Sito internet Studio Legale: come ottenerlo e renderlo efficace?

Redazione 05/06/19
Scarica PDF Stampa
Il sito internet dello Studio Legale è indispensabile per aumentare la visibilità nel web e per trasmettere ai potenziali clienti la propria identità, professionalità e autorevolezza. Ma quali caratteristiche deve avere per essere davvero efficace? Qual è il prezzo giusto da pagare?

Nelle prossime righe parleremo anche di Avvocato360, una nuova realtà che permette di ottenere un sito web efficace e performante in tutti i dispositivi, quindi anche da mobile, per consentire allo Studio Legale di raggiungere i propri obiettivi in modo semplice e senza spendere una fortuna.

Il fatto che il web sia uno strumento molto importante per riuscire ad attirare nuovi clienti è ormai risaputo, non sempre però si hanno le idee chiare su come procedere e non si sa a chi affidarsi per iniziare a sfruttare le potenzialità della rete. Proprio per questo motivo cercheremo di fare un po’ più di chiarezza focalizzando l’attenzione sulle caratteristiche che deve avere un sito internet e su come sia possibile ottenerlo in modo semplice.

Perché lo Studio Legale deve avere un sito web?

Negli ultimi anni le nuove tecnologie si sono sviluppate velocemente e sono diventate sempre di più una parte integrante della vita delle persone. Secondo alcuni recenti statistiche è stato rilevato che in Italia accedono a internet circa 55 milioni di individui, ovvero quasi 9 italiani su 10.

A tal proposito è interessante evidenziare che:

  • il tempo trascorso online è in media di 6 ore al giorno
  • ⅔ degli utenti preferisce accedere da mobile, quindi utilizzando uno smartphone o un tablet
  • c’è un tasso di crescita del 35% per quanto riguarda la connessione da mobile

Volendo analizzare i dati che abbiamo riportato, possiamo dire che gli italiani si affidano sempre di più al web, sia per svago che per trovare delle informazioni utili. Le ricerche vengono effettuate in qualsiasi momento della giornata e in qualunque luogo, ad esempio mentre si viaggia in metropolitana o in treno, nelle sale d’attesa, durante la pausa pranzo al lavoro, ecc.

In ogni caso gli utenti cercano delle risposte immediate, quindi facili da trovare e semplici da comprendere. Se un risultato di ricerca risulta essere poco chiaro o di difficile consultazione non perdono tempo e vanno oltre, dando la priorità alle informazioni non solo più pertinenti ma più comprensibili.

Tutto ciò avviene anche in ambito forense. In particolare, al giorno d’oggi, il 50% delle persone con esigenze legali si affida alla rete per cercare il professionista più adatto a risolvere la questione.

Anche il passaparola, ovvero una modalità ancora oggi molto utilizzata per cercare un avvocato, si sposta online, cioè gli utenti dopo avere ricevuto dei nominativi, effettuano delle ricerche per verificare le competenze dei professionisti prima di contattarli.

Risulta ovvio che uno Studio Legale non visibile online o presente nel modo sbagliato rischia di perdere molte opportunità, di fatto lasciando la strada spianata ai competitors.

Come deve essere il sito internet di uno Studio Legale?

Dopo avere evidenziato l’importanza del web, anche in ambito forense, è opportuno chiedersi quali sono i primi passi da intraprendere per attuare una strategia vincente.

Innanzitutto, può sembrare banale dirlo, ma è necessario essere visibili, ovvero avere un sito web, per essere trovati dai potenziali clienti e per trasmettere loro la propria professionalità e autorevolezza.

Per fare ciò è necessario porre la massima attenzione sui seguenti aspetti:

  • la disponibilità su tutti i dispositivi: come abbiamo sottolineato nel paragrafo precedente le persone utilizzano per lo più lo smartphone per navigare online, perciò il sito deve essere visibile anche da mobile in modo corretto, ciò significa che deve adattarsi per essere visualizzato anche su display più piccoli, senza perdere di efficacia;
  • la velocità di caricamento: avere delle pagine web che si caricano lentamente è un grosso problema, si rischia di perdere il cliente, dato che necessita di avere informazioni in modo rapido, e di venire penalizzati da Google;
  • i contenuti: i testi devono essere pensati per dare delle risposte concrete ai potenziali clienti, ma devono anche essere ottimizzati per Google, per riuscire ad apparire tra le prime pagine di ricerca;
  • la struttura: le informazioni presenti non devono essere inserite “a caso” senza avere prima studiato in modo strategico le varie aree tematiche del sito. L’obiettivo è quello di permettere all’utente di navigare facilmente tra i vari contenuti, individuando con semplicità le esperienze e le principali competenze dei vari professionisti;
  • la grafica: è importante trasmettere autorevolezza già dal primo impatto, quindi anche il design deve essere curato.

Problematiche e opportunità

Un sito internet per lo Studio Legale è senza dubbio molto importante per avere maggiore visibilità, ma non si tratta di qualcosa di statico da lasciare online senza effettuare alcuna modifica.

Spesso, infatti, è necessario effettuare degli aggiornamenti, ad esempio:

  • cambiare l’indirizzo dello Studio
  • aggiungere un nuovo professionista o modificarne la descrizione
  • modificare il ruolo di un professionista
  • cambio di tecnologia del sito web

Per compiere tali azioni, nella maggior parte dei casi bisogna contattare direttamente chi ha realizzato il sito web, ciò significa che la procedura diventa abbastanza lunga e costosa.

Non avere il controllo e non potere personalizzare le informazioni presenti è un problema per l’avvocato, che deve costantemente chiedere l’intervento di terzi per evitare di comunicare in modo sbagliato o incompleto con i potenziali clienti.

Ma non solo. Il sito “vetrina” per promuovere la propria attività, è soltanto il punto di partenza, ma per essere davvero incisivi sfruttando a pieno le potenzialità del web si devono compiere altre azioni per essere presenti nelle prime pagine di Google per specifiche chiavi di ricerca strategiche.

Le modalità per raggiungere tale obiettivo sono:

  • adottare una strategia SEO, cioè studiare il testo da pubblicare in ogni singola pagina del sito, per aiutare Google a posizionarlo tra i primi risultati
  • scrivere in maniera costante articoli tematici, di interesse per gli utenti, ma anche per Google
  • pagare per essere