Speciale riforma PA

Urbanistica 14 febbraio 2011, 09:02

La riforma del regime dei suoli: una promessa tradita

Il problema della disciplina urbanistica delle aree, dopo la decadenza quinquennale del vincolo, non si risolve con l’imposizione di un’ulteriore destinazione vincolata


La pianificazione urbanistica, in particolare i vincoli espropriativi, ha un suo fascino se la si osserva attraverso il filtro della “funzione sociale della proprietà”. Si tratta di verificare la capacità di resistenza del diritto domenicale rispetto ad altri valori sui quali si fonda il nostro ordinamento.

La Costituzione, nel tentativo di far coesistere il pubblico e il privato, ha abbandonato l’idea di proprietà quale diritto assoluto e illimitato, garantendo la stessa in un’ottica sociale. Nel far questo, peraltro, si è ricordata di tutelare il principio di legalità dei pubblici poteri, vietando a detti poteri di violare le regole che essi stessi si sono dati. Tuttavia, è ancora forte la tensione tra pubblico e privato, che svela, in tutta la sua ampiezza, il problema cardine di come organizzare socialmente la vita.

Non è un caso, infatti, che l’espropriazione per pubblica utilità, per dirla come Nicolini, costituisca il punto di incontro più drammatico tra autorità dello Stato e autonomia privata. Le sorti della proprietà privata, e la necessità di conciliare gli interessi collettivi con i diritti dei singoli, ha sempre dato spazio ad un gioco sottile di costruzione, demolizione e ricostruzione di concetti, nel tentativo di precisare, sotto l’aspetto della garanzia, in che modo opera la funzione sociale.

Detta funzione, per l’art. 42, comma 2, Costituzione, si pone come presupposto per il riconoscimento della proprietà. Tuttavia, la funzione sociale non deve intendersi come intervento “in odio” alla proprietà privata, ma, seguendo gli insegnamenti di Perlingieri, quale “ragione stessa per la quale il diritto di proprietà è stato attribuito a un certo soggetto”. Detta visuale obbliga il legislatore e l’interprete a non leggere isolatamente e in senso letterale il comma 3 del citato articolo, che, a proposito di espropriazioni, detta disposizioni che ricordano lo Statuto Albertino.

Bisogna, quindi, spostare l’attenzione su quegli avvenimenti, di particolare valore significativo, che danno l’idea di un profondo cambiamento del clima politico e giuridico, nel quale l’articolo 42 è chiamato ad operare.

Per centrare i termini della questione, si deve cogliere il senso del testo nei suoi aspetti fondamentali: la legalità dei modi di acquisto, di godimento e dei limiti; la funzione sociale e i contenuti minimi della proprietà.

Spetta, infatti, alla legge determinare “i modi di acquisto, di godimento e i limiti”, tenendo presente che la proprietà privata non può essere svuotata del suo contenuto essenziale, ma, piuttosto, può essere sottoposta a programmazione, limiti e controlli. Nonostante gli sforzi, provenienti da più parti, tutto è ancora vulnerabile. Non è un caso – la normativa e la giurisprudenza ne sono testimoni – che la materia rispecchi fedelmente il travaglio economico, sociale e politico dell’Italia in un preciso momento storico.

È sufficiente leggere la recente sentenza del T.A.R. Campania, Salerno, n. 112 del 26 gennaio scorso, per rendersi conto che il complesso e cangiante contenuto della proprietà continua a confrontarsi con l’interesse pubblico, senza trovare sagge soluzioni.

Detta decisione, per quanto d’interesse, afferma che: “la intervenuta scadenza dei vincoli preordinati all’espropriazione, o comunque sostanzialmente ablativi, per effetto del decorso del termine di efficacia quinquennale comporta che l’area rimane priva di disciplina urbanistica ed è soggetta alle previsioni di cui all’art. 4 ultimo comma della legge n. 10/1977 (ora art. 9 del T.U. n. 380/2001), sino all’adozione, da parte del Comune, di nuove, specifiche prescrizioni”.

Il problema della disciplina urbanistica delle aree, dopo la decadenza quinquennale del vincolo, viene risolto con l’imposizione di un’ulteriore destinazione vincolata. Il vecchio espediente per protrarre i vincoli a piacimento dimostra di avere un lungo passato e una buona prospettiva di futuro.

Sarebbe più ragionevole ritenere che l’area, decorso il periodo di franchigia per colpa dell’inerzia dell’amministrazione, riacquisti le possibilità edificatorie che il vincolo le aveva tolto.

Se si volesse percorrere detta via, di certo, non mancherebbero argomenti convincenti. Non sembra, infatti, riguardosa delle garanzie costituzionali a tutela della proprietà aggiungere ai vincoli urbanistici, espropriativi o di inedificabilità, un ulteriore vincolo fortemente limitativo dello jus aedificandi.

Neanche convince il percorso argomentativo del giudice amministrativo il quale, con la solita musica, continua a ripetere che l’assenza di una destinazione urbanistica, nella zona incisa da vincolo decaduto, non pone problemi di legittimità.

I temi, come quello in oggetto, che vedono lo scontro tra interesse generale e libertà del singolo, si prestano a non essere mai conclusi. Ma è vero, altresì, che la questione relativa al rapporto tra procedimenti espropriativi e le procedure urbanistiche, è stata totalmente dimenticata. Come ricorda Ovidio: Nil adsuetudine maius.

Il legislatore, affaticato dalla difesa di ben altri interessi, non ha mantenuto la promessa di riformare il regime dei suoli. Ciò ha impedito la sistemazione unitaria della materia urbanistica e, conseguentemente, la soluzione del delicato rapporto degli interessi in conflitto, nel rispetto delle garanzie costituzionali.


Pubblicato da il 14 febbraio 2011 alle 09:02 in Urbanistica
Tags: , ,


1 Commento per La riforma del regime dei suoli: una promessa tradita

  1. Giulia

    Penso che il legislatore debba rispettare la promessa di riforma del regime dei suoli, piuttosto che trovare vie traverse attraverso la disciplina delle espropriazioni,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Angela Bruno

avvocato pubblico e scrittrice

Rss Feed Facebook


Articoli dello stesso autore

Giustizia Professioni 30 novembre 2014, 16:51

Diritto ingiusto e follia della ragione

Bando magistratura illegittimo? Dopo l’intervento dell’avvocato Giurdanella, ecco la voce di un avvocato pubblico

Informazione Politica 16 novembre 2012, 10:03

Sallusti e il quarto grado di giudizio

E il diritto diventa un patto tra persone di miserabile potere che edificano principi e princìpi al di fuori e al di sopra del popolo

Editoriale 14 novembre 2012, 07:00

Oggi non è un giorno qualunque, vero Domé?

Oggi è il compleanno del Professor Domenico Corradini

Informazione 6 ottobre 2012, 10:40

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria che manca l’aria

Nella vicenda Sallusti si è addirittura annunciata la morte della libertà di opinione: un bavaglio imposto dai giudici, e anche dal legislatore…

Giustizia 25 agosto 2012, 16:05

Delitto senza castigo

A settembre il parlamento dovrebbe discutere il progetto di riforma delle carceri. Vecchie storie e canti nuovi. Speriamo in canti intonati


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su