Scadenze fiscali dicembre 2022: Imu, acconto Iva. Le date

Scarica PDF Stampa
Tra le scadenze fiscali dicembre 2022 figura il versamento del saldo IMU, la seconda rata dell’Imposta Municipale Unica dovuta nel 2022 dopo l’acconto di giugno. Inizialmente prevista per il 30 giugno, è stato inoltre spostato al 31 dicembre il termine per la presentazione della Dichiarazione IMU 2022. Trattandosi di un sabato, il termine viene spostato al primo giorno lavorativo utile, ovvero il 2 gennaio 2023. Previsti per la metà del mese i consueti appuntamenti con il versamento di ritenute d’acconto, Irpef, Iva e contributi Inps. Altra scadenza importante, il 27 dicembre, riguarda il versamento dell’Acconto Iva 2022.

Vediamo nei prossimi paragrafi il calendario completo delle scadenze fiscali dicembre 2022 in base a quanto riportato dallo scadenzario dell’Agenzia delle Entrate.
Indice
Scadenze fiscali dicembre 2022: 15 dicembre Entro il 15 dicembre la società Acquirente Unico S.p.A. dovrà comunicare all’Agenzia delle Entrate i dati di dettaglio relativi al canone TV addebitabile e accreditabile nelle fatture emesse dalle imprese elettriche riferiti al mese precedente.

Sempre in questa data, inoltre, è prevista la registrazione da parte di soggetti Iva, esercenti commercio al minuto e ASD, Pro Loco e altre associazioni, rispettivamente di fatture, operazioni per le quali è rilasciato lo scontrino fiscale e l’ammontare dei corrispettivi, riferiti al mese precedente.
Scadenze fiscali dicembre 2022: 16 dicembre Il 16 del mese è il giorno dedicato ai versamenti periodici. Sono 59 i versamenti diversi previsti per questo giorno, tra cui:
  • Irpef, Ires e Irap;
  • Addizionali regionali e comunali;
  • imposta sugli intrattenimenti;
  • Tobin Tax;
  • Iva;
  • Ritenute;
  • Imposta sostitutiva.
  • Scadenze fiscali dicembre 2022: saldo IMU Sempre entro il 16 dicembre dovrà essere pagato il saldo 2022 dell’Imposta Municipale Unica. Si ricorda che sono esonerati dal pagamento dell’imposta i possessori di un immobile adibito ad abitazione principale accatastato nelle categorie A/2, A/3, A/4, A/5, A/6, A/7. Sono esonerati dal pagamento inoltre:
  • il nudo proprietario (quando sull’immobile è presente un usufrutto);
  • l’inquilino dell’immobile (l’imposta viene versata dal titolare dei diritti reali);
  • la società di leasing concedente (in quanto paga l’utilizzatore);
  • il comodatario (paga il comodante titolare dell’immobile),
  • l’affittuario dell’azienda se l’azienda comprende un immobile (il versamento compete al proprietario dell’azienda concessa in affitto);
  • il coniuge non assegnatario in caso di separazione o divorzio.
  • Il saldo rappresenta la seconda rata dell’Imu per il 2022, poiché la scadenza relativa al primo acconto era prevista per il 16 giugno scorso.
    Scadenze fiscali dicembre 2022: 20 dicembre Previsto per il 20 dicembre il versamento dell’imposta sull’assicurazione per le imprese di assicurazione. Sempre in questa data, inoltre, andranno versate le ritenute operate da parte dei condomini in qualità di sostituti d’imposta a titolo di acconto sui corrispettivi pagati nel periodo giugno 2022 – novembre 2022 per prestazioni relative a contratti d’appalto, di opere o servizi effettuate nell’esercizio d’impresa il cui importo cumulato mensilmente non abbia raggiunto la soglia di EUR 500,00 al 30 novembre 2022.

    Infine, entro il 20 dicembre le imprese elettriche dovranno comunicare all’Agenzia delle Entrate di dati di dettaglio relativi al canone TV addebitato, accreditato, riscosso e riversato nel mese precedente.
    Scadenze fiscali dicembre 2022: 27 dicembre Acconto Iva Come anticipato, entro il 27 dicembre, i contribuenti IVA soggetti agli obblighi di liquidazione e versamento sia mensili sia trimestrali dovranno provvedere al versamento dell’acconto IVA relativo all’anno 2022.

    Per il pagamento è possibile usare il Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato.
    Sempre il 27 dicembre gli operatori intracomunitari con obbligo mensile dovranno presentare gli elenchi riepilogativi INTRASTAT delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi rese nel mese precedente nei confronti di soggetti UE
    Scadenze fiscali dicembre 2022: 30 dicembre Entro il 30 dicembre 2022 gli eredi di persone decedute dopo il 28 febbraio 2022 potranno versare l’IRPEF dovuta, a titolo di saldo per il 2021, in base alla dichiarazione dei redditi 2022, dal soggetto deceduto, senza alcuna maggiorazione. Per la medesima categoria di contribuenti sono inoltre previsti i versamenti di:
  • Cedolare secca;
  • Iva;
  • Irap;
  • addizionali comunali e regionali;
  • imposta sostitutiva.
  • Scadenze fiscali dicembre 2022: Dichiarazione IMU 2022 Di norma la Dichiarazione IMU va inviata entro il 30 giugno dell’anno successivo alla data in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute modifiche rilevanti, allo scopo di determinare la giusta imposta. Con il Decreto Semplificazioni 2022, per quest’anno, questa data è stata spostata al 31 dicembre 2022.

    Si ricorda che la dichiarazione IMU deve essere trasmessa dai tutti i soggetti passivi possessori di immobili, il cui possesso abbia subito variazioni rispetto all’anno precedente. Non si deve fare ogni anno, ma solo nel caso cui l’immobile abbia subito variazioni.
    Alessandro Sodano