta di una associazione criminosa nel settore della pedofilia e della pedonecrofilia, erano state trasmesse dal TG1 delle ore 20 immagini di contenuto pornografico di bambini tratte da siti internet, ritenute lesive e nocive dello sviluppo psichico o morale dei minori.

L’AGCom aveva ravvisato nel servizio gli estremi della violazione dell’articolo 15, comma 10, della legge 6 agosto 1990, n. 223, secondo cui: “è comunque vietata la trasmissione di programmi che possono nuocere allo sviluppo psichico o morale dei minori, che contengano scene di violenza gratuita o pornografiche”, e quindi aveva sanzionato la RAI, ritenendo prevalente, nella comparazione dei valori, dei diritti e degli interessi coinvolti nel caso di specie, la tutela della dignità della persona umana e quindi dei minori

Secondo la difesa dalla RAI, le immagini trasmesse “non potevano qualificarsi ‘pornografiche’ o di ‘violenza gratuita’, soddisfacendo invece, nel contesto del diritto all’informazione e quindi di specifica ‘funzione di interesse pubblico’, a un’esigenza di un’efficace opera di prevenzione nel sensibilizzare genitori e pubblica opinione sul tema e quindi a un dovere professionale. Per di più le immagini, fornite da uffici giudiziari e da organi di polizia postale, erano state opportunamente selezionate e sfocate”

La sentenza (ne riportiamo di seguito i passi salienti)

“L’edizione delle ore 20 del telegiornale di RAI 1, ha trasmesso un servizio di circa 5 minuti relativo alla scoperta di un’associazione criminale, operante all’estero e in Italia nel settore della pedofilia, corredato da immagini e fotografie, tratte anche da siti internet, raffiguranti minori adolescenti nudi o in pose e atteggiamenti, esplicitamente e implicitamente, ricollegabili alla consumazione di atti o a comportamenti di carattere sessuale ed anche con connotazioni di violenza. Il servizio era accompagnato altresì da informazioni e commenti invero espliciti.

In effetti non si pongono in dubbio il diritto alla cronaca e all’informazione, costituzionalmente garantito … bensì il carattere “pornografico” o “violento” delle scene trasmesse nei riflessi dello “sviluppo psichico o morale dei minori” ed è incontestabile che la “tutela dei minori” si erge a principio e valore assolutamente prevalente rispetto ad altri, altrettanto garantiti, ma nella fattispecie recessivi.

La tutela dei minori, come emerge con evidenza, ha assunto infatti nel tempo sempre maggiore rilievo e valenza, con una crescente attenzione e sensibilizzazione da parte e nei confronti della pubblica opinione in tutte le sedi, politiche, istituzionali, culturali, sociali ed anche da parte degli organi di informazione, specie con l’affermazione e la generale e crescente diffusione dei mezzi di comunicazione elettronica e digitale di massa e quindi della cd.”Rete”, fino a essere formalmente sancita e ribadita sul piano normativo.

La stessa Carta Costituzionale, all’articolo 31, comma 2, ha previsto che “ la Repubblica…protegge l’infanzia” riconoscendo a detta tutela il rango costituzionale, che ha poi registrato autorevoli conferme, come nella convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza approvata dall’Assemblea generali delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989, ratificata dall’Italia con legge 27 maggio 1991 n. 176, di poco successiva alla citata legge n. 223 del 1990.

L’Autorità richiama anche il Codice di autoregolamentazione relativo ai rapporti fra TV e minori, stipulato tra vari operatori del settore radiotelevisivo (fra i quali la RAI), nonché la Carta RAI dell’informazione e della programmazione a garanzia degli utenti e degli operatori del servizio pubblico del dicembre 1995, che impegnano appunto a non trasmettere, anche nei telegiornali o nei programmi di informazione della fascia oraria 7-22:30, immagini del tenore in discussione.

Pure il contratto di servizio tra il Ministero delle Comunicazioni e la RAI … volto a definire ruoli, contesti e missioni del servizio pubblico radiotelevisivo, contiene disposizioni a favore e a tutela dei bambini e dei giovani, e, in particolare si legge che “…la concessionaria dovrà dedicare particolare attenzione critica ai messaggi di violenza veicolati direttamente ed indirettamente dal mezzo radiotelevisivo ed alla loro influenza sulle fasce deboli e sui minori. La concessionaria si impegna, altresì, ad un controllo qualitativo e preventivo sul contenuto, i tempi e le modalità di trasmissione dei messaggi pubblicitari affinché questi rispondano a criteri di responsabilità e rispetto della dignità dei bambini e personalità”.

Dette notizie ed immagini, d’altronde, anche ad una visione diretta, risultano oggettivamente di carattere pornografico e violento, tale da turbare di certo, anche per l’orario di trasmissione e per l’assenza di specifici e mirati preavvisi del servizio nonché di particolari e dedicate cautele, la sensibilità e l’attenzione di minori, con pregiudizievoli riflessi sul loro sviluppo psichico e morale, e financo di adulti, soggetti a sentimenti anche di disgusto e di disapprovazione.

Il servizio è infatti caratterizzato da un linguaggio particolarmente realistico, crudo ed esplicito nonché da immagini e scene, sia pure per lo più sfocate ma altrettanto chiare e comprensibili per quanto riguarda atteggiamenti, orientamenti a comportamenti sessuali, anche diretti, sia di minori che di adulti, con forti messaggi oggettivamente recepibili pure a livello subliminale e tali da alimentare altresì curiosità, morbosità, emozioni e stimoli di vario genere anche contrastanti che richiedono una preventiva adeguata preparazione in relazione alle diverse fasi dell’evoluzione fisica, psichica e morale dei minori.

(…) La messa comunque in onda ha comportato la ‘gratuità’ del servizio e della connessa ‘violenza’, in quanto, come si è visto, non giustificata né giustificabile, ben potendo il diritto di cronaca essere soddisfatto all’occasione con modalità incisivamente e sostanzialmente differenti sul piano qualitativo e quantitativo…” (sentenza 1276/2011, presidente Pier Luigi Lodi, relatore Vittorio Stelo)

Qui il testo integrale della decisione del Consiglio di Stato.


Pubblicato da il 10 marzo 2011 alle 09:03 in Civile
Tags: , , ,


1 Commento per Ancora guai per la RAI e per il TG1, “hanno violato i diritti dei minori”

  1. Finalmente qualcosa si muove con questa sentenza! Ci sarebbe anche da vietare trasmissioni televisive specialmente domenicali nel primo pomeriggio che continuano a parlare sulla morte di ragazzine, questo per tutelare gli adolescenti, i bambini e le vittime.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Scuola 29 agosto 2014, 11:59

Riforma della scuola, abbiamo scherzato. Rinvio a data da destinarsi

Niente pacchetto scuola nel in Cdm: congelate le assunzioni dei precari

Welfare 29 agosto 2014, 10:09

Quota 96 in piazza per la pensione. Nessun contributo pro esodati

Oggi la manifestazione Quota 96. Poletti smentisce le voci sul prelievo

Amministrativo 29 agosto 2014, 07:49

Oggi il Consiglio dei ministri più atteso: testi e decreti in Odg

Riforma della scuola in forse. Quota 96 in piazza per la mancata pensione

Economia 28 agosto 2014, 15:08

Decreto sblocca-Italia 2014: la bozza del testo in arrivo in Cdm

Confermato il bonus Irpef per chi compra casa. Edilizia, nuovo regolamento

Scuola 28 agosto 2014, 12:41

Riforma scuola 2014: così avverranno le assunzioni dei precari

Si parte dai vincitori senza cattedra. Esami, cambiano maturità e terza media


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su